Venerdì 19 Ottobre 2018 | 17:13

NEWS DALLA SEZIONE

E' ai domiciliari
Bari, a spasso con 50 grammi di cocaina nei boxer: in manette

Bari, a spasso con 50 grammi
di cocaina nei boxer: in manette

 
Commercio
Bari, dopo 66 anni chiudestorica salumeria De Carne«Il marchio lo porto con me»

Bari, dopo 66 anni chiude storica salumeria De Carne «Il marchio lo po...

 
Il nodo intramoenia
Ospedali, il giallo visite a pagamentodei medici: le Asl non forniscono i dati

Ospedali, il giallo visite a pagamento dei medici: le Asl non fornisco...

 
Svolta nelle indagini
Pizzaiolo di Gravina uccisoa Ravenna: fermato straniero

Pizzaiolo di Gravina ucciso
a Ravenna: fermato straniero

 
Operazione Ragnatela
Bari, blitz della Finanza contro usurai: 5 arresti, sequestrati beni

Bari, blitz della Gdf contro clan usurai Capodiferro: 5 arresti Vd

 
Aveva 31 anni
Bari, cadavere di georgianopescato nel molo S. Antonio

Bari, cadavere di georgiano
pescato nel molo S. Antonio

 
Il bando
Bari, sfrattati e sostegno agli affitti: il Comune stanzia 300mila euro

Bari, sfrattati e sostegno agli affitti: Comune stanzia 300mila €

 
Il riconoscimento
Il fotografo barese Luca Turi riceve la cittadinanza onoraria di Durazzo

Il fotografo barese Luca Turi riceve la cittadinanza onoraria di Duraz...

 
La proposta
Test d’ingresso a Medicina? Abolirli (per ora) è impossibile

Bari, test d’ingresso a Medicina? Abolirli (per ora) è impossibile

 
Il reportage
Bari, gli alloggi abusivi traslocano dal Libertà a San Pasquale

Bari, gli alloggi abusivi traslocano dal Libertà a San Pasquale

 
In via Corridoni
Senzatetto abbandona valigia per fare doccia: falso allarme bomba a Bari vecchia

Senzatetto abbandona valigia per fare doccia: falso allarme bomba a Ba...

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

i più letti

mare

Sul Sud sventolano le bandiere blu: 5 in più tra Puglia e Basilicata

Sono 18 i comuni tra Puglia e Basilicata che si possono fregiare del sigillo di qualità. In tutto sono 64 i centri premiati con la bandiera blu

Bandiera blu anche a Rodi garganico, Peschici, Zapponeta, Bernalda e Nova Siri

Sul Sud sventolano le bandiere blu

Bandiera blu Fee

ROMA - Un podio targato mar Tirreno, quest’anno, per le bandiere blu che sventolano in 64 Comuni e le relative spiagge in Liguria, Toscana e Campania. Con un Sud che avanza.
Da Bordighera a Sportorno, da Camogli a Lerici, la Liguria con 27 Comuni e le sue spiagge mantiene salda la leadership di più località costiere fregiate dal vessillo della Fee, che resta negli stessi luoghi dell’anno scorso. Savona è la provincia che conquista più sigilli di qualità, anche grazie a Ceriale, Albissola marina, Varazze.

Incontrastato anche il secondo posto della Toscana, con i suoi 19 Comuni e i suoi lidi da Forte dei marmi a Cecina, al Monte Argentario, rimasta quindi in vetta alla classifica del riconoscimento internazionale. Nella regione è la provincia di Livorno a far issare più bandiere sulle spiagge.

La Campania sale sul podio, al terzo posto e fa scendere le Marche. Con tre nuovi ingressi - Piano di Sorrento, Sorrento e Ispani - le bandiere blu conquistate quest’anno salgono a 18 non solo per la qualità delle acque marine ma anche dei servizi di tanti Comuni soprattutto nella provincia di Salerno, da Positano a Pollica, passando per Centola e Sapri.

Ma il Sud avanza e guadagna vessilli anche l’Adriatico: in Puglia sventola quest’anno anche a Rodi garganico, Peschici e Zapponeta, in provincia di Foggia, e in totale la regione mette a segno 14 bandiere.

In Calabria la bandiera blu arriva a Tortora e a Sellia marina e in Basilicata i nuovi ingressi di Bernalda e Nova Siri portano a 4 il sigillo di qualità. 

TRE BANDIERE IN PIU' IN PUGLIA - Sventolano tre nuove bandiere blu in Puglia. Quest’anno sull'Adriatico pugliese si possono issare i vessilli anche nelle new entry Rodi Garganico, Peschici e Zapponeta, in provincia di Foggia. In totale la regione mette a segno 14 bandiere. Da Nord a Sud i drappi blu possono continuare a sventolare anche nelle località già premiate lo scorso anno. A Margherita di Savoia (Bat), a Polignano a Mare, unica località in provincia di Bari; nel Brindisino a Fasano, Ostuni e Carovigno; a Castellaneta e Ginosa in provincia di Taranto e in ben quattro località nel sempre più gettonato Salento: Melendugno, Otranto, Castro e Salve.

Non solo qualità del mare ma anche gestione del territorio, impianti di depurazione, gestione dei rifiuti, vivibilità in estate, valorizzazione delle aree naturalistiche sono fra i 32 criteri da rispettare del programma della Foundation for Environmental Education (Fee) per ottenere le bandiera blu. La Fee è riconosciuta dall’Unesco come leader mondiale nel campo dell’educazione ambientale e dell’educazione allo sviluppo sostenibile.
Buone notizie anche sugli approdi pugliesi. Cinque quelli di qualità premiati dalla Fee: il porto turistico Marina di Leuca (Marina di Leuca), il porto turistico di San Foca (Melendugno), la Marina di Brindisi (Brindisi), Cala Ponte Marina (Polignano a Mare) e Marina del Gargano (Manfredonia). 

LA BASILICATA RADDOPPIA - La Basilicata raddoppia le spiagge con la bandiera blu - ottenendone altre due nel Metapontino - e si lancia anche con il turismo balneare verso il 2019, quando Matera sarà capitale europea della cultura, ampliando la sua offerta di qualità anche dal punto di vista balneare.

Finora, le spiagge con la bandiera blu della Foundation for Environmental Education (Fee) erano quelle di Policoro, in provincia di Matera, e di Maratea, la «perla del Tirreno» che è lo sbocco sul Tirreno della provincia di Potenza.

Delle località lucane con la bandiera blu, Maratea è quella che «non ha bisogno di presentazioni": da anni e anni la cittadina ha una clientela «fissa», anche di fascia «alta": tra l'alto, l’ultimo capodanno Raiuno è andato in onda proprio da Maratea, facendo il pieno di ascolti e regalando ad alcune migliaia di persone che hanno assistito all’evento ai piedi del palco una notte da ricordare.

Per quanto riguarda i tre centri balneari del Matera, Policoro ha conseguito la terza bandiera blu consecutiva per la balneabilità e la seconda per gli approdi turistici. Soddisfazione, in proposito è stata espressa dal sindaco ed ex ammiraglio, Enrico Mascia: «Ci siamo preparati - ha detto Mascia - con la calma olimpica dei forti, nonostante le vicissitudini delle scorse settimane. Il risultato è merito dei cittadini e degli operatori per i comportamenti virtuosi e per quanto l'amministrazione comunale ha messo in campo in questi mesi, cominciando con gli interventi di maquillage del lungomare, e nel creare le condizioni per migliorare la qualità dell’accoglienza e dell’offerta turistica».

Per il sindaco di Bernalda, Domenico Tataranno, l'attribuzione della bandiera blu per la prima volta a Metaponto, è il «segno di un inizio per il rilancio della località», meta anche di appassionati e studiosi di archeologia, attratti in particolare dalla Tavole Palatine: «Il risultato - ha detto Tataranno - è il frutto di un lavoro cominciato con l'insediamento dell’amministrazione, osservando i parametri richiesti e coinvolgendo cittadini e operatori economici. E' punto di inizio per rilanciare Metaponto, migliorando l’offerta, e per confermare la bandiera blu anche l’anno prossimo».

Grande soddisfazione anche per la prima bandiera blu al Comune di Nova Siri: «Un riconoscimento che ci fa piacere - ha detto l’assessore ai lavori pubblici, Nicola Melidoro - che tranquillizza. E’ tutto sotto controllo. E’ il risultato del lavoro di squadra, certosino, portato avanti per mantenere gli standard degli impianti di depurazione, acqua di balneazione, gestione dei rifiuti e di altri servizi che contribuiscono a tenere alti i fattori di sostenibilità e della qualità dell’offerta. E’ nostro impegno lavorare per confermare anche in futuro il risultato di quest’anno».

EMILIANO: PUGLIA SCRIGNO DI BELLEZZA - «Quest’anno tre nuove Bandiere Blu sventolano tra i mari di Puglia. È il segno di un’attenzione continua verso il tema dell’ambiente da parte delle Amministrazioni Locali e del Governo Regionale, che su questo fronte non intende compiere passi indietro». Cosi il Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano ha commentato la notizia dell’assegnazione delle Bandiere Blu 2018 a tre nuove località pugliesi.

«Voglio complimentarmi - ha proseguito Emiliano - con i sindaci di Rodi Garganico, di Peschici e di Zapponeta per aver fatto raggiungere alle rispettive comunità e all’intera regione questo importante riconoscimento che, come sapete, premia non soltanto la qualità del nostro mare, ma anche la qualità dell’ambiente e dei servizi collegati al turismo balneare. E voglio far giungere anche alle altre undici Amministrazioni locali il mio apprezzamento per il lavoro svolto per mantenere tali riconoscimenti anche nel 2018. Margherita di Savoia con le sue saline, la splendida Polignano, unica Bandiera Blu in provincia di Bari, e poi Fasano, Ostuni e Carovigno nella provincia di Brindisi; Castellaneta e Ginosa nel tarantino e poi le marine di Melendugno, Otranto, Castro e Salve nel Salento». "La Puglia è uno scrigno di bellezza - ha detto ancora - un luogo magico che coniuga passato e futuro e dove il viaggiatore può cogliere emozioni speciali, scoprire un mare d’incanto e territori stupendi».

«C'è ancora molta strada da fare. Il mare di Puglia - ha concluso Emiliano - è tutto bello. Occorre però che tutte le Amministrazioni locali, insieme ai singoli cittadini, lavorino quotidianamente, ognuno per quello che gli compete, affinché si riesca a fare della bellezza dei nostri luoghi la chiave per riaprire il futuro».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400