Sabato 25 Settembre 2021 | 06:03

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

la firma

Gallipoli
il castello
va al Comune

Gallipoliil castellova al Comune

E’ stato sottoscritto oggi nella quattrocentesca sala ennagonale del Castello Angioino di Gallipoli l’accordo che sancisce il passaggio ufficiale dell’antico maniero nella proprietà e nella disponibilità piena del Comune. Soddisfatti tutti i firmatari dello «storico documento» per la tutela e la valorizzazione del pregiato bene storico ed artistico, il vice prefetto vicario Guido Aprea, commissario straordinario di Gallipoli, Marta Settimi, direttore generale dell’Agenzia del Demanio di Puglia e Basilicata ed Eugenia Vantaggiato, direttore del segretariato Mibatc per la Puglia. Nel corso dell’incontro è stato ricordato che il provvedimento di Gallipoli si inquadra nell’ambito del federalismo culturale, introdotto con decreto legislativo nel 2010, che consente il trasferimento a titolo gratuito di beni che appartengono al demanio storico artistico dello Stato agli enti locali che presentano un progetto di valorizzazione del compendio. «È un doppio successo - ha detto Aprea - perché da oggi il nostro castello entra formalmente nel patrimonio comunale; in realtà passa ai cittadini di Gallipoli sia per un’azione burocratica, ma soprattutto perché c'è un accordo di valorizzazione». L’amministrazione comunale - ha concluso Aprea - ha dimostrato nel tempo di riuscire non solo a tutelarlo, ma soprattutto perché nell’ottica della sua valorizzazione diventa il centro culturale d’interesse dell’intera città di Gallipoli».
L’accordo rappresenta - ha spiegato Settimi - «la parte conclusiva di un percorso, avviato con la presentazione da parte del Comune di un progetto fattibile; grazie alle sinergie tra Comune, Agenzia del demanio e Ministero beni attività culturali, si è pervenuti in tempi brevi alla sottoscrizione dell’intesa di valorizzazione e all’atto di trasferimento al territorio di un bene di grande valenza storica, bene che rappresenta anche un punto di attrazione per il flusso del turismo nella città di Gallipoli». «Il Ministero dei Beni Culturali - ha ricordato Vantaggiato - è stato da sempre favorevole a questa consegna; ha voluto con l’amministrazione comunale mettere l’accento sulla gestione di questo castello. È un grande successo da parte delle amministrazioni dello Stato e di Gallipoli, che ha capito l'importanza di un bene di tale portata soprattutto all’interno di quelli che sono i percorsi di sviluppo del territorio»

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie