Mercoledì 17 Luglio 2019 | 04:38

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Bari, dress code alle corsiste: al via interrogatorio dell'ex giudice Bellomo

Bari, dress code alle corsiste: dopo 9 ore di interrogatorio Bellomo nega tutto

 
La città che cambia
Bari, al San Paolo arriva la ciclofficina nella Casa delle Culture

Bari, al San Paolo arriva la ciclofficina nella Casa delle Culture

 
L'episodio
Bari, sfilò Rolex dal polso di un automobilista: arrestato dopo 3 mesi

Bari, sfilò Rolex dal polso di un automobilista: arrestato dopo 3 mesi

 
Nella zona industriale
Bari, rapinano Banca Popolare di Bari: pistole in faccia ai dipendenti

Bari, rapinano Banca Popolare in via Zippitelli: pistole in faccia ai dipendenti

 
Il progetto
Bari, Corso Italia cambia volto: arriva una nuova pista ciclabile

Bari, Corso Italia cambia volto: arriva una nuova pista ciclabile

 
Indaga la GdF
Molfetta, furbetti del cartellino in ospedale: altri 6 dipendenti sospesi

Molfetta, furbetti del cartellino in ospedale: altri 6 dipendenti sospesi

 
Nel barese
Bitonto, gestivano un fitto commercio di droga: due arresti

Bitonto, gestivano un fitto commercio di droga: due arresti

 
Arrestata in flagrante
Bari, raggira anziano e gli ruba quasi 10mila euro: in cella una 33enne

Bari, raggira anziano e gli ruba quasi 10mila euro: in cella una 33enne

 
Con il WWF
Monopoli, i pescatori diventano gli "angeli custodi" degli squali: il progetto

A Monopoli i pescatori diventano gli "angeli custodi" degli squali: ecco il progetto

 
In via Cattedrale
Giovinazzo, maltrattano la gatta di «quartiere»: la città si mobilita per Pupa

Giovinazzo, maltrattano la gatta di «quartiere»: la città si mobilita per Pupa

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari, squadra parte in ritiro: non ci sarà Brienza

Bari, squadra parte in ritiro: non ci sarà Brienza

 

NEWS DALLE PROVINCE

GdM.TVIl video
San Severo, la festa del Soccorso con la corsa dei «fujenti» tra i petardi

San Severo, la festa del Carmelo con la corsa dei «fujenti» tra i petardi

 
TarantoMorti bianche
Taranto, gruista ex Ilva morto in mare: in settimana i funerali

Taranto, gruista ex Ilva morto in mare: in settimana i funerali

 
BatRifiuti
Discarica di Canosa, Stea: «In arrivo 4,2 mln per chiusura definitiva»

Discarica di Canosa, Stea: «In arrivo 4,2 mln per chiusura definitiva»

 
BrindisiUn mistero di 2000 anni fa
Brindisi, dalla Germania archeologi setacciano il mare a caccia del disco di Nebra

Brindisi, dalla Germania archeologi in mare a caccia del disco di Nebra

 
MateraL'omicidio
Pastore nel Materano, killer condannato a 26 anni di carcere

Pastore ucciso nel Materano, killer condannato a 26 anni

 
BariIl caso
Bari, dress code alle corsiste: al via interrogatorio dell'ex giudice Bellomo

Bari, dress code alle corsiste: dopo 9 ore di interrogatorio Bellomo nega tutto

 
LecceOrganizzato da Prog On
«Canterbury Tales»: Martano capitale del Prog per una sera, con il concerto di Richard Sinclair

«Canterbury Tales»: Martano capitale del Prog per una sera, con il concerto di Richard Sinclair

 
PotenzaDai carabinieri
Merce pagata e mai consegnata: 4 denunce nel Potentino per truffe online

Merce pagata e mai consegnata: 4 denunce nel Potentino per truffe online

 

i più letti

L'operazione

Bari, chiedevano soldi per evitare multe: arrestati 2 poliziotti e 2 imprenditori

I due agenti sono finiti in carcere mentre i titolari delle aziende ai domiciliari

polizia

BARI - Quattro persone, due ex ispettori della Polizia Provinciale (attualmente in servizio alla Polizia Metropolitana di Bari) e due imprenditori, sono stati arrestati dalla Squadra Mobile di Bari per i reati, a vario titolo contestati, di concussione, corruzione e falso. I due agenti, Raffaele Capotorto e Giovanni Francesco Loizzo, sono in carcere, gli imprenditori Espedito Protopapa e Walter Frallonardo, amministratori rispettivamente di Ri.Ma.Plast srl di Bari e di Frallonardo srl di Putignano, sono ai domiciliari. I due poliziotti avrebbero «sistematicamente» chiesto denaro a vari imprenditori «con la minaccia di elevare verbali di contestazione di inesistenti violazioni amministrative».

L’indagine - spiega la Procura - è stata avviata in seguito alla denuncia di un imprenditore titolare di autodemolizione che nel dicembre 2017 aveva ricevuto la richiesta da parte dei due "di somme di denaro, già corrisposte negli anni precedenti per l'importo complessivo di 800 euro, per il «regalo di Natale». E' emerso nel corso dell’indagine che i due «nel corso degli anni, avevano tenuto una condotta sistematicamente vessatoria nei confronti di vari imprenditori, strumentalizzando la propria funzione per fini personali ed esercitando una pressione sugli imprenditori/persone offese, costretti al versamento di somme soprattutto in occasione delle festività natalizie e pasquali». Sono state accertate varie dazioni di denaro con corresponsione di importi fino a 6.000 euro.

Nei confronti dei due imprenditori - secondo la Procura di Bari - «è stato accertato uno stabile accordo corruttivo da essi intrattenuto con gli ispettori, che impegnava permanentemente questi ultimi a compiere e/o omettere comportamenti doverosi connessi alla funzione esercitata con versamento sistematico di somme da parte degli imprenditori in corrispondenza delle festività di Natale e Pasqua».

Il denaro corrisposto ai due ispettori dagli imprenditori oggi arrestati sarebbe servito ad impedire, il 30 gennaio 2018, l'attività di una pattuglia della Polizia Provinciale che aveva proceduto al controllo di una betoniera intestata alla società Frallonardo e la falsa attestazione nel marzo 2015 della assenza di infrazioni nei confronti di una azienda intestata ad un’altra persona successivamente denunciata da altri operatori della Polizia Provinciale per contravvenzioni in materia ambientale. Agli ispettori è stato contestato anche il delitto di falsità ideologica e materiale «per avere, in vari verbali di accertamento di violazioni al Codice della Strada elevati nel mese di marzo 2018, falsamente dichiarato - spiega la Procura di Bari - l’orario di commissione della violazione e l'impossibilità di contestazione immediata per l’elevata velocità tenuta dal conducente del mezzo, avendo invece omesso di contestare immediatamente al conducente del mezzo l'infrazione e rallentato intenzionalmente l’andatura dell’auto di servizio per indurre gli automobilisti all’infrazione della guida».

La magistratura barese ha disposto il sequestro preventivo di beni e denaro riconducibili ai quattro indagati, dell’importo complessivo di circa 10mila euro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie