Lunedì 25 Marzo 2019 | 12:37

NEWS DALLA SEZIONE

Vandali all'opera
Monopoli scritte su un muro a Porto Bianco, il sindaco: «Incivili»

Monopoli scritte su un muro a Porto Bianco, il sindaco: «Incivili»

 
La storia
Il gelato sushi «made in Mola» spopola a NY: l'idea del 28enne Pasquale

Il gelato sushi «made in Mola» spopola a NY: l'idea del 28enne Pasquale Ragone

 
Il riscatto
Valenzano, la coop «Semi di Vita» si prende i terreni tolti alla mafia

Valenzano, la coop «Semi di Vita» si prende i terreni tolti alla mafia

 
polizia postale in allerta
Dietro le mail si nascondono estorsioni sessuali: utenti baresi ricattati

Dietro le mail si nascondono estorsioni sessuali: utenti baresi ricattati

 
L’esodo dei camici bianchi
Bari, in pensione 100 medici all’anno e con la quota 100 aumentano

Bari, in pensione 100 medici all’anno e con la quota 100 aumentano

 
Per i 4mila aventi diritto
Bari, il Comune aiuta le famiglie in difficoltà con il «bonus bollette»

Bari, il Comune aiuta le famiglie in difficoltà con il «bonus bollette»

 
I fatti nel 2015
Soldi in cambio di voti: confermate condanne 5 baresi affiliati al clan Di Cosola

Soldi in cambio di voti: confermate condanne 5 baresi affiliati al clan Di Cosola

 
Ladro sfortunato
Sammichele di Bari: tenta furto in casa, arriva proprietario

Sammichele di Bari: tenta furto in casa, arriva proprietario

 
Ambiente
Sacchetti rifiuti, in 5 comuni baresi ritiro anche con tessera sanitaria

Sacchetti rifiuti, in 5 comuni baresi si ritireranno con tessera sanitaria

 
Tragedia sfiorata
Scuolabus in fiamme a Milano, tra i carabinieri eroi anche un barese

Scuolabus in fiamme a Milano, tra i carabinieri eroi anche il barese Francesco Citarella

 

Il Biancorosso

DOPO I 5 ANNI DI DASPO
La difesa dello steward della Turris"False accuse e tanta cattiveria"

La difesa dello steward della Turris
"False accuse e tanta cattiveria"

 

NEWS DALLE PROVINCE

HomeL'inchiesta
La crudeltà il vero volto della mafia del Foggiano: 9 morti su 10

La crudeltà il vero volto della mafia del Foggiano: 9 morti su 10

 
BariVandali all'opera
Monopoli scritte su un muro a Porto Bianco, il sindaco: «Incivili»

Monopoli scritte su un muro a Porto Bianco, il sindaco: «Incivili»

 
MateraIl caso
Matera, vaporizzate le richieste per acquisire Ferrosud

Matera, vaporizzate le richieste per acquisire Ferrosud

 
TarantoIl regolamento
Taranto, «Le auto dentro il cimitero? Devono esserci più controlli»

Taranto, «Le auto dentro il cimitero? Devono esserci più controlli»

 
LecceA Casarano
Lecce, al Liceo Vannini sbarca la robotica: ecco la scuola del futuro

Lecce, al Liceo Vannini sbarca la robotica: ecco la scuola del futuro

 
PotenzaI risultati
Regionali Basilicata, M5s primo partito con il 20%, a seguire la Lega, Pd all'8%

Regionali Basilicata, M5s primo partito con il 20%, a seguire la Lega, Pd all'8%

 
BrindisiI funerali
L’addio a Davide, Sara e Giulia: tre comunità del Brindisino unite dal dolore

L’addio a Davide, Sara e Giulia: tre comunità del Brindisino unite dal dolore

 
BatLa denuncia
Emergenza cinghiali nelle campagne della Bat

Emergenza cinghiali nelle campagne della Bat

 

La sentenza

Bari, truffe all'ex Provincia: condannati a 5 anni fratelli Antro, risarciranno 11 mln

Attraverso false fatture ottenevano finanziamenti dalla banche. I fatti risalgono al periodo 2008-2011. Gli arresti nel 2012. Restituiti i beni

Provincia Bari

I fratelli imprenditori Alviero ed Erasmo Antro sono stati condannati a 5 anni e 2 mesi di reclusione e a risarcmenti per oltre 11 milioni di euro, nell'ambito dell'inchiesta sulle truffe all'ente Provincia di Bari e di alcuni istituti di credito. La sentenza è stata emessa dalla I sezione penale del tribunale di Bari, giudice Michele Parisi che ha disposto per i due fratelli anche l'interdizione dai pubblici uffici per 5 anni.

Gli Antro erano imputati di truffa aggravata, falso materiale e ideologico, contraffazione di pubblici sigilli e violenza privata. La sentenza del giudice è andata al di là della richiesta di 3 anni e 4 mesi di reclusione formulata dalla Procura. Assolta, per non aver commesso il fatto, conformemente alla richiesta del pm, l’allora dirigente del Servizio finanziario della Provincia, Luigia Carbonara, coimputata per concorso nella truffa per aver omesso di rilevare e segnalare la falsità delle fatture emesse dalle società degli imprenditori baresi nei confronti dell’ente poi utilizzate per ottenere finanziamenti dalle banche.

Stando agli accertamenti della Guardia di Finanza, coordinata dal pm Carmelo Rizzo, la truffa da oltre 20 milioni di euro sarebbe stata commessa ottenendo rimborsi per lavori inesistenti di manutenzione delle strade. I fatti contestati si riferiscono agli anni 2008-2011. Gli imprenditori rispondono anche di violenza privata per aver minacciato quattro dipendenti (due dei quali, marito e moglie, si sono costituiti parte civile nel processo), prospettandone ripetutamente il licenziamento, perché collaborassero «alle operazioni di emissione e contabilizzazione delle false fatture».

Il giudice ha assolto anche il consorzio Sigi, Infrastrutture e Servizi, Infotec e Segnaletica e Servizi - società nel frattempo tutte fallite (assistite dall'avv. Alessandro Dello Russo) perché il fatto non è previsto dalla legge come illecito amministrativo. Inoltre ha ordinato le restituzione dei beni, ma ha condannato i due fratelli a risarcire i danni nei confronti delle parti civili, gli ex dipendenti, nonché di 10,3 milioni di euro nei confronti di Unicredit factoring a titolo di danno emergente e oltre 475mila euro per Ubi Carime, riconoscendo altresì il danno alla Città Metropolitana di Bari da liquidarsi in separata sede. Il giudice ha disposto inoltre una provvisionale di oltre 3 milioni per Unicredit e per l'intera somma di 475mila euro per Ubi Carime.

Nell’ambito dell'indagine i fratelli Alviero ed Erasmo Antro sono stati arrestati nel marzo 2012 con contestuale sequestro di beni per circa 20 milioni di euro, equivalente al presunto illecito profitto derivante dalla truffa. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400