Lunedì 27 Settembre 2021 | 05:09

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

ricerca cnr

Agrosat e l'agricoltura
di Puglia diventa 4.0

Online, gratis, la mappa dello stato delle piante. Toscano: ora la cerealicoltura, poi passiamo ai vigneti

Agrosat

di MARISA INGROSSO

BARI - Meno «chimica» nei prodotti agricoli, meno spese per gli agricoltori. È questo che promette il sistema «Agrosat» (ad accesso gratuito su www.agrosat.it) realizzato dall’Istituto di biometeorologia del Consiglio nazionale delle ricerche di Firenze e Foggia (Ibimet-Cnr, Dipartimento BioAgroalimentare-Disba) in collaborazione con Barilla S.p.a.

«L’elaborazione delle mappe - spiega il ricercatore Piero Toscano di Ibimet-Cnr - sfrutta i dati satellitari delle piattaforme ESA Sentinel-2A e 2B del programma europeo di osservazione della Terra “Copernicus”. Per il momento sono disponibili i dati relativamente alla sola cerealicoltura della Toscana, dell’Emilia-Romagna e della provincia di Foggia. Ma per l’intera Puglia contiamo di essere pronti entro un paio di settimane e poi passeremo alla viticoltura».

Esattamente cosa monitorate? «Lo sviluppo della coltura in campo, sin dalla semina e fino alla maturazione. Seguiamo tutte le fasi di sviluppo della pianta. Ciò ci permette di caratterizzare se ci sono problemi legati a condizioni di stress, sia dovuti a mancanza di nutrienti alla pianta oppure a condizioni avverse dal punto di vista meteo. Quindi, nel momento in cui l’imprenditore agrario deve intervenire con una concimazione, ovvero con un apporto di nutrienti esterni, sulla base delle mappe e di alcuni codici modellistici sviluppati da noi, possiamo supportarlo dando le indicazioni di come distribuire quelle quantità di nutrienti con cognizione di ciò che avviene all’interno di tutto il campo. Perché in alcune zone ci sarà meno bisogno di nutrienti, in altre di più. In questo modo si ottimizza l’intervento dell’agricoltore mettendolo nelle condizioni di agire in armonia con le reali necessità della coltura in campo, non più vista come un unico appezzamento bensì come tante frazioni, ciascuna con le proprie esigenze, e portando al massimo la potenziale resa».

Oltre alla cerealicoltura, potete estendere il sistema a tutte le colture? «Si conta di andare oltre ma, finora, la nostra ricerca l’abbiamo fatta interamente a titolo gratuito. Per coprire le altre colture avremmo bisogno di altro personale».

E, vista l’emergenza xylella, perché non pensare all’olivicoltura? «Sì, se saremo in grado di attrarre personale esperto in olivicoltura sì. Tenga conto che non possiamo coprire ogni pianta, lavoriamo con una risoluzione di pixel, ovvero 10 metri per dieci metri».

Beh, quanto tre olivi secolari. «Sì ma una pianta può andare in stress per tanti motivi e discriminare, da satellite, se è xylella o no, al momento non è fattibile».

Con che frequenza temporale analizzate le colture? «Queste camere installate sul satellite agiscono nel campo del visibile e dell’infrarosso. Quindi, se ci sono nuvole, non vediamo alcunché. Diciamo che abbiamo aggiornamenti nell’ambito di una settimana per buona parte dell’anno e si arriva a massimo un mese».

Quindi un agricoltore si collega al sito Agrosat, localizza il campo e... «Ha un report dello stato della cultura immediato, carica l’ultima immagine disponibile e anche lo storico. On line c’è anche la produttività attesa del campo. Poi decide quanto concime apportare e il sistema consiglia “dove” usarlo in base alle necessità reali, producendo una mappa di prescrizione. Se l’imprenditore ha una trattrice a rateo variabile (dove si possono inserire le mappe che noi forniamo) la concimazione sarà automatica. Chi non ha queste macchine ha la possibilità di attivare il proprio gps (su telefonino o tablet) e navigare la mappa mentre effettua la concimazione col trattore di vecchia generazione».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie