Giovedì 25 Aprile 2019 | 01:49

NEWS DALLA SEZIONE

Il premio
Mafia, scuola barese vince concorso Fondazione Falcone

Mafia, scuola barese vince concorso Fondazione Falcone

 
Il caso
Stupro in Cara Bari, in carcere sesto uomo gang nigeriana

Stupro in Cara Bari, in carcere sesto uomo gang nigeriana

 
Verso il 26 maggio
Bari, due sondaggi sulle comunali: «Decaro vince al primo turno», «Ballottaggio con Di Rella»

Bari, due sondaggi sulle comunali: «Decaro vince al primo turno», «Ballottaggio con Di Rella»

 
A Bari
Concessione spiaggia Torre Quetta: rinvio a giudizio per 3 indagati

Concessione spiaggia Torre Quetta: rinviati a giudizio 3 indagati

 
Nel quartiere San Paolo
Bari, col fratello fa irruzione in casa e aggredisce ex moglie: arrestati

Bari, col fratello fa irruzione in casa e aggredisce ex moglie: arrestati

 
emergenza in puglia
Xylella nel Barese, Noci firma l'ordinanze per bloccare il batterio

Xylella nel Barese, Noci firma l'ordinanza per bloccare il batterio

 
Approvato dal Ministero
Teatro Petruzzelli a Bari, ok al Piano di risanamento

Teatro Petruzzelli a Bari, ok al Piano di risanamento

 
Il retroscena
Scommesse online, «scuola barese» nel mirino: fa girare tanti soldi

Scommesse online, «scuola barese» nel mirino: fa girare soldi

 
L'intervista
Loredana Ascenza Fasano: «Ricomincio dai Verdi dopo la rinuncia ambientalista M5S»

Loredana Ascenza Fasano: «Ricomincio dai Verdi dopo la rinuncia ambientalista M5S»

 
le proposte dell’anas
Tangenziale da «liberare» tre opzioni da Bari a Mola

Tangenziale da «liberare» tre opzioni da Bari a Mola

 
Nuovi collegamenti
Bari più vicina ad Atene: da giugno voli diretti per la capitale greca

Bari più vicina ad Atene: da giugno voli diretti per la capitale greca

 

Il Biancorosso

L'ALLENATORE
"La vittoria più bella? Quella ad Acireale"Cornacchini: "Le difficoltà ci saranno sempre"

"La vittoria più bella? Quella ad Acireale"
Cornacchini: "Le difficoltà ci saranno sempre"

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl premio
Mafia, scuola barese vince concorso Fondazione Falcone

Mafia, scuola barese vince concorso Fondazione Falcone

 
TarantoAmbiente ferito
Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

 
LecceTecnologia
Lecce, ecco Dumbo: miniescavatore radiocomandato che pulisce le vasche Aqp

Lecce, ecco Dumbo: miniescavatore radiocomandato che pulisce le vasche Aqp

 
BatLavoro
Barletta, sindacati soddisfatti: stop licenziamenti alla Timac

Barletta, sindacati soddisfatti: stop licenziamenti alla Timac

 
FoggiaL'intervista
Giannini: «Al treno-tram la Regione ha rinunciato»

Giannini: «Al treno-tram Foggia-Manfredonia la Regione ha rinunciato»

 
BrindisiStalking
Francavilla, non accetta la relazione dell'ex e aggredisce lui e la compagna: arrestata

Francavilla, non accetta la relazione dell'ex e aggredisce lui e la compagna: arrestata

 
MateraIn fiamme
Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

 
PotenzaIl nuovo volto della regione
Basilicata, Bardi prende tempo: giunta dopo i 10 giorni

Basilicata, Bardi prende tempo: giunta dopo i 10 giorni

 

L'11 gennaio

Castellana Grotte, tornano «Le Fanove, i falò tipici della festa patronale

Il rito in onore della Madonna che liberò il paese dalla peste

Castellana Grotte, tornano «Le Fanove, i falò tipici della festa patronale

CASTELLANA GROTTE - Castellana Grotte si appresta a celebrare l’edizione 2019 de 'I Fanovè, una festa in onore di Maria Santissima della Vetrana, che 328 anni fa salvò gli abitanti del paese dalla peste. 'I Fanovè, cataste di legna sistemate dal centro alla periferia del paese, alte tra i 12 e i 16 metri, saranno accese l’11 gennaio. E l’edizione 2019 si presenta con una novità assoluta: un falò interamente creato da otto donne.
L’evento è stato presentato oggi a Bari alla presenza, tra gli altri, del sindaco di Castellana Grotte, Francesco de Ruvo, del presidente del Comitato feste patronali, Michele Guglielmi, e del dirigente del dipartimento Turismo e cultura della Regione Puglia, di Aldo Patruno.

'I Fanove' arderanno per ricordare il miracolo della liberazione dalla peste bubbonica che i fedeli attribuiscono alla Madonna della Vetrana nel 1691. E anche quest’anno saranno circa cento i falò accesi come forma di devozione e realizzati pulendo il terreno dalle radici di alberi e piante che si seccano durante l’anno. Un’attività che i 74 'favonistì eseguono durante tutte le stagioni, poiché serve anche a impedire il diffondersi di malattie delle piante, per poi dare vita alle cataste di legno che vengono bruciate l’11 gennaio.
Per favorire l’afflusso di turisti e visitatori, il Comune ha previsto due grandi aree di parcheggio: al centro commerciale Grotte, sulla Putignano-Castellana Grotte, e in via Polignano in Zona Pip. Da qui è stato messo a disposizione un servizio navetta gratuito per raggiungere il cuore della festa.

Nell’ambito della presentazione dei festeggiamenti in onore della Madonna (che iniziano l’11 gennaio e terminano il 20), Patruno ha annunciato la creazione dell’albo storico degli eventi legati al fuoco, con finanziamenti di circa 200mila euro annui, per mantenere salda l’identità del territorio. Il 2019 nascerà anche la Fondazione dei fuochi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400