Martedì 29 Settembre 2020 | 03:27

NEWS DALLA SEZIONE

Il punto
Il presidente dell'Inps e l'idea dei manager a basso costo

Il presidente dell'Inps e l'idea dei manager a basso costo

 
il punto
Il dilemma del Carroccio tra nazione e regioni

Il dilemma del Carroccio tra nazione e regioni

 
Il commento
Se la mascherina a Foggia è d'obbligo

Se la mascherina a Foggia è d'obbligo

 
L'ANALISI
Dove ancorarsi di fronte alla tempesta coronavirus

Dove ancorarsi di fronte alla tempesta coronavirus

 
Il commento
Studenti, i grandi più garantiti dei piccoli

Studenti, i grandi più garantiti dei piccoli

 
L'ANALISI
Sud reagisci così pensano di toglierti i soldi europei

Sud reagisci così pensano di toglierti i soldi europei

 
L'analisi
Il super blindato Premier ora può alzare la posta

Il super blindato Premier ora può alzare la posta

 
IL PUNTO
Credito e finanza non ostacoliamo il cambiamento

Credito e finanza: non ostacoliamo il cambiamento

 
l'Analisi
Ridotta la quantità aumentiamo la qualità

Referendum e riduzione parlamentari: ridotta la quantità aumentiamo la qualità

 
Analisi
Le stagioni dello scontro tra destra e sinistra

Le stagioni dello scontro tra destra e sinistra

 
Analisi
Puglia, via libera da Consiglio Ministri a decreto su doppia preferenza di genere

La preferenza di genere. Storia di un flop annunciato

 

Il Biancorosso

Post-partita
Bari, Auteri vede bicchiere mezzo pieno: «Troppi regali, ma siamo solo all'inizio»

Bari, Auteri vede bicchiere mezzo pieno: «Troppi regali, ma siamo solo all'inizio»

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceLe indagini
Lecce, fidanzati massacrati a coltellate: al setaccio memoria pc e cellulari

Lecce, fidanzati massacrati a coltellate: al setaccio memoria pc e cellulari

 
MateraIn tribunale
Marconia, minorenne stuprate alla festa: al via incidente probatorio

Marconia, minorenne stuprate alla festa: al via incidente probatorio

 
TarantoL'inchiesta
Taranto, 3mila euro per evitare attacchi su a ex consigliere regionale: indagato blogger

Taranto, 3mila euro per evitare attacchi su a ex consigliere regionale: indagato blogger

 
BariIl sindaco
Altamura, allunno positivo al Covid: terza scuola chiusa in pochi giorni

Altamura, allunno positivo al Covid: terza scuola chiusa in pochi giorni

 
FoggiaCoronavirus
Asl Foggia, contagiato dal Covid operatore sanitario: tamponi urgenti

Asl Foggia, contagiato dal Covid operatore sanitario: tamponi urgenti

 
PotenzaIn ospedale
Potenza, al San Carlo impianto di protesi acustica di ultima generazione, è il primo in Sud Italia

Potenza, al San Carlo impianto di protesi acustica di ultima generazione, è il primo in Sud Italia

 
BatIl caso
Barletta, per arginare i contagi il sindaco «frena» le scuole di danza: proteste

Barletta, per arginare i contagi il sindaco «frena» le scuole di danza: proteste

 
BrindisiIl caso
Brindisi, ricovero choc al Perrino: donna non si lavava da anni, larve di mosca nelle ferite

Brindisi, ricovero choc al Perrino: donna non si lavava da anni, larve di mosca nelle ferite

 

i più letti

L'editoriale

La questione digitale nuova questione meridionale

Servirebbe uno scatto, una svolta, uno choc, in grado di svegliare le classi dirigenti nazionali e locali, ma, finora non si è visto nulla in proposito

La questione digitale nuova questione meridionale

Sud, piove sempre sul bagnato? Può sembrare una frase fatta, un luogo comune, un timore esagerato, ma la trasformazione digitale imposta con forza dallo smart working, soluzione indispensabile per contrastare i dolorosi effetti (anche sul piano occupazionale) provocati dalla pandemia, rischia di allontanare vieppiù il Mezzogiorno dall’Europa e dal resto d’Italia. Già tutto il Belpaese non figura ai primi posti, anzi, nella classifica europea della digitalizzazione dell’economia e della società. Il Meridione, poi, naviga in coda, superato pure da nazioni che fino a pochi anni addietro arrancavano come vecchie carcasse col motore fuso. Servirebbe uno scatto, una svolta, uno choc, in grado di svegliare le classi dirigenti nazionali e locali, ma, finora non si è visto nulla in proposito. Solo per problemi (risolvibili) di sicurezza? Addirittura, si è formato uno schieramento (politico e culturale) ostile al 5G (5th Generation), al web ultraveloce. Roba al cui confronto gli oscurantisti del Medio Evo farebbero la parte dei mega-innovatori.

Pochissimi dati. Il 5G sarà 20 volte più veloce della rete 4G, con una velocità di download fino a 10 volte superiore. Il tutto per una connettività più rapida di un lampo e per un traffico più scorrevole di un’autostrada spaziale.
Basterebbe solo questo flash per scatenare la nuova corsa all’oro, ma in Italia, si sa, tutto procede a rilento. Figuriamoci: sopravvivono i binari unici ferroviari, e, per restare in tema, la fibra ottica non copre l’intero territorio. Laddove arriva, specie nel Sud, si ferma solo alla cabina, non toccando le case degli utenti, ancora condannati ai collegamenti in rame. Insomma.
Servirebbe una rivoluzione, ma come direbbe la buonanima graffiante di Ennio Flaiano (1910-1972), c’è sempre uno sciopero o un temporale in grado di rinviarla a tempo indeterminato.

Ora. Se il futuro, o meglio già il presente, richiede un nuovo modo di lavorare, se stanno saltando i tradizionali vincoli di impiego legati al luogo e all’orario, se si sta rafforzando la tendenza a lasciare più autonomia ai dipendenti, responsabilizzandoli in funzione dei risultati, ecco se è in atto una transizione epocale paragonabile a quelle generate dal telaio meccanico e dall’elettricità, come sarà possibile per la parte meno sviluppata della Penisola reggere la sfida in una condizione di arretratezza culturale a tratti drammatica? Altro che risalita, il Sud rischia di precipitare in un girone infernale sempre più profondo.

A Roma la questione del turbo-web è sul tavolo del governo e dei partiti. Se l’Europa non bloccherà l’operazione, ritenendola lesiva per la concorrenza, presto verrà battezzata la rete unica formata da Tim e Cassa depositi e prestiti (Cdp). A dire il vero, nel mondo solo Singapore e Qatar hanno seguito la strada della rete unica, rinunciando alla competizione infrastrutturale, cioè alla concorrenza tra più reti. Ma la soluzione italiana, pur prestandosi a non poche perplessità, dal momento che la concorrenza rimane la più collaudata procedura di scoperta e il più razionale criterio di allocazione delle risorse, non va demonizzata a priori, manco nascondesse una colossale fregatura. La rete unica non va bocciata per un paio di ragioni.
Una: un conto è la rete, un conto sono le aziende dei servizi che potranno competere sull’infrastruttura, cercando di soddisfare le esigenze dei consumatori. L’importante è che la concorrenza sia assicurata sul fronte delle prestazioni per le imprese, le famiglie, i cittadini.

Due: l’Italia non è una nazione omogenea sul piano economico. Tra un territorio e un altro, anche a breve distanza, persistono dislivelli produttivi e culturali di proporzioni pazzesche. Solo una rete unica, una società mista con un significativo capitale pubblico potrebbe affrontare un volume di investimenti tecnologici nelle aree non redditizie, non convenienti per gli operatori di rete a capitale esclusivamente privato.
L’arrivo della fibra in ogni angolo del Paese costituisce un argomento a favore dell’intervento di riequilibrio territoriale e infrastrutturale da parte dello stato. Un intervento che può prevenire sul nascere le obiezioni dell’Europa e di tutti i sostenitori del mercato assoluto, visto che la rete unica non significa affatto requiem per la concorrenza, che verrebbe garantita dai fornitori dei servizi.

Ma c’è un ma. Il discorso testè fatto non tiene conto di un piccolo particolare: chi comanderà nella società mista cui farà capo la rete unica? In Italia, è risaputo, le questioni di governance (eufemismo sinonimo di lottizzazione) tengono banco più di un campionato di calcio e si trascinano all’infinito. È sufficiente sfogliare un giornale per averne conferma. Pertanto. Quali e quanti ritardi in termini di investimenti potrebbe causare la battaglia per gli incarichi nella nuova società? Quali e quanti scontri politici si scatenerebbero per meglio piazzare i manager o gli amici di riferimento?
Per ora l’Italia e, soprattutto, il Sud stanno a guardare, nella speranza di essere smentiti al più presto e di essere invasi dai cantieri digitali, oggi più preziosi di cento miniere di diamanti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie