Domenica 26 Maggio 2019 | 22:57

NEWS DALLA SEZIONE

Curiosità
Bari, «le donne ora non possono entrare»: code e proteste in un seggio

Bari, «Le donne per ora devono aspettare»: proteste al seggio

 
Ricerca
Fisica, i ricercatori dell’Università di Bari tornano al Polo Nord

Fisica, i ricercatori dell’Università di Bari tornano al Polo Nord

 
L'inchiesta
Bari, pm dissequestra beni a ex dirigente Policlinico

Bari, pm dissequestra beni a ex dirigente Policlinico

 
Verso il voto
Comunali, Decaro: «La nostra è una storia straordinaria: Bari è più moderna e europea»

Comunali, Decaro: «La nostra è una storia straordinaria: Bari è più moderna e europea»

 
Verso il voto
Comunali Bari, Melini: «Più bel regalo? Donarmi alla città»

Comunali Bari, Melini: «Più bel regalo? Donarmi alla città»

 
Verso il voto
Comunali, Pani (M5s): «Voglio amministrare Bari ripartendo dai cittadini»

Comunali, Pani (M5s): «Voglio amministrare Bari ripartendo dai cittadini»

 
A San Girolamo
Bari, l'arrivo della Vlora raccontato con una scultura in alfabeto morse

Bari, l'arrivo della Vlora raccontato con una scultura in alfabeto morse

 
Dopo il comizio
Bari, il pm: «Striscioni contro Salvini? No offese, ma critica politica»

Bari, «Striscioni contro Salvini? Non sono offese»: così il pm boccia il sequestro

 
Nel quartiere Libertà
Bari, a 15 e 16 anni assaltano un market con coltello: arrestati

Bari, a 15 e 16 anni assaltano un market con coltello: arrestati

 
Nel barese
Castellana, trasporta studenti in pulmino abusivamente: sanzionato

Castellana, trasporta studenti in pulmino abusivamente: sanzionato

 

Il Biancorosso

L'INTERVISTA
Bellinazzo.: "Il Bari in serie A un affareVarrebbe tra i 70 e gli 80 milioni di euro"

Bellinazzo: «Bari in serie A un affare tra i 70 e gli 80 mln di euro»

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIl caso in Salento
Novoli, sbagliano il nome del candidato sindaco: sulla scheda un "De" in più

Novoli, sbagliato il nome del candidato sindaco sulla scheda: un «De» in più

 
BariLa gara
Focaccia barese la più buona d'Italia: premiata al Fico di Bologna

Focaccia barese la più buona d'Italia: premiata al Fico di Bologna

 
MateraAlcuni disagi
Matera, elettori non trovano più i seggi: erano stati cambiati

Matera, elettori non trovano più i seggi: erano stati cambiati

 
BatIn piazza
Canosa, incendiata auto di avvocato ex assessore regionale

Canosa, incendiata auto di avvocato ex assessore regionale

 
BrindisiMala sanità
«Ceglie Messapica, cala il silenzio sull'ospedale»

Ceglie Messapica, fisiatra in aspettativa: niente riabilitazione dopo incidente

 
TarantoIl caso
Mangiano funghi velenosi: famiglia intossicata nel Tarantino

Mangiano funghi velenosi: famiglia intossicata nel Tarantino

 
FoggiaIn largo Risorgimento
Stornarella, la lite tra parenti sfocia in rissa: arrestati 6 romeni

Stornarella, la lite tra parenti sfocia in rissa: arrestati 6 romeni

 
PotenzaControlli del Noe
Rifiuti, quattro ditte non in regola in Basilicata: multe e denunce

Rifiuti, quattro ditte non in regola in Basilicata: multe e denunce

 

i più letti

Operazione dei cc

Traffico droga: scacco al clan Capriati-Diomede, 32 arresti a Bari

In 26 sono finiti in carcere e in 7 ai domiciliari: farebbero parte di un’articolazione dei clan Capriati-Diomede

Traffico droga: 30 arresti a Bari, disarticolato clan

Numerosi arresti e perquisizioni nei confronti di pregiudicati baresi ritenuti responsabili di associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti sono stati eseguiti questa mattina da carabinieri del comando provinciale di Bari, supportati dai reparti speciali "Cacciatori di Puglia", Nucleo Cinofili e 6° Elinucleo CC di Bari. Gli arrestati, tra cui ci sono anche alcune donne, farebbero parte di un'articolazione dei clan Capriati-Diomede. Finora sono state seguite 32 ordinanze di custodia cautelare, 26 in carcere e 6 ai domiciliari. Le ordinanze sono state firmate dal gip di Bari Francesco Mattiace su richiesta del sostituto procuratore Renato Nitti, della locale Dda, sulla base di indagini compiute dai carabinieri di Modugno (Bari).

Le indagini sono partite nel 2016 ed hanno già portato all'arresto in flagranza di 12 persone, con il sequestro complessivo di g.700 di hashish, 1 kg. di marijuana, 100 grammi di cocaina, 2 pistole, 2 mitragliette e 79 cartucce di diverso calibro. 

C'erano minorenni incaricati delle spaccio e donne con il compito di gestire i rapporti con i mariti detenuti e di custodire la droga nell’associazione per delinquere sgominata all’alba a Modugno (Bari) dai Carabinieri con l’arresto di 32 persone, 26 in carcere (tra i quali quattro donne) e 6 ai domiciliari.
Le indagini, coordinate dai magistrati della Dda di Bari Renato Nitti e Francesco Giannella, hanno ricostruito gli ultimi quattro anni dell’attività di spaccio nella città alle porte di Bari, sotto il controllo criminale del gruppo mafioso dei Diomede-Capriati. Intercettazioni, pedinamenti, videoriprese con microcamere e dichiarazioni di collaboratori di giustizia, hanno consentito di individuare le principali piazze di spaccio in città, in particolare la villa comunale e la piazza antistante la scuola elementare De Amicis.
A capo dell’organizzazione c'era il pregiudicato Lorenzo Siciliani. Le quattro donne arrestate sono tutte mogli di indagati finiti oggi in cella. Al momento dell’esecuzione degli arresti, i Carabinieri, con una squadra di quattro donne in borghese, si sono presi cura di nove minorenni di età compresa tra i 2 e gli 11 anni, i cui genitori sono stati entrambi arrestati. Le indagini sono partite dopo una sparatoria avvenuta nel dicembre 2014 davanti all’abitazione di un pregiudicato detenuto ai domiciliari. Tre degli indagati identificati come spacciatori al dettaglio erano inizialmente minorenni. Su di loro, infatti, procedono entrambe le magistrature, quella ordinaria e quella minorile.
Le intercettazioni telefoniche e ambientali hanno rivelato che agli spacciatori veniva consegnato il compenso settimanale ogni sabato e, quando non si attenevano alle indicazioni, venivano puniti con periodi di fermo dall’attività di spaccio e anche con percosse.
Le indagini hanno documentato l’uso di armi da parte dei presunti capi del gruppo criminale e la cessione di circa 50 dosi di droga al giorno tra marijuana, hascisc e cocaina.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400