Sabato 24 Agosto 2019 | 04:20

NEWS DALLA SEZIONE

L'operazione della Gdf
Bari, 6mila paia di scarpe contraffatte dalla Grecia: sequestro al Porto

Bari, 6mila paia di scarpe contraffatte dalla Grecia: sequestro al Porto

 
Dopo un lungo inseguimento
Casamassima, polizia sventa rapina in farmacia: 3 banditi in manette

Casamassima, polizia sventa rapina in farmacia: 3 banditi in manette VD

 
Nel mare Adriatico
WWF: «Nelle acque di Monopoli nuotano 4 rari squali "sentinella"»

WWF: «Nelle acque di Monopoli nuotano 4 rari squali "sentinella"»

 
Il caso
Bari, strappa collanina dal collo di una donna e fugge: beccato dalla polizia

Bari, strappa collanina dal collo di una donna e fugge: beccato dalla polizia

 
In via Botticelli
Casamassima, maxi rissa per un cane: due carabinieri in ospedale

Casamassima, maxi rissa per un cane: due carabinieri in ospedale

 
Dolci sorprese
A Bitonto arriva il «gelato sospeso»: iniziativa di solidarietà

A Bitonto arriva il «gelato sospeso»: iniziativa di solidarietà

 
I controlli
Bari, nascondeva in un furgone 84 kg di marijuana: arrestato 31enne

Bari, nascondeva in un furgone 84 kg di marijuana: arrestato 31enne

 
Bari, boss Montani torna in cella: sparò per vendicare morte del figlio

Bari, boss Montani torna in cella: sparò per vendicare morte del figlio

 

Il Biancorosso

IL PUNTO
Il Bari gioca la carta Schiavone ci sarà più qualità a centrocampo

Il Bari gioca la carta Schiavone
ci sarà più qualità a centrocampo

 

NEWS DALLE PROVINCE

NewsweekDopo il Cinzella Festival
Gli Afterhours stregati da Taranto: Agnelli e D'Erasmo al MarTa

Gli Afterhours stregati da Taranto: Agnelli e D'Erasmo al MarTa

 
PotenzaLavoro
Fca a Melfi, da settembre stop produzione per altri 30 turni

Fca a Melfi, da settembre stop produzione per altri 30 turni

 
LecceL'evento
Notte Taranta: grande attesa per il Concertone con Elisa e Gué Pequeno

Notte Taranta: grande attesa per il Concertone con Elisa e Gué Pequeno

 
BatIl caso
Le saline di Margherita di Savoia diventano di proprietà francese

Le saline di Margherita di Savoia diventano di proprietà francese

 
FoggiaLotta alla droga
Trinitapoli, beccati 92 pacchi di cannabis light, ma in realtà era marijuana illegale

Trinitapoli, beccati con 92 pacchi di finta-cannabis light: arrestati in 2

 
HomeSulla strada 379
Scontro tra 2 auto sulla strada per Torre Canne: un morto e un ferito

Scontro tra 2 auto sulla strada per Torre Canne: un morto e un ferito

 
MateraIl sogno
Matera si candida a «Cinecittà» del Mezzogiorno

Matera si candida a «Cinecittà» del Mezzogiorno

 

i più letti

I fatti nel 2015

Soldi in cambio di voti: confermate condanne 5 baresi affiliati al clan Di Cosola

Avrebbero fermato gli elettori per strada invitandoli, con minacce e intimidazioni, a votare per Natale Mariella, non eletto

Soldi in cambio di voti: confermate condanne 5 baresi affiliati al clan Di Cosola

La Corte di Appello di Bari ha confermato le condanne, riducendo in parte le pene, per i cinque pregiudicati baresi affiliati al clan Di Cosola, imputati, a vario titolo, di associazione mafiosa, voto di scambio e coercizione elettorale con l’aggravante del metodo mafioso. I fatti contestati si riferiscono alla primavera 2015 e riguardano le elezioni regionali in Puglia.
In particolare - secondo l’accusa - quattro dei cinque imputati avrebbero fermato gli elettori per strada invitandoli, con minacce e intimidazioni, a votare per Natale Mariella (poi non eletto), candidato nella lista dei 'Popolari'. Per gli imputati Teodoro Frappampina e Giovanni Martinelli (condannati in primo grado nel giugno 2017 a 12 anni di reclusione), i giudici hanno riconosciuto la continuazione del reato con due precedenti condanne per fatti di mafia rideterminando le pene inflitte rispettivamente in 15 anni e in 15 anni e 2 mesi. Per il pregiudicato Luigi Guglielmi la pena è stata ridotta da 12 a 8 anni di reclusione, per Alfredo Sibilla da 9 anni e 4 mesi a 5 anni e 4 mesi di reclusione. Nei confronti di Carlo Giurano (accusato soltanto di associazione mafiosa e non dei reati legati alle elezioni) la pena è stata ridotta da 9 anni a 7 anni e 4 mesi di reclusione.


Stando alle indagini dei Carabinieri, coordinate dall’ex pm della Dda di Bari Carmelo Rizzo che ha rappresentato l’accusa anche nel processo di appello in qualità di sostituto pg, gli imputati dicevano agli elettori che avrebbero verificato il voto, impedendo così «il libero esercizio del diritto di voto ed alterando il risultato delle votazioni per la nomina dei rappresentanti del Consiglio regionale della Puglia per l’anno 2015». E lo avrebbero fatto avvalendosi della forza intimidatrice del clan mafioso Di Cosola, «oltre che della capacità di controllo del territorio e della possibilità di contare sull'omertà delle vittime e dell’ambiente in genere».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie