Mercoledì 22 Maggio 2019 | 15:39

NEWS DALLA SEZIONE

Il giallo
Santeramo, ritrovata la statua di Sant’Erasmo: abbandonata in un casolare

Santeramo, ritrovata la statua di Sant’Erasmo: abbandonata in un casolare

 
La storia
Bari, anziano a digiuno per giorni, picchiato e isolato in casa: arrestata badante

Bari, anziano a digiuno per giorni, picchiato e isolato in casa: arrestata badante

 
La decisione
Bari, figlio di 2 donne: giudice dà l'ok alla trascrizione dell'atto di nascita

Bari, figlio di 2 donne, i giudici: «Ok a trascrizione atto di nascita»

 
Il naufragio
Norman Atlantic: gup Tribunale Bari ammette 100 nuove parti civili

Norman Atlantic: gup Tribunale Bari ammette 61 nuove parti civili

 
La sentenza
di cosola

Bari, 27 condanne clan Di Cosola: 21 anni a fratello boss

 
Sanità
Politecnico Bari, scacco matto a ictus e infarti: ecco l'app per i consulti a distanza

Policlinico Bari, scacco matto a ictus e infarti: ecco l'app per i consulti a distanza

 
L'ecomostro
Bari, sì al salvataggio Sud Fondi: «Punta Perotti verrà venduta»

Bari, sì al salvataggio Sud Fondi: «Punta Perotti verrà venduta»

 
La protesta
«Fascista!»: a Lecce cori e proteste contro il comizio di Salvini

I cori contro Salvini: a Lecce «Fascista!» e a Bari: «Vaff...»

 
Dopo una lite
Conversano, ha problemi economici e tenta di uccidere figlio neonato: in cella 40enne

Conversano, ha problemi economici e tenta di uccidere figlio neonato: in cella 40enne

 
Alle 10.14
Nordbarese: due scosse di terremoto, sisma avvertito anche a Bari

Terremoto in Puglia, trema la Bat. Paura e scuole chiuse FOTO
Trani, crolla timpano chiesa FOTO

 

Il Biancorosso

IL PAGELLONE
Di Cesare e Floriano campionato topPiovanello l'under più in palla

Di Cesare e Floriano campionato top
Piovanello l'under più in palla

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl giallo
Santeramo, ritrovata la statua di Sant’Erasmo: abbandonata in un casolare

Santeramo, ritrovata la statua di Sant’Erasmo: abbandonata in un casolare

 
MateraL'idea
Matera 2019: mille studenti in marcia per la «Cultura»

Matera 2019: mille studenti in marcia per la «Cultura»

 
LecceÈ in prognosi riservata
Nardò, esplode distributore di bevande: grave operaio 23enne

Nardò, esplode distributore di bevande: grave operaio 23enne

 
TarantoIl caso
Taranto, furti nei supermercati del centro: 5 denunce

Taranto, furti nei supermercati del centro: 5 denunce

 
Foggianel foggiano
mattinata

Mattinata, amministrazione giudiziaria per ditta allevamento, sospetta agevolazione mafiosa

 
BrindisiDopo la denuncia
Erchie, picchia e minaccia la moglie per anni: arrestato

Erchie, picchia e minaccia la moglie per anni: arrestato

 
PotenzaL'operazione
GdF, a Lauria scoperti 5 lavoratori in nero

GdF, a Lauria scoperti 5 lavoratori in nero

 
BatSanità
Andria, donazione multiorgano: il gesto di un 70enne

Andria, donazione multiorgano: il gesto di un 70enne

 

i più letti

Prevista oggi

Cronista Rai aggredita da moglie boss: a Bari salta udienza

Maria Grazia Mazzola fu aggredita nel 2018 dalla 44enne Monica Laera

Tribunale, toga

Tornano alla Procura per un difetto di notifica, e così salta l’udienza preliminare, gli atti del procedimento sull'aggressione del 9 febbraio 2018 ai danni della giornalista del Tg1 Maria Grazia Mazzola. Dinanzi al gup del Tribunale di Bari Giovanni Anglana gli avvocati Giancarlo Chiariello e Attilio Triggiani, difensori della pregiudicata 44enne Monica Laera, moglie del boss di Bari Lorenzo Caldarola, accusata di lesioni e minacce, hanno eccepito la mancata notifica dell’avviso di conclusione delle indagini preliminari.
In udienza, nell’ex sezione distaccata di Bitonto, erano pronti a costituirsi parti civili accanto alla presunta vittima la Federazione Nazionale della Stampa Italiana (FNSI), rappresentata dagli avvocati Francesco Paolo e Roberto Eustachio Sisto, l’Unione delle Donne d’Italia (UDI) con l’avvocato Maria Pia Vigilante e il Comune di Bari con l’avvocato Bianca Laura Capruzzi. All’esterno dell’aula di udienza si è tenuto un presidio di solidarietà alla collega del Tg1 con una delegazione di Associazione della Stampa e Ordine dei giornalisti di Puglia, FNSI e Usigrai. Secondo l’accusa la moglie del boss avrebbe minacciato la giornalista e l’avrebbe colpita con un pugno al volto, in reazione alla richiesta della cronista di informazioni sui procedimenti penali in corso nei confronti del figlio Ivan, all’epoca minorenne, mentre in quel momento all’interno dell’abitazione della famiglia Caldarola, nel quartiere Libertà (la giornalista era in strada), era allestita una camera ardente perché la stessa mattina era deceduta una familiare.


Il rinvio dell’udienza ha scatenato una serie di polemiche, alimentate da un post su Facebook nel quale Mazzola scrive di "legali dei clan» che «se le inventano tutte». Le risponde sui social la Camera Penale di Bari ricordando che «il processo ha regole e garanzie» e che «non c'è nulla di peggio di chi invoca la legalità e poi si scaglia proprio contro chi garantisce l'applicazione delle regole e della legge».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400