Venerdì 20 Settembre 2019 | 00:52

NEWS DALLA SEZIONE

Nella notte
Bari, furto in stazione di servizio con inseguimento: 2 arresti e 2 ricercati

Bari, furto in stazione di servizio con inseguimento: 2 arresti e 2 ricercati

 
Arte
Molfetta si trasforma in capitale della scultura

Molfetta si trasforma in capitale della scultura

 
L'inchiesta
Carbonara, medici in trincea. Lo sfogo del direttore: «Nessuna regola, tante aggressioni»

Carbonara, medici in trincea. Lo sfogo del direttore: «Nessuna regola, tante aggressioni»

 
La decisione
Ucciso per errore a Carbonara, Cassazione: «Si farà nuovo processo»

Ucciso per errore a Carbonara, Cassazione: «Si farà nuovo processo»

 
nel Barese
Polignano, non rispettano divieto di balneazione: multati due acquascooter

Polignano, non rispettano divieto di balneazione: multati due acquascooter

 
Il caso dress code
Bari, il Riesame anulla sequestro telefoni e pc all'ex giudice Bellomo

Bari, il Riesame anulla sequestro telefoni e pc all'ex giudice Bellomo

 
Arrestato dalla Polizia
Terlizzi, maltrattava la moglie: in cella 53enne per stalking

Terlizzi, maltrattava la moglie: in cella 53enne per stalking

 
La sentenza
Bari, licenziato e reintegrato: torna in carica il direttore Feltrinelli

Bari, licenziato e reintegrato: torna in carica il direttore Feltrinelli

 
Dopo la nostra denuncia
Bari, negato fitto a studentessa disabile. L'Adisu le «trova» casa

Bari, negato fitto a studentessa disabile. L'Adisu le «trova» casa

 

Il Biancorosso

Serie C
Il Bari si dà una mossa: mini-ciclo per la svolta

Il Bari si dà una mossa: mini-ciclo per la svolta

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceNel Salento
Nardò, rubava da negozio di elettronica insieme alla figlia di 8 anni: arrestato

Nardò, rubava da negozio di elettronica insieme alla figlia di 8 anni: arrestato

 
TarantoNel tarantino
Martina Franca, asinelli incatenati e feriti: denunciato allevatore

Martina Franca, asinelli incatenati e feriti: denunciato allevatore

 
PotenzaSul raccordo Potenza-Sicignano
Furgone portavalori si schianta sul guardrail nel Potentino: un ferito

Furgone portavalori si schianta sul guardrail nel Potentino: un ferito

 
MateraTentato omicidio
Matera, lite per le spese del picnic, 31enne accoltella cognato: arrestato

Matera, lite per le spese del picnic, 31enne accoltella cognato: arrestato

 
BatLa proposta
Barletta, un'app sui cellulari per segnalare i cattivi odori

Barletta, un'app sui cellulari per segnalare i cattivi odori

 
Foggianel foggiano
Cerignola, polizia scopre autorimessa centrale del riciclaggio: 3 arresti

Cerignola, polizia scopre autorimessa centrale del riciclaggio: 3 arresti

 
BrindisiNel Brindisino
Villa Castelli, il paese festeggia la prima unione civile

Villa Castelli, il paese festeggia la prima unione civile

 

i più letti

Criminalità

Bari, boss Montani torna in cella: sparò per vendicare morte del figlio

Il 55enne, che aveva scontato 18 anni di carcere, torna in cella per un agguato avvenuto un anno fa

Bari, boss Montani torna in cella: sparò per vendicare morte del figlio

Il boss del quartiere San Paolo di Bari Andrea Montani, 55 anni, detto Malagnac, torna in carcere. I Carabinieri del Nor di Modugno (Bari) hanno eseguito una ordinanza di custodia per il tentato omicidio del pregiudicato 42enne Ignazio Gesuito, ferito in un agguato il 5 febbraio 2018 nel quartiere Cecilia di Modugno. Montani, soprannominato 'Malagnacch’, avrebbe tentato di ucciderlo per vendicare il figlio Salvatore, ammazzato da Gesuito nel giugno 2006.

Al boss, tornato libero nel 2016 dopo 18 anni in carcere e che era ai domiciliari per una rapina, il nuovo reato è contestato con le aggravanti del metodo mafioso e dell’aver agito «per motivi di supremazia e riaffermazione mafiosa sul territorio», di giorno e a volto scoperto. Gesuito, raggiunto da due sicari nel cortile condominiale di casa, fu colpito al torace e a un braccio da 4 dei 9 proiettili esplosi contro di lui da Montani, che avrebbe continuato a sparare anche quando la vittima era ormai a terra di spalle. Sopravvissuto, ha perso l’uso delle gambe.

L’agguato del 2018 è avvenuto nello stesso luogo dove nel 2006 c'era il negozio di animali 'Savanà all’esterno del quale Gesuito uccise il 18enne Salvatore Montani, figlio di Andrea. Gesuito per questo delitto era stato in carcere 9 anni fino al 2014 e poi si era trasferito a vivere in una città de Nord Italia, tornando a Bari nel 2017 per gestire alcuni affari di famiglia.

«I sodalizi di tipo mafioso - spiega il gip Giovanni Anglana nell’ordinanza - hanno memoria lunga e, sovente, i fatti di sangue costituiscono una reazione a torti subiti anni prima». Per il giudice, inoltre, «il delitto, nelle intenzioni di Montani, costituiva una riaffermazione del proprio predominio sul territorio quale segno dimostrativo, anche nei confronti della popolazione del quartiere, della capacità del sodalizio di non dimenticare gli affronti e di colpire, anche a freddo e a distanza di molti anni».
Tra i motivi di «rancore» tra Montani e Gesuito, ci sarebbe stata anche la pendenza dinanzi al Tribunale di Bari di un procedimento civile per ottenere il risarcimento danni da quasi 200mila euro chiesto dalla famiglia del boss per l’omicidio del figlio, con udienza fissata pochi giorni dopo l’agguato.
Agli atti dell’indagine dei Carabinieri, coordinata dai pm Domenico Minardi e Federico Perrone Capano, ci sono soprattutto intercettazioni telefoniche e ambientali, video-riprese e le dichiarazioni di vittima e familiari. Nei prossimi giorni il boss Montani, difeso dall’avvocato Nicola Quaranta, sarà sottoposto ad interrogatorio di garanzia per rogatoria a Torino, dove si trova attualmente detenuto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie