Martedì 18 Giugno 2019 | 08:54

NEWS DALLA SEZIONE

La riflessione
Sud, la nuova frontiera indicata dalle città

Sud, la nuova frontiera indicata dalle città

 
Il punto
Euro-trattativa e urgenza di ridurre le tasse

Euro-trattativa e urgenza di ridurre le tasse

 
L'analisi
Ripristiniamo l’autorità anche simbolica dell’insegnante

Ripristiniamo l’autorità anche simbolica dell’insegnante

 
Il punto
Cantieri da sbloccare? Tutti al Nord, nessuno al Sud

Cantieri da sbloccare? Tutti al Nord, nessuno al Sud

 
L'editoriale
Posseduta dal premier la «Golden Share» dell'esecutivo

Posseduta dal premier la «Golden Share» dell'esecutivo

 
L'analisi
L’italiano vuole cambiare ma preferisce lo status quo

L’italiano vuole cambiare ma preferisce lo status quo

 
La riflessione
Conquista lucana tentazione nazionale?

Conquista lucana tentazione nazionale?

 
L'analisi
È vero esiste un’altra Taranto

È vero esiste un’altra Taranto

 
La riflessione
I debiti vengono da lontano ma guai a farne altri

I debiti vengono da lontano ma guai a farne altri

 
L'analisi
Molti nodi da sciogliere al vertice della ripartenza

Molti nodi da sciogliere al vertice della ripartenza

 
La riflessione
Fatemi sapere quando si arriva all’ultima spiaggia

Fatemi sapere quando si arriva all’ultima spiaggia

 

Il Biancorosso

CALCIO MERCATO
Il Monopoli sulle tracce di Barretoriparte dalla Puglia l'avventura ?

Il Monopoli sulle tracce di Barreto, riparte dalla Puglia l'avventura ?

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoCittà nostra
Taranto, chiuse indagini su due clan: sotto accusa 31 persone

Taranto, chiuse indagini su due clan: sotto accusa 31 persone

 
HomeProcesso Pandora
Mafia, chieste 91 condanne a Bari per i clan Diomede e Capriati

Mafia, chieste 91 condanne a Bari per i clan Diomede e Capriati

 
BatArrestato aggressore
Barletta, vigilessa aggredita da ambulante: solidarietà del sindaco

Barletta, vigilessa aggredita da ambulante: solidarietà del sindaco

 
FoggiaIl rogo
Incendi alle Isole Tremiti, piromane in azione: avvistato con zaino rosso

Incendi alle Isole Tremiti, piromane in azione: avvistato con zaino rosso

 
PotenzaRegione Basilicata
Potenza, più soldi per i portaborse: il Consiglio studia una legge ad hoc

Potenza, più soldi per i portaborse: il Consiglio studia una legge ad hoc

 
MateraSanità lucana
Basilicata, arriva l'infermiere di famiglia: un progetto «apripista»

Basilicata, arriva l'infermiere di famiglia: un progetto «apripista»

 
LecceIl ritrovamento
San Cesario, passanti trovano gatto senza testa: è caccia ai colpevoli

San Cesario, passanti trovano gatto senza testa: è caccia ai colpevoli

 
BrindisiL'incidente
Ceglie Messapica, parco giochi pericoloso: bimbo in ospedale

Ceglie Messapica, parco giochi pericoloso: bimba in ospedale

 

i più letti

La riflessione

Quell’ecologia integrale predicata da Bergoglio

Il richiamo alla ecologia integrale fatto da Parolin riprende l'enciclica sull'ambiente «Laudato sì» di Papa Francesco, sollecitando ArcelorMittal, proprietaria dell'acciaieria ex Ilva, a guardare al mondo nel modo più adeguato

Papa Francesco

Papa Francesco non c'era, pur avendo coltivato per un po' il desiderio di venire a Taranto in prima persona per celebrare a dovere un evento – la messa di Natale presieduta nel 1968 da Papa Paolo VI all'interno dello stabilimento siderurgico allora marchiato Italsider – che segnò il riavvicinamento della Chiesa agli operai. Ma nei discorsi del cardinale Pietro Parolin, Segretario di Stato Vaticano, e dell'arcivescovo di Taranto monsignor Filippo Santoro, Josè Bergoglio c'era, eccome. Il richiamo alla ecologia integrale fatto da Parolin riprende l'enciclica sull'ambiente «Laudato sì» di Papa Francesco, sollecitando ArcelorMittal, proprietaria dell'acciaieria ex Ilva, a guardare al mondo nel modo più adeguato.

Un mondo dove la dimensione della sostenibilità economica dell’impresa non soverchi quella sociale e non vada a detrimento di quella ambientale. La crisi complessa che sta vivendo il mondo e di cui Taranto è emblema, secondo Parolin, non può trovare delle risposte settoriali: tutto è intimamente connesso. Evitare l’inquinamento ha dei riverberi positivi sulla società che abita un territorio e comporta benefici economici, dal momento che risulta ogni giorno più chiaro come la bonifica abbia dei costi molto elevati, e spesso – come nel caso di Taranto - non a carico di chi ha inquinato.

Parole che fanno impugnare alla Chiesa italiana e tarantina la bandiera dell’ambientalismo ragionevole e ragionato, che stringono ai fianchi la multinazionale dell’acciaio e la sollecitano a utilizzare le migliori tecnologie disponibili, affermazioni che per la prima volta risuonano all'interno del siderurgico, facendo sobbalzare sulla sedia il paio di dirigenti ex Ilva imputati in «Ambiente svenduto», seduti ieri mattina, nella sala conferenze della fabbrica, ad ascoltare il ricordo di Paolo VI.

Frasi, discorsi, che non trovano invece sorpreso Matthieu Jehl, giovane amministratore delegato di ArcelorMittal Italia, catapultato a Taranto dalla belga Gent. Dopo un periodo di iniziale intransigenza, dovuta probabilmente più a logiche di posizionamento politico e strategico che ad altro, l'atteggiamento è mutato. Da osteggiata, la decarbonizzazione è diventata un obiettivo per la famiglia Mittal. Da raggiungere, certo, con i tempi compatibili con i costi e con il sostegno delle istituzioni per evitare la concorrenza dei produttori ancora in grado di fare acciaio senza sostenere prezzi di natura ambientale. Ma, finalmente, si può fare, si può immaginare una fabbrica nella quale il diritto alla salute non venga dopo il diritto al lavoro, una azienda per la quale – come quasi con spirito calvinista va ripetendo negli ultimi tempi Jehl – non vale la pena produrre una tonnellata di acciaio se chi la produce non ha la certezza di tornare a casa, dai suoi familiari, in buona salute.

Non sarà il regalo di Natale promesso ai tarantini da chi sbandierava la chiusura dell’acciaieria ma prendendo alla lettera l’annunciata chiusura delle fonti inquinanti, di questo stiamo parlando, e che ci sia la Chiesa in prima linea, quella Chiesa spesso a Taranto in anni passati al centro di velenose polemiche per il rapporto con l'Ilva e la famiglia Riva, è merito indiscutibile dell'arcivescovo Santoro, di quella sua voglia di ripristinare un dialogo serrato con la sua comunità, nel rispetto delle sue legittime aspirazioni per tanto tempo frustrate benché uguali a quelle che ogni padre, ogni madre di famiglia, auspicherebbero per i propri figli: salute, lavoro, qualità della vita.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE