Giovedì 27 Febbraio 2020 | 09:46

NEWS DALLA SEZIONE

gara di solidarietà
Bari, salvate 3 vite umane grazie ad un trapianto di rene in tandem

Bari, salvate 3 vite umane grazie ad un trapianto di rene in tandem

 
Il caso
«Voli dal Nord? Nessun controllo». Polemica sull’aeroporto di Bari

«Voli dal Nord? Nessun controllo». Polemica sull’aeroporto di Bari

 
udienza preliminare
Bari, uccise il marito, chiesto l'abbreviato: la difesa dell'imputata solleva questione di legittimità costituzionale

Bari, uccise il marito, chiesto l'abbreviato: la difesa dell'imputata solleva questione di legittimità costituzionale

 
la decisione
Coronavirus, Bari sospesi tirocini per studenti di Medicina

Coronavirus, Bari sospesi tirocini per studenti di Medicina

 
Controlli della Ps
Bari, a spasso con droga e pistola: arrestato nipote boss Parisi

Bari, a spasso con droga e pistola: arrestato nipote boss Parisi

 
Prevenzione
tribunale di Bari

Coronavirus, Tribunale Bari, varate 12 misure per l'emergenza da seguire in udienza e uffici

 
L'udienza
Acquaviva, uccise il marito a coltellate: chiesto processo per 29enne

Acquaviva, uccise il marito a coltellate: chiesto processo per 29enne

 
Avviato l'iter
Polignano, ok da giunta regionale a Parco Ripagnola: la parola al consiglio

Polignano, ok da giunta regionale a Parco Ripagnola: la parola al consiglio

 
Lo stadio
Bari, la tribuna est superiore del San Nicola è biancorossa: ecco i nuovi seggiolini

Bari, la tribuna est superiore del San Nicola è biancorossa: ecco i nuovi seggiolini

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari in trasferta a Terni per non perdere la speranza

Bari, 2-2 a Terni. Pareggio amaro: la Reggina se ne va, il Monopoli si avvicina

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaMaltempo
Forti raffiche di vento a Potenza: divelti pali della luce e alberi sradicati

Forti raffiche di vento a Potenza: divelti pali della luce e alberi sradicati

 
HomeIl virus
Il Coronavirus arriva in Puglia, un caso positivo a Taranto: tornato da poco da Codogno

Coronavirus a Taranto: 33enne di Torricella tornato in aereo lunedì da Codogno. È asintomatico e senza febbre 
Al Moscati isolato pronto soccorso. Scuole chiuse fino all'1 marzo

 
BatL'incidente mortale
Trinitapoli, auto finisce fuori strada sulla S 16: morta 56enne

Trinitapoli, scontro tra due auto, una finisce fuori strada sulla SS16: morta 56enne

 
BrindisiLa curiosità
Ceglie Messapica, ecco la ricercatrice che ricava la carta dai funghi

Ceglie Messapica, ecco la ricercatrice che ricava la pelle dai funghi

 
LecceIsolato a Codogno
La testimonianza: «Io, medico di Novoli contagiato dal Coronavirus»

La testimonianza: «Io, medico di Novoli contagiato dal Coronavirus»

 
MateraIl recupero
Matera, ritrovato senza vita nella Gravina il corpo di Giovanni Montesano

Matera, ritrovato senza vita nella Gravina il corpo di Giovanni Montesano

 

Criminalità

Bari, boss Montani torna in cella: sparò per vendicare morte del figlio

Il 55enne, che aveva scontato 18 anni di carcere, torna in cella per un agguato avvenuto un anno fa

Bari, boss Montani torna in cella: sparò per vendicare morte del figlio

Il boss del quartiere San Paolo di Bari Andrea Montani, 55 anni, detto Malagnac, torna in carcere. I Carabinieri del Nor di Modugno (Bari) hanno eseguito una ordinanza di custodia per il tentato omicidio del pregiudicato 42enne Ignazio Gesuito, ferito in un agguato il 5 febbraio 2018 nel quartiere Cecilia di Modugno. Montani, soprannominato 'Malagnacch’, avrebbe tentato di ucciderlo per vendicare il figlio Salvatore, ammazzato da Gesuito nel giugno 2006.

Al boss, tornato libero nel 2016 dopo 18 anni in carcere e che era ai domiciliari per una rapina, il nuovo reato è contestato con le aggravanti del metodo mafioso e dell’aver agito «per motivi di supremazia e riaffermazione mafiosa sul territorio», di giorno e a volto scoperto. Gesuito, raggiunto da due sicari nel cortile condominiale di casa, fu colpito al torace e a un braccio da 4 dei 9 proiettili esplosi contro di lui da Montani, che avrebbe continuato a sparare anche quando la vittima era ormai a terra di spalle. Sopravvissuto, ha perso l’uso delle gambe.

L’agguato del 2018 è avvenuto nello stesso luogo dove nel 2006 c'era il negozio di animali 'Savanà all’esterno del quale Gesuito uccise il 18enne Salvatore Montani, figlio di Andrea. Gesuito per questo delitto era stato in carcere 9 anni fino al 2014 e poi si era trasferito a vivere in una città de Nord Italia, tornando a Bari nel 2017 per gestire alcuni affari di famiglia.

«I sodalizi di tipo mafioso - spiega il gip Giovanni Anglana nell’ordinanza - hanno memoria lunga e, sovente, i fatti di sangue costituiscono una reazione a torti subiti anni prima». Per il giudice, inoltre, «il delitto, nelle intenzioni di Montani, costituiva una riaffermazione del proprio predominio sul territorio quale segno dimostrativo, anche nei confronti della popolazione del quartiere, della capacità del sodalizio di non dimenticare gli affronti e di colpire, anche a freddo e a distanza di molti anni».
Tra i motivi di «rancore» tra Montani e Gesuito, ci sarebbe stata anche la pendenza dinanzi al Tribunale di Bari di un procedimento civile per ottenere il risarcimento danni da quasi 200mila euro chiesto dalla famiglia del boss per l’omicidio del figlio, con udienza fissata pochi giorni dopo l’agguato.
Agli atti dell’indagine dei Carabinieri, coordinata dai pm Domenico Minardi e Federico Perrone Capano, ci sono soprattutto intercettazioni telefoniche e ambientali, video-riprese e le dichiarazioni di vittima e familiari. Nei prossimi giorni il boss Montani, difeso dall’avvocato Nicola Quaranta, sarà sottoposto ad interrogatorio di garanzia per rogatoria a Torino, dove si trova attualmente detenuto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie