Mercoledì 19 Dicembre 2018 | 01:59

NEWS DALLA SEZIONE

La decisione
Mafia e scommesse online, ai domiciliari i presunti capi clan

Mafia e scommesse online, ai domiciliari i presunti capi clan

 
La decisione
Policlinico Bari, Migliore annuncia: «stop alcune autorizzazioni intramoenia»

Policlinico Bari, Migliore annuncia: «stop alcune autorizzazioni intramoenia»

 
Il congresso
Bari, summit nazionale dei penalisti: «La riforma è un errore»

Bari, summit nazionale dei penalisti: «La riforma è un errore»

 
Sanità
Policlinico Bari, tra 180 giorni arriva il nuovo pronto soccorso

Policlinico Bari, tra 180 giorni arriva il nuovo pronto soccorso

 
L'intervista
Parla Manfredi: «L’Europa deve coniugare libertà e diritti»

Sovranismo, parla Manfredi: «L’Europa deve coniugare libertà e diritti»

 
Verso le comunali
Bari, nodo primarie, Di Rella: «Ecco perché mi sto buttando a destra»

Bari, nodo primarie, Di Rella: «Ecco perché mi sto buttando a destra»

 
Ex bar-pizzeria
Pineta S.Francesco, locali abbandonati affidati agli scout

Pineta S.Francesco, locali abbandonati affidati agli scout

 
Il provvedimento a Bari
Terrorismo, gip convalida fermo 20enne somalo a Bari

Terrorismo, convalidato fermo al somalo: fa parte di Daesh. Salvini: «Stretta sugli Sprar»

 
A Polignano e Milano
Ambiente: Pescaria dice addio alla plastica

Ambiente: Pescaria dice addio alla plastica

 

L'ispezione

Blitz dei Nas in centro commerciale: sequestrati 500 chili di cibi asiatici

Teste di oca, lingue di anatra, faraone in cattivo stati di conservazione nonchè granchi reali e giganti di provenienza sconosciuta

carabinieri nas

Circa 500 chili di alimenti etnici sono stati sequestrati dai Carabinieri del Nas di Bari, supportati da militari della Compagnia Carabinieri di Gioia del Colle, che hanno eseguito un intervento ispettivo all’interno di un centro commerciale della provincia di Bari, presso un’attività di recente apertura dedita alla commercializzazione all’ingrosso di prodotti alimentari di origine asiatica.

Tra i prodotti sequestrati, pesci di fiume affumicati e congelati, prodotti ittici vari, carne, tra cui fra cui teste di oca, lingue di anatra, faraone, e ancora prodotti da forno e pasta fresca, tutti privi di indicazione circa provenienza, lotto, modalità di conservazione, produttore, scadenza, sottoposti abusivamente a congelazione, alcuni dei quali presentavano palese cattivo stato di conservazione.

I carabinieri hanno trovato quattro vasche con diverse specie ittiche vive (granchi reali, carpe, granchi giganti, gamberi di fiume ecc.) di cui non è stato possibile stabilire la provenienza. Il gestore è stato denunciato all’autorità giudiziaria e sanzionato con violazioni amministrative per un valore complessivo di 7.500 euro. I servizi dell’Asl di Bari hanno disposto l’immediata sospensione di ogni attività.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400