Giovedì 23 Settembre 2021 | 02:41

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

La storia

Andrea Simone, prodigio del piano, a 12 anni vince concorsi

Il ragazzino è allievo del Conservatorio Piccinni di Bari

Andrea Simone, prodigio del piano, a 12 anni vince concorsi

Talento e autocontrollo. Andrea Simone De Nicolò, 12 anni, pianista, allievo del conservatorio «Piccinni», vanta già una serie di riconoscimenti a livello nazionale e internazionale, l'ultimo dei quali ottenuto la settimana scorsa in provincia di Savona, dove ha conquistato il primo premio nella categoria giovani del concorso «Città di Albenga». Giudicato da una giuria di docenti dei più prestigiosi conservatori italiani e stranieri (Vovka Ashkenazy, Debora Brunialti, Pierluigi Camicia, Gianfranco Carlascio, Sabrina Lanzi), Andrea ha prima sbaragliato la concorrenza, prevalendo anche su una decina di concorrenti di età superiore, per poi partecipare in serata al concerto dei vincitori a Palazzo Oddo. «Durante l'audizione ho eseguito quattro brani - ricorda - . È stato davvero emozionante, quasi quanto la giornata del 28 ottobre scorso, quando ho tenuto il primo concerto da solista nel Palazzo Discanno di Trani alla presenza della delegazione regionale del Fai (nell’ambito di un evento organizzato dalla European arts academy «Aldo Ciccolini», ndr). Non dimenticherò anche il 24 novembre: nella Chiesa Matrice di San Rocco a Valenzano ho suonato per beneficenza insieme con due miei amici di Roma e L'Aquila».


La passione per il pianoforte è nata per caso («non ho musicisti in famiglia, è stato un documentario a spronarmi») dopo una rinuncia («ho iniziato a suonare dopo aver detto a mio padre Tonio che in cambio avrei smesso di giocare a calcio»). Del resto, sarebbe stato davvero difficile conciliare le altre attività: innanzitutto la scuola (Andrea, nato a Bari e residente a Valenzano, frequenta con ottimi voti la seconda media all’istituto comprensivo di Capurso) e poi il karate, una disciplina praticata da circa sei anni («sono cintura nera; ha permesso di migliorare il mio autocontrollo, fondamentale per suonare il pianoforte»). Insomma, quando muove le mani (e i piedi, nelle gare sportive) di solito va a bersaglio. Ha anche affrontato, vincendole, le selezioni regionali di Martina Franca del prestigioso concorso Steinway, con ammissione alla finale italiana nella cornice del teatro Ristori di Verona («solo il primo classificato ha poi partecipato al Festival di Amburgo. Io ho intenzione di riprovarci nel prossimo biennio»). Intanto, si accinge innanzitutto a conseguire la licenza di solfeggio e ad affrontare l'esame di conferma al conservatorio (attualmente è iscritto al corso preaccademico). Poi si recherà a Livorno (fine gennaio) e Piombino (marzo) per altri concorsi pianistici internazionali («a Pasqua invece sarò in Ucraina, nella città di Khmelnitsky, per il ProArt international piano competition»). Talento e autocontrollo. La conferma arriva dalla docente della sua classe, il maestro Cinzia Falco, quarant'anni di insegnamento alle spalle. «Andrea – dice - è un bambino serio, attento, interessato, molto metodico, peculiarità che nella musica si notano. Si tenga conto che ha cominciato da zero e in meno di due anni ha raggiunto una ragguardevole capacità. Ha una particolare agilità nell’affrontare brani virtuosistici. Se consideriamo l’età e il livello cui è giunto in così poco tempo, ritengo possa farsi valere in concorsi internazionali con concorrenti di altissimo livello (giapponesi e cinesi a 15 anni fanno cose strabilianti, ndr). All’Accademia «Aldo Ciccolini» di Trani (il maestro Alfonso Soldano è il direttore artistico, ndr) ci sono circa 50 pianisti davvero promettenti, con la vocazione del concertismo, una decina dei quali giovanissimi. Andrea è il più piccolo di tutti».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie