Venerdì 24 Maggio 2019 | 18:49

NEWS DALLA SEZIONE

A San Girolamo
Bari, l'arrivo della Vlora raccontato con una scultura in alfabeto morse

Bari, l'arrivo della Vlora raccontato con una scultura in alfabeto morse

 
Dopo il comizio
Bari, il pm: «Striscioni contro Salvini? No offese, ma critica politica»

Bari, «Striscioni contro Salvini? Non sono offese»: così il pm boccia il sequestro

 
Nel quartiere Libertà
Bari, a 15 e 16 anni assaltano un market con coltello: arrestati

Bari, a 15 e 16 anni assaltano un market con coltello: arrestati

 
Nel barese
Castellana, trasporta studenti in pulmino abusivamente: sanzionato

Castellana, trasporta studenti in pulmino abusivamente: sanzionato

 
Guerra fra clan
Mafia, donna ferita per errore: condannato a 6 anni il boss Conte

Mafia, donna ferita per errore: condannato a 6 anni il boss Conte

 
L’inchiesta
Elezioni a Bari, focus sul Municipio 5 un: porto di desideri

Elezioni a Bari, focus sul Municipio 5 un: porto di desideri

 
I fatti nel 2013
Bari, morì per emorragia dopo intervento al cuore: assolto cardiologo

Bari, morì per emorragia dopo intervento al cuore: assolto cardiologo

 
Nel barese
Santeramo in Colle: rapina 14 negozi, arrestato 50enne, incastrato da telecamere

Santeramo: rapina 14 negozi, incastrato da telecamere

 
Il candidato
Comunali, Di Rella: centrodestra alternativa al declino

Comunali Bari, Di Rella: centrodestra alternativa al declino

 
I fatti nel 2017
Bari, la rapina al portavalori fallì grazie al conflitto a fuoco: 7 arresti

Bari, la rapina al portavalori fallì grazie al conflitto a fuoco: 7 arresti

 

Il Biancorosso

L'INTERVISTA
Bellinazzo.: "Il Bari in serie A un affareVarrebbe tra i 70 e gli 80 milioni di euro"

Bellinazzo: «Bari in serie A un affare tra i 70 e gli 80 mln di euro»

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaAuto e motori
Melgi, record in Fca: è stata prodotta la 500millesima Fiat 500 X

Melfi, record in Fca: è stata prodotta la 500millesima Fiat 500 X

 
BariA San Girolamo
Bari, l'arrivo della Vlora raccontato con una scultura in alfabeto morse

Bari, l'arrivo della Vlora raccontato con una scultura in alfabeto morse

 
TarantoA Grottaglie
Non si ferma all'alt e investe un poliziotto: arrestato 46enne

Non si ferma all'alt e investe un poliziotto: arrestato 46enne

 
LecceL'episodio domenica scorsa
Lecce, assalto a gazebo Lega: denunciati 5 uomini e 2 donne di area anarchica

Lecce, assalto a gazebo Lega: denunciati 5 uomini e 2 donne di area anarchica

 
BatNella Bat
Andria: molestie sessuali e foto osé a bimbo di 11 anni, arrestato 22enne

Andria: molestie sessuali e foto osé a bimbo di 11 anni, arrestato 22enne

 
BrindisiLa segnalazione
Brindisi: cous-cous a mensa, i genitori protestano

Brindisi: cous-cous a mensa, i genitori protestano

 
MateraSanità
Ospedale Tinchi, il nuovo assessore si vergogna: non è dignitoso

Ospedale Tinchi, nuovo assessore si vergogna: non è dignitoso

 

i più letti

Omicidio

Bari, donna uccisa e chiusa nell'armadio: ordinata nuova perizia

Era attesa la decisione sulla condanna a 23 anni dell'ex compagno della vittima

Bari, donna uccisa e chiusa nell'armadio: ordinata nuova perizia

BARI -  Nuovi accertamenti tecnici e medico legali sono stati disposti dalla Corte di Assise di Bari nel processo sulla morte della 48enne Donata De Bello, il cui corpo fu trovato il 13 luglio 2017 nella sua casa al quartiere Madonnella di Bari. Il corpo, che presentava ferite di arma da taglio, fu trovato chiuso in un armadio nella camera da letto, avvolto in un cellophane e poi in un tappeto, e legato con delle corde. Oggi i giudici avrebbero dovuto decidere sulla richiesta di condanna a 23 anni di reclusione per l’ex compagno della vittima, il 33enne barese Marco Basile, accusato di omicidio volontario e occultamento del cadavere.

Dopo le discussioni delle parti, le repliche e alcune ore di camera di consiglio, la Corte ha però deciso di rinviare la decisione, disponendo una perizia. In particolare, gli accertamenti riguarderanno alcune macchie di sangue trovate sul soffitto della stanza dove la donna morì accoltellata, e le contusioni sul corpo della vittima.
Stando alle indagini dei Carabinieri, coordinati dal pm Giuseppe Dentamaro, Basile avrebbe ucciso la donna al termine di un violento litigio, culminato con una coltellata alla giugulare della donna. I difensori dell’imputato, gli avvocati Stefano Remine e Massimo Guarini, hanno invece sempre sostenuto che era la vittima ad impugnare il coltello, e quindi si sarebbe trattato di un fatto accidentale.
Nel processo sono costituiti parti civili i quattro fratelli della donna e il suo ex marito con il figlio minorenne della vittima, rappresentati dagli avvocati Nicola Quaranta e Giuseppe Romano. Nella prossima udienza del 21 maggio sarà conferito l'incarico ai periti per i nuovi accertamenti tecnici.

L’analisi della traiettoria delle gocce di sangue rivelerà se siano state causate dalla mano dell’assassino che impugnava il coltello. È uno dei dettagli tecnici sui quali si concentreranno i periti nominati dalla Corte di Assise di Bari (presidente Antonio Diella) nel processo a carico del 33enne Marco Basile, accusato dell’omicidio volontario dell’ex compagnia 48enne Donata De Bello, il cui corpo senza vita fu trovato il 13 luglio 2017 nella casa al quartiere Madonnella di Bari dove i due convivevano.

Nell’ordinanza con la quale il giudice ha disposto nuovi accertamenti tecnici e medico legali, si fa particolare riferimento alle tracce ematiche trovate sul soffitto della stanza dove la donna morì accoltellata. I periti dovranno cioè capire se si tratti di schizzi provocati da un coltello impugnato da una mano diversa da quella della vittima. La difesa, infatti, sostiene che la donna si ferì accidentalmente impugnando un coltello durante un litigio con Basile, mentre la Procura accusa l’uomo di avere accoltellato l’ex compagna.
Altri accertamenti tecnici riguarderanno le lesioni sul cadavere. Il medico legale dovrà stabilire se siano compatibili con una aggressione violenta o se possano essere state provocate dalla caduta al suolo dopo il ferimento.
L’imputato rischia una condanna a 23 anni di reclusione e al risarcimento danni fino a un milione di euro per ciascuna delle parti civili costituite: i fratelli della vittima, difesi dall’avvocato Nicola Quaranta, e l’ex marito e il figlio minorenne della donna, assistiti dall’avvocato Roberto Di Marzo, subentrato nella difesa al precedente difensore Giuseppe Romano.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400