Sabato 28 Marzo 2020 | 16:39

NEWS DALLA SEZIONE

cultura
Dal divano al museo la quarantena culturale: ecco i siti pugliesi e lucani «aperti» sul web

Dal divano al museo la quarantena culturale: ecco i siti pugliesi e lucani «aperti» sul web

 
emergenza coronavirus
Bari, rinviato in autunno concerto di Gigi D'Alessio

Bari, rinviato in autunno concerto di Gigi D'Alessio

 
Solidarietà
Il direttore d'orchestra Mastrangelo aiuta la Puglia: 2mln di mascherine e 100 ventilatori in arrivo

Coronavirus, Maestro Mastrangelo dalla Russia aiuta la Puglia: 2mln di mascherine e 100 ventilatori in arrivo

 
Il personaggio
Da Acquaviva a Brescia per fare il rianimatore: «Ho visto morire troppe persone, per carità restate a casa»

Da Acquaviva a Brescia per fare il rianimatore: «Ho visto morire troppe persone, per carità restate a casa»

 
sinergie
Oliveto Lucano riceve 1700 mascherine da Anton Vidokle, regista coinvolto per Matera 2019

Oliveto Lucano riceve 1700 mascherine da Anton Vidokle, regista coinvolto per Matera 2019

 
televisione
«Paesi che vai», il programma di Rai1 racconta Martina Franca

«Paesi che vai», il programma di Rai1 racconta Martina Franca

 
musica
Rinviato tour di Raf e Tozzi: data a Bari spostata a novembre

Rinviato tour di Raf e Tozzi: data a Bari spostata a novembre

 
La lettera al ministro
La scuola al tempo del Covid 19, maturanda di Taranto: «Chissà se potrò mai vivere la mia notte prima degli esami»

La scuola al tempo del Covid 19, maturanda di Taranto: «Chissà se potrò mai vivere la mia notte prima degli esami»

 
Il progetto
Coronavirus, Decaro porta la spesa a casa di un anziano: «Non vi lasciamo soli»

Coronavirus, Decaro porta la spesa a casa di un anziano: «Non vi lasciamo soli»

 
Per il Dantedì
Castellana, nelle grotte appare una concrezione che ricorda il profilo di Dante Alighieri

Castellana, nelle grotte appare una concrezione che ricorda il profilo di Dante Alighieri

 
La storia
Da portiere per passione a medico del Miulli: «Sognava di essere Zoff, ora chiude le porte al virus»

Da portiere per passione a medico del Miulli: «Sognava di essere Zoff, ora chiude le porte al virus»

 

Il Biancorosso

le dichiarazioni
Angelozzi e la grande paura: «Senza calcio manca l'aria»

Angelozzi e la grande paura: «Senza calcio manca l'aria»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Tarantoemergenza coronavirus
Mittal Taranto, si valuta riduzione numero operai

Mittal Taranto, si valuta riduzione numero operai

 
Foggial'allarme
Coronavirus, a Foggia muore operatore del 118: aveva 48 anni

Coronavirus, a Foggia muore operatore del 118: aveva 48 anni

 
Homeemergenza coronavirus
Bari, volantini-truffaldini affissi nei portoni

Bari, volantini-truffaldini affissi nei portoni

 
Leccel'emergenza
Coronavirus: bloccato in Montenegro, panettiere salentino torna a casa

Coronavirus: bloccato in Montenegro, panettiere salentino torna a casa

 
Potenzail bollettino
Coronavirus Basilicata: altri 29 casi nelle ultime 24 ore, 170 positivi totali

Coronavirus Basilicata: altri 29 casi nelle ultime 24 ore, 170 positivi totali

 
Potenzaregione basilicata
Coronavirus, ordinanza di Bardi chiude i comuni di Tricarico, Irsina e Grassano

Coronavirus, ordinanza di Bardi chiude i comuni di Tricarico, Irsina e Grassano

 
Batemergenza coronavirus
Bat, attivati i droni per il controllo dall'alto anti-assembramenti

Bat, attivati i droni per il controllo dall'alto anti-assembramenti

 
Brindisia cerano
Sbarco di migranti nel Brindisino in piena emergenza sanitaria: circa 30 egiziani, tutti con le mascherine

Sbarco di migranti nel Brindisino in piena emergenza sanitaria: 44 egiziani e iracheni, minorenni, tutti con le mascherine

 

I disegni

Il Coronavirus visto con gli occhi dei bimbi: tra mostri invisibili e mascherine giganti

Abbiamo chiesto ai più piccoli, dopo lo stop scolastico, di raccontarci con matite e pennarelli questo momento particolare: ecco il risultato

BARI - Una corona, un albero, una mascherina gigante e tanti omini che si abbracciano, infischiandosene del metro di distanza. Così i bambini vedono il Coronavirus: una palla colorata che saltella e minaccia la Terra, un mostriciattolo da sconfiggere «tutti insieme», perché l'unione fa la forza. I loro occhi vanno oltre la psicosi e la paura. Questo stop alle attività scolastiche dettato dall'emergenza per il timore da contagio del Covid 19 da una parte li rallegra perché non dovranno più restare seduti per ore costretti dietro i banchi, ma dall'altra non ferma la loro fantasia. E così matite e fogli alla mano hanno cercato di spiegarci qual è la formula magica per contrastare il virus «cattivo». Ecco i loro disegni. 

Per Gaia, 12 anni, basta rispettare le norme e prestare un po' più di attenzione all'igiene personale: «Non è mica una cosa difficile. E soprattutto non dobbiamo preoccuparci perché il Governo sta provando ad affrontare il problema, sono ottimista - racconta - fra pochi mesi tutto si risolverà». Noi adulti speriamo che la soluzione arrivi prima di «pochi mesi»
Gabriel e David di 13 anni commentano invece: «Avevamo un po’ di paura di andare a scuola, ma anche grazie alle spiegazioni dei nostri genitori e dei professori, abbiamo capito che è necessario seguire quanto ci dicono i dottori. Adesso è inutile negarlo: siamo contenti di non dover andare a scuola, così possiamo giocare e dormire un po’ di più, ma ci preoccupa se dobbiamo restare troppo tempo a casa. Ci mancano i compagni. Per ora ci dedichiamo alla lettura, i nostri genitori ci hanno comprato dei libri e dalla scuola ci mandano i compiti da fare a distanza».

Tutti d'accordo quindi sul rispetto delle leggi ma qualcuno sottolinea che la vera difficoltà sta nell'arginare la diffusione: «Mi preoccupa perché è un virus che può contagiare chiunque - spiega Simona 16 anni - secondo me le misure adottate non sono sufficienti, poiché le persone possono continuare a muoversi in libertà. Onestamente ho reagito male alla notizia della chiusura delle scuole: non si può fermare il mondo così, costringendoci a limitare i contatti con i nostri amici».
Francesca e Ambra sono dello stesso avviso: «Per proteggere i nostri cari e chi è già affetto da gravi patologie, ci stanno privando di molte libertà, forse hanno un po' esagerato».

La positività tra di loro è quasi «virale»: arcobaleni, alberi della vita e bambini che se prima erano tristi, perché colpiti dal «nemico», poco dopo ritrovano il sorriso guariti grazie al vaccino, che prima o poi verrà trovato. Giovanni, di 8 anni, ne è convinto: «Sarà la scienza a tutelarci, per questo ho disegnato una mascherina gigante che protegge tutti i bimbi».
«Il Coronavirus non è come i soliti mostri - spiega Pierpaolo di 7 anni - è vero, è invisibile e attacca all’improvviso, ma se c’è una cosa che ho capito è che questo «fantasma» non può cambiarmi. Il trucco è essere gentili, anche con lui». Greta e Matilde sorelline di 10 e 5 anni lanciano quindi un appello: «Non vi preoccupate adulti, vinceremo noi contro il Coronavirus».

Un messaggio di speranza, condito con un pizzico di ingenuità e dolcezza, che fa tanto bene al cuore e all'anima in un momento «particolare» vissuto con apprensione da tutta l'Italia e il mondo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie