Domenica 21 Ottobre 2018 | 20:22

NEWS DALLA SEZIONE

Lavoro
Formazione professionale, Puglia verso l'emergenza: scadono 280 contratti

Formazione professionale, Puglia verso l'emergenza: sca...

 
Protesta a Bari
Disabili, addio palestra: la squadra di basket in carrozzina in strada:«Comune Bari accontenta gli amici»

Disabili, squadra  di basket in carrozzina per strada. ...

 
In via Brigata Regina
Bari, scontro tra moto e auto: muore un ragazzo di 17 anni

Bari, terribile scontro tra moto e auto: muore un ragaz...

 
Ad Acquaviva delle Fonti (Ba)
Ruba al mercato due carte di credito con relativi pin, arrestata

Ruba al mercato due carte di credito con relativi pin, ...

 
Divisa in 50 panetti
In auto con 26kg di droga, arrestato pregiudicato a Mola di Bari

In auto con 26kg di droga, arrestato pregiudicato a Mol...

 
A Sammichele
Cede finestra a scuola, ferita ausiliaria

Cede finestra a scuola, ferita ausiliaria

 
E' ai domiciliari
Bari, a spasso con 50 grammi di cocaina nei boxer: in manette

Bari, a spasso con 50 grammi di cocaina nei boxer: in m...

 
Commercio
Bari, dopo 66 anni chiudestorica salumeria De Carne«Il marchio lo porto con me»

Bari, dopo 66 anni chiude storica salumeria De Carne «I...

 
Il nodo intramoenia
Ospedali, il giallo visite a pagamentodei medici: le Asl non forniscono i dati

Ospedali, il giallo visite a pagamento dei medici: le A...

 
Svolta nelle indagini
Pizzaiolo di Gravina uccisoa Ravenna: fermato straniero

Pizzaiolo di Gravina ucciso a Ravenna: fermato stranier...

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

i più letti

Aperto fascicolo

Bari, Palagiustizia inagibile: c'è l'inchiesta. E lo sgombero

Sindaco Decaro pronto a ordinare rilascio immobile via Nazariantz. L'allarme del Procuratore. Anni fa altro procedimento fu archiviato

tribunale di Bari

ll Palazzo di Giustizia di via Nazariantz a Bari

Un’indagine per violazione delle norme relative alla sicurezza sul lavoro e pericolo di crollo è in corso da parte della Procura di Bari con riferimento alle criticità strutturali del Palazzo di Giustizia di via Nazariantz, che ospita gli uffici della Procura della Repubblica e del Tribunale Penale. Lo si apprende da fonti giudiziarie all’indomani dell’annuncio del procuratore, Giuseppe Volpe, di un probabile sgombero del palazzo sulla base di una relazione tecnica depositata dall’Inail, ente proprietario dell’immobile, che individua preoccupanti criticità strutturali nelle fondamenta e nei solai. L’ordinanza di sgombero potrebbe essere firmata già oggi dal sindaco, Antonio Decaro.

L’inchiesta, coordinata dal procuratore aggiunto Roberto Rossi e dal sostituto Fabio Buquicchio, è al momento a carico di ignoti. Nell’ambito di questo nuovo fascicolo, circa due mesi fa i magistrati baresi hanno conferito incarico per una consulenza tecnica al professor Bernardino Chiaia del Politecnico di Torino (rpt, Bernardino Chiaia del Politecnico di Torino). La relazione, che non è stata ancora depositata, riguarderà gli stessi aspetti già analizzati nella relazione commissionata allo studio Vitone dall’Inail.

Sulle stesse ipotesi di reato, violazione delle norme sulla sicurezza sul lavoro e pericolo di crollo, la Procura di Bari aveva già avviato nel 2010 una indagine, coordinata dal pm Renato Nitti, il quale aveva incaricato delle verifiche tecniche al Servizio di vigilanza sull'igiene e sicurezza dell’Amministrazione della Giustizia (Visag) e ai Vigili del Fuoco. Già all’epoca si parlò di rischio chiusura del palazzo. Poi, nel 2012, furono eseguiti lavori di consolidamento della platea di fondazione - oggi valutati come inutili ai fini della staticità dell’immobile - e si scongiurò il rischio crollo e, quindi, lo sgombero. Gli atti di quella indagine furono trasmessi per competenza alla Procura di Lecce su iniziativa dell’allora procuratore di Bari, Antonio Laudati, che in qualità di datore di lavoro e responsabile della sicurezza dei lavoratori, avrebbe potuto essere indagato. 

La Procura di Lecce, competente ad indagare su magistrati in servizio presso la Corte d’appello di Bari, archiviò l’inchiesta e rinviò gli atti a Bari che nei mesi scorsi ha aperto il nuovo fascicolo d’inchiesta per valutare eventuali altre responsabilità.

Sul Palagiustizia di via Nazariantz negli ultimi 15 anni sono state avviate anche altre indagini che hanno portato a due procedimenti penali, entrambi a carico dei costruttori, Giuseppe e Antonio Mininni. Sia il primo, per abuso edilizio - che nel 2002 portò al sequestro con facoltà d’uso dell’immobile (revocato nel 2008) -, che il secondo, per frode in pubbliche forniture, truffa ai danni dell’Inail e del Comune e falso, si sono conclusi con condanne in primo grado e prescrizione dei reati in appello.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400