Martedì 23 Luglio 2019 | 04:56

NEWS DALLA SEZIONE

L'iniziativa
Al Policlinico di Bari arriva la «Festa del gelato»: dolcezza per i bimbi malati

Al Policlinico di Bari arriva la «Festa del gelato»: dolcezza per i bimbi malati

 
L'odissea
«Per noi cervelli in fuga è impossibile tornare»: la denuncia di una coppia a Emiliano e Decaro

«Per noi cervelli in fuga è impossibile tornare»: la denuncia di una coppia a Emiliano e Decaro

 
La nomina
Un barese alla presidenza dei parassitologi mondiali

Un barese alla presidenza dei parassitologi mondiali

 
gli enti decentrati
Bari, ecco i nomi dei consiglieri dei Municipi 3,4 e 5

Bari, ecco i nomi dei consiglieri dei Municipi 3,4 e 5

 
Il ripascimento
Monopoli, la spiaggia di Cala Porta Vecchia come a Dubai

Monopoli, la spiaggia di Cala Porta Vecchia come a Dubai

 
Lo spettacolo
Teatro Palazzo: le canzoni più belle dai '60 a oggi raccontate da Boni e Pedrini

Teatro Palazzo: le canzoni più belle dai '60 a oggi raccontate da Boni e Pedrini

 
Trasporti
«Estate, solo 2 treni da Barletta a Bari per i pendolari»: scatta la petizione online

Estate, pochi treni per i pendolari: scatta petizione online. Trenitalia risponde: «Potenzieremo»

 
La decisione
Corato, alla prima seduta del consiglio comunale si dimette il sindaco D'Introno

Corato, alla prima seduta del consiglio comunale si dimette il sindaco D'Introno

 
Nel barese
Terlizzi, tenta di uccidere prostituta in un casolare durante rapporto: arrestato

Terlizzi, tenta di uccidere prostituta in un casolare durante rapporto: arrestato

 
Igiene urbana
Bari, stop ai rifiuti nelle piazze della movida: Amiu in azione dalle 23 alle 3

Bari, stop ai rifiuti nelle piazze della movida: Amiu in azione dalle 23 alle 3

 

Il Biancorosso

IL CALENDARIO
Bari, ecco i prossimi impegnidal Pisa alla coppa Italia

Bari, ecco i prossimi impegni: dal Pisa alla coppa Italia

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceL'operazione
Lecce, lido abusivo a Torre Castiglione: sequestrato dalla Guardia Costiera

Lecce, lido abusivo a Torre Castiglione: sequestrato dalla Guardia Costiera

 
TarantoL'incidente
Taranto, investe donna e fugge via: rintracciato pirata della strada

Taranto, investe donna e fugge via in auto: rintracciato pirata della strada

 
Brindisi«Felicità è donare»
Brindisi, emergenza sangue: Al Bano in prima fila a sostegno delle donazioni

Brindisi, emergenza sangue: Al Bano in prima fila a sostegno delle donazioni

 
MateraIl caso
Ambiente, sopralluogo assessore Basilicata su spiagge del Metapontino

Ambiente, sopralluogo assessore Basilicata su spiagge del Metapontino

 
FoggiaSanità
Foggia sanità service, Emiliano: «firmati 150 contratti di lavoro a tempo indeterminato»

Foggia, Sanità Service: firmati 150 contratti di lavoro a tempo indeterminato

 
PotenzaDalla Polizia Locale
Basilicata, spiagge sicure: più di duemila beni sequestrati

Basilicata, spiagge sicure: più di duemila beni sequestrati

 

i più letti

Nel febbraio 2017 arresto per 13

Droga dall'Albania al Gargano
otto condanne a Bari

Condanne a pene comprese fra i 10 anni e 10 mesi e i 2 anni e 4 mesi di reclusione

tribunale di Bari

BARI - Il gup del Tribunale di Bari Rosa Anna Depalo ha condannato a pene comprese fra i 10 anni e 10 mesi e i 2 anni e 4 mesi di reclusione otto presunti componenti di una organizzazione criminale italo-albanese di trafficanti di droga fra il Gargano e l’Albania.

In particolare il giudice, al termine di un processo celebrato con il rito abbreviato, ha condannato i pregiudicati Gaetano De Vivo e Pasquale Maria, ritenuti tra i capi dell’organizzazione, rispettivamente alle pene di 10 anni e 10 mesi e 8 anni e 2 mesi di reclusione e i referenti albanesi del gruppo, Roland e Fabio Lame, padre e figlio, alle pene di 10 anni e di 7 anni e 4 mesi di reclusione.

L’indagine della Squadra Mobile di Foggia, coordinata dalla Dda di Bari, denominata «Coast to Coast», portò nel febbraio 2017 all’arresto di 13 persone accusate di associazione per delinquere transnazionale finalizzata al traffico di droga. È stato condannato alla pena di 4 anni di reclusione anche un carrozziere di Manfredonia, Giuseppe Grieco, ritenuto dagli inquirenti il referente dell’organizzazione per le riparazioni dei motori dei natanti usati per il trasporto della droga.

L'inchiesta rivelò, inoltre, che una nota spiaggia di Vieste, la Baia di San Felice, era utilizzata dal gruppo criminale per far sbarcare i natanti con i carichi di droga provenienti dall’Albania. Il custode di quella spiaggia e altre quattro persone, fra le quali il pluripregiudicato Libero Frattaruolo, figura apicale del clan Libergolis ritenuto al vertice dell’organizzazione di narcotrafficanti, sono attualmente a processo con il rito ordinario.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie