Mercoledì 05 Ottobre 2022 | 03:42

In Puglia e Basilicata

La storia

Mancaversa, dopo 25 anni sulla sedia a rotelle Donato riprova la gioia di un bagno in mare

Grazie al progetto Il mare di tutti, da anni di base a San Foca, diventato ormai itinerante, grazie all'abnegazione della presidente dell'associazione Sunrise Onlus Maria De Giovanni

09 Agosto 2022

Redazione online

«Il mare di tutti» itinerante fa tappa a Mancaversa, marina di Taviano (Le): una giornata all’insegna dell’inclusione e della libertà sulla spiaggia libera denominata "dei cavalli", un lembo di sabbia dove l’associazione Sunrise Onlus presieduta da Maria De Giovanni ha messo in piedi una tappa del Mare di tutti, progetto di fisioterapia a mare per persone con sclerosi multipla e patologie neurologiche, con sede fissa tutta la settimana a San Foca.

Lo staff dell’associazione a bordo del pulmino «Il mare di tutti felici di muoversi» è arrivato sul posto alle 9 dove ad attendere c’era l’amministrazione comunale, il Sindaco, la commissione pari opportunità. Mentre gli operatori erano intenti a scaricare le sedie adatte e il materiale vario per l’entrata a mare dei disabili, ciò che ha attirato l’attenzione della De Giovanni è stato un anziano signore che dalla sua sedia a rotelle, accompagnato dalla figlia, osservava incuriosito tutte quelle manovre. Maria ha invitato l’anziano signore a entrare in mare aiutato dai suoi operatori sanitari. «Non entro da più di 25 anni - ha spiegato Donato, 85enne – da quando sono rimasto sulla sedia a rotelle, il mare lo osservo da lontano. Ma oggi per me questa è davvero una bella opportunità, e grazie a voi farò questa prova».

L’uomo invogliato da Maria si è lasciato aiutare e finalmente ha anche fatto la fisioterapia in acqua, muovendo le gambe e spruzzando con fare giocoso, come un bambino felice. «È una gioia immensa, nella mia vita sono sempre andato al mare, mio padre ha fatto la guerra e quando è tornato ci portava perfino in Grecia, dove avrei fatto anche la traversata a nuoto. In questa spiaggia ci portavo i cavalli da ragazzo. Un tuffo nel passato mi avete fatto fare. Oggi mi avete fatto il regalo più bello della vita, non dimenticherò mai questa avventura straordinaria, nell’acqua mi sentivo leggero, le gambe si muovevano e chissà, forse in Grecia ci sarei andato davvero a nuoto».

Lacrime di gioia quelle di Donato e della figlia che ha osservato emozionata la felicità di suo padre. Nella stessa mattinata sono stati trattati vari utenti con sclerosi multipla e patologie neurologiche, alle operazioni hanno partecipato anche le donne medico della Fidapa sezione di Gallipoli e la Presidente della commissione pari opportunità di Lecce, Teresa Chianella. «Ammiriamo e stimiamo Maria De Giovanni – ha detto il Sindaco di Taviano, Giuseppe Tunisi – per questo crediamo nel suo progetto e vogliamo aiutarla affinché diventi pioniera del Salento, perché come dice lei, il mare è di tutti ma bisogna poi concretizzare sostenendo di fatto progetti come questo». Una mattinata che si ripeterà presto nella piccola marina, grazie a un nuovo appuntamento chiesto dalla vice sindaca Serena Stefanelli: «credo nel valore della collaborazione - ha dichiarato – i nostri disabili hanno bisogno di progetti come questi e noi istituzioni vogliamo rendere fattibile tutto ciò, aiutando chi ogni giorno si mette a disposizione, proprio come fa Maria». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725