Mercoledì 22 Maggio 2019 | 14:36

NEWS DALLA SEZIONE

Il giallo
Santeramo, ritrovata la statua di Sant’Erasmo: abbandonata in un casolare

Santeramo, ritrovata la statua di Sant’Erasmo: abbandonata in un casolare

 
La storia
Bari, anziano a digiuno per giorni, picchiato e isolato in casa: arrestata badante

Bari, anziano a digiuno per giorni, picchiato e isolato in casa: arrestata badante

 
La decisione
Bari, figlio di 2 donne: giudice dà l'ok alla trascrizione dell'atto di nascita

Bari, figlio di 2 donne, i giudici: «Ok a trascrizione atto di nascita»

 
Il naufragio
Norman Atlantic: gup Tribunale Bari ammette 100 nuove parti civili

Norman Atlantic: gup Tribunale Bari ammette 61 nuove parti civili

 
La sentenza
di cosola

Bari, 27 condanne clan Di Cosola: 21 anni a fratello boss

 
Sanità
Politecnico Bari, scacco matto a ictus e infarti: ecco l'app per i consulti a distanza

Policlinico Bari, scacco matto a ictus e infarti: ecco l'app per i consulti a distanza

 
L'ecomostro
Bari, sì al salvataggio Sud Fondi: «Punta Perotti verrà venduta»

Bari, sì al salvataggio Sud Fondi: «Punta Perotti verrà venduta»

 
La protesta
«Fascista!»: a Lecce cori e proteste contro il comizio di Salvini

I cori contro Salvini: a Lecce «Fascista!» e a Bari: «Vaff...»

 
Dopo una lite
Conversano, ha problemi economici e tenta di uccidere figlio neonato: in cella 40enne

Conversano, ha problemi economici e tenta di uccidere figlio neonato: in cella 40enne

 
Alle 10.14
Nordbarese: due scosse di terremoto, sisma avvertito anche a Bari

Terremoto in Puglia, trema la Bat. Paura e scuole chiuse FOTO
Trani, crolla timpano chiesa FOTO

 

Il Biancorosso

IL PAGELLONE
Di Cesare e Floriano campionato topPiovanello l'under più in palla

Di Cesare e Floriano campionato top
Piovanello l'under più in palla

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl giallo
Santeramo, ritrovata la statua di Sant’Erasmo: abbandonata in un casolare

Santeramo, ritrovata la statua di Sant’Erasmo: abbandonata in un casolare

 
MateraL'idea
Matera 2019: mille studenti in marcia per la «Cultura»

Matera 2019: mille studenti in marcia per la «Cultura»

 
LecceÈ in prognosi riservata
Nardò, esplode distributore di bevande: grave operaio 23enne

Nardò, esplode distributore di bevande: grave operaio 23enne

 
TarantoIl caso
Taranto, furti nei supermercati del centro: 5 denunce

Taranto, furti nei supermercati del centro: 5 denunce

 
Foggianel foggiano
mattinata

Mattinata, amministrazione giudiziaria per ditta allevamento, sospetta agevolazione mafiosa

 
BrindisiDopo la denuncia
Erchie, picchia e minaccia la moglie per anni: arrestato

Erchie, picchia e minaccia la moglie per anni: arrestato

 
PotenzaL'operazione
GdF, a Lauria scoperti 5 lavoratori in nero

GdF, a Lauria scoperti 5 lavoratori in nero

 
BatSanità
Andria, donazione multiorgano: il gesto di un 70enne

Andria, donazione multiorgano: il gesto di un 70enne

 

i più letti

Dopo 29 anni

Bari, abbattuto il muro di via De Bellis dell'ex Caserma Rossani

Iniziati stamattina gli interventi per la demolizione della barriera di tufo: al suo posto una recinzione trasparente con ringhiera disegnata dall'architetto Fuksas

Bari, abbattuto il muro di via De Bellis dell'ex Caserma Rossani

BARI - Sono cominciate questa mattina le operazioni di abbattimento di una parte del muro perimetrale dell'ex caserma Rossani in via De Bellis, dove da qualche mese sono cominciati i lavori per la realizzazione di un parco e, da poche settimane, è stato avviato anche il cantiere per la nuova Biblioteca Regionale. 

«Finalmente, dopo 29 anni abbiamo aperto la ex Caserma Rossani» commenta Decaro durante il sopralluogo al cantiere e il suo simbolico avvio all'abbattimento. «Abbattiamo un muro che per anni è stato il simbolo della inviolabilità di questo spazio. Per intere generazioni questa Caserma è stata solo un muro. Penso agli studenti o ai pendolari che arrivavano a Bari in stazione, o con il pullman, come ho fatto io stesso nel periodo in cui frequentavo l’Università, che per decenni hanno visto solo un muro e ignoravano cosa ci fosse oltre. Oggi questo muro lo buttiamo giù e apriamo un parco, che stiamo realizzando, di circa 30.000 mq, sul quale si affacciano decine di balconi di cittadini e la biblioteca regionale, la più grande public library del Mezzogiorno d’Italia, di cui oggi sono in corso i lavori. Uno spazio per leggere, per stare insieme, per creare e condividere cultura, aperto tutto il giorno. Ma la Caserma Rossani sarà anche arte, con il grande progetto dell’accademia delle belle arti finanziato dalla Città Metropolitana. Aule, laboratori, spazi per creare e soprattutto una scuola d’arte all’altezza della sua funzione.
Questo muro che va giù è un simbolo della nostra visione di questa città: spazio pubblico riqualificato, nuove funzioni e la possibilità per i cittadini di stare insieme e di vivere la città. Come abbiamo sempre detto, in questo luogo non ci saranno nuove volumetrie, solo aree a verde e e riqualificazione dell’esistente. Buona fortuna alla Caserma Rossani e ai futuri proprietari, i baresi».

Il muro è lungo 280 metri, 30 dei quali sono già stati rimossi in occasione dell’apertura alla città dell’Urban Center, realizzato nella ex palazzina-spogliatoi. Si tratta di un intervento che consentirà per la prima volta di avere una vista prospettica di questo grande spazio nel cuore della città.

Nelle future previsioni del parco, via De Bellis sarà valorizzata come arteria prevalentemente pedonale e ciclabile che collegherà via Giulio Petroni e corso Benedetto Croce, mentre il transito, a senso unico, sarà consentito solo alle autovetture dei frontisti.

La recinzione del parco, che sarà realizzata in sostituzione del vecchio muro in tufo, sorgerà in posizione più arretrata rispetto a quella odierna e sarà trasparente, dotata di una ringhiera disegnata dall’architetto Fuksas.

Anche grazie all’abbattimento del muro, il parco avrà dieci punti d’accesso: otto sorgeranno lungo il perimetro (tre su corso Benedetto Croce, tre su via De Bellis e due su via Giulio Petroni), mentre i restanti due permetteranno di passare direttamente dal parco alla zona retrostante, rappresentata dalla piazza d’armi interna all’area della ex Caserma Rossani.

L’abbattimento del muro sarà accompagnato da operazioni di sistemazione provvisoria dello spazio ricavato dall’arretramento della recinzione e degli attuali pali di pubblica illuminazione in una posizione prevista per il nuovo impianto di pubblica illuminazione, da realizzarsi nell’ambito della riqualificazione di via De Bellis, già inserita nel Piano triennale delle opere pubbliche per un importo di 1 milione di euro. I lavori di demolizione dureranno alcuni giorni. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400