Giovedì 18 Ottobre 2018 | 13:00

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

i più letti

la storia

L’indomito 80enne barese in guerra con l’ufficio anagrafe

Protagonista di un ping pong fra uffici comunali è l’arzillo e tenace Nicola Grimaldi che ha perso una mattinata, fra code, autobus e chiacchierate con i dipendenti comunali, per richiedere l’estratto di nascita di un suo congiunto

Bari, impiegata anagrafefinisce in ospedale

Da via Fraccacreta a via Trevisani, da via Trevisani a via Roberto da Bari e poi una lunga, lunghissima, attesa al centralino del Comune. Niente. Il certificato non esce. Protagonista di questo ping pong fra uffici comunali è l’arzillo e tenace 80enne Nicola Grimaldi che ha perso una mattinata, fra code, autobus e chiacchierate con i dipendenti comunali, per richiedere l’estratto di nascita di un suo congiunto. «Richiedere, non ottenere!», si lamenta al telefono della Gazzetta. «Tutto questo su e giù e non sono riuscito nemmeno a presentare la richiesta di quanto mi occorre».

La storiaccia comincia all’anagrafe di via Fraccacreta. Dopo una discreta attesa in fila, Nicola apprende dall’impiegata allo sportello che l’estratto di nascita di cui ha bisogno non è disponibile in quell’ufficio. Per gli atti di nascita precedenti al 1993, bisogna rivolgersi all’ufficio in cui è conservata la copia cartacea. Alla faccia della digitalizzazione. L’archivio in questione è all’ex Ospedaletto di via Trevisani. L’impiegata allo sportello, bontà sua, avverte Nicola che l’ufficio «potrebbe essere chiuso, perché manca il personale». Nicola, però, ormai è in ballo e continua a ballare. Sale quindi sul bus, arriva in via Trevisani e trova in effetti l’ufficio anagrafe chiuso.

Fino a quando? Fino a venerdì, il che significa riapertura al pubblico non prima di lunedì. Lo sdegno gli mette le ali ai piedi e, da via Trevisani, torna in centro, al Comune. I vigili di piantone a Palazzo di città lo indirizzano all’ufficio relazioni con il pubblico di via Roberto da Bari e le impiegate in servizio confermano che sì, l’ufficio è chiuso, e che, dopo aver presentato la richiesta, il documento non potrà essere consegnato prima di 5 giorni.

Tornato a casa, per nulla domo, Nicola si attacca al telefono. Cerca di parlare con l’assessore al personale, poi con la segreteria del sindaco. «Un cittadino deve aspettare 5 giorni solo per fare richiesta di un documento e altri 5 giorni per ottenerlo. Se però lo stesso cittadino paga con un solo giorno di ritardo l’Imu gli arrivano multe su multe». Al telefono gli ripetono la stessa giustificazione: il personale in servizio all’anagrafe è troppo poco per garantire l’apertura di tutti gli sportelli in tutti i municipi. «Ma quando ero direttore dell’ufficio postale – conclude Nicola - se un dipendente era malato, mi mettevo io allo sportello, per evitare che rimasse chiuso, per evitare che i cittadini potessero avere un disservizio. Perché anche oggi non possono essere adottare contromisure come queste?». Sono mesi che i sindacati protestano per la carenza di organico agli uffici dell’anagrafe e sono mesi che il comune promette assunzioni e rinforzi d’organico. Nell’attesa, tutti noi facciamo il tifo per Nicola.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Bari, sfrattati e sostegno agli affitti: il Comune stanzia 300mila euro

Bari, sfrattati e sostegno agli affitti: il Comune stanzia 300mila euro

 
Il fotografo barese Luca Turi riceve la cittadinanza onoraria di Durazzo

Il fotografo barese Luca Turi riceve la cittadinanza onoraria di Durazzo

 
Test d’ingresso a Medicina? Abolirli (per ora) è impossibile

Bari, test d’ingresso a Medicina? Abolirli (per ora) è impossibile

 
Bari, gli alloggi abusivi traslocano dal Libertà a San Pasquale

Bari, gli alloggi abusivi traslocano dal Libertà a San Pasquale

 
Senzatetto abbandona valigia per fare doccia: falso allarme bomba a Bari vecchia

Senzatetto abbandona valigia per fare doccia: falso allarme bomba a Bari vecchia

 
Gli ruba la bici e lo costringe a fare prelievi bancomat: arrestato straniero irregolare

Gli ruba la bici e lo costringe a fare prelievi bancomat: arrestato straniero irregolare

 
In casa nasconde droga e 21mila euro in contanti, arrestato venditore ambulante

In casa nasconde droga e 21mila euro in contanti, arrestato venditore ambulante

 
Festa a Bitonto: suor Letizia compie 103 anni

Festa a Bitonto: suor Letizia compie 103 anni

 

GDM.TV

Luca Turi diventa cittadino onorario di Durazzo: «Sono onorato»

Luca Turi diventa cittadino onorario di Durazzo: «Sono onorato»

 
Sanità, Emiliano visita gli ospedali e le Asl Bat: il video

Sanità, Emiliano visita gli ospedali e le Asl Bat: «Migliorata l'offerta» Vd

 
Strage S.M. in Lamis, dopo un anno arrestato pregiudicato. Morirono i fratelli Luciani, innocenti

Strage S.M. in Lamis, un arresto. Morirono i fratelli Luciani, innocenti VD

 
Tap, la promessa di Di Battista: «Lo bloccheremo in 2 settimane»

Tap, la promessa di Di Battista: «Lo bloccheremo in 2 settimane»

 
Rapinano ufficio postale a Lucera, arrestati un 19enne e un 22enne di Cerignola

Rapinano ufficio postale a Lucera, arrestati un 19enne e un 22enne 

 
Gala Niaf a Washington: gli ospiti ballano la pizzica con Emiliano

Gala Niaf a Washington: gli ospiti ballano la pizzica con Emiliano

 
Alessandra Amoroso a Bari: lei firma le copie del disco, i fan cantano

Alessandra Amoroso a Bari: lei firma le copie del disco, i fan cantano in strada

 
Getta sacco rifiuti in strada, assessore Ambiente glielo restituisce

Getta sacco rifiuti in strada, assessore Ambiente glielo restituisce

 

PHOTONEWS