Domenica 17 Novembre 2019 | 22:56

NEWS DALLA SEZIONE

la storia
Bari, Teatro Piccinni: ecco perché non fu intitolato a Maria Teresa d'Asburgo

Bari, Teatro Piccinni: ecco perché non fu intitolato a Maria Teresa d'Asburgo

 
maltempo
Bari, allo Stadio San Nicola il vento fa volare via un altro «petalo»

Bari, allo Stadio San Nicola il vento fa volare via un altro «petalo»

 
trasporti
Treno Napoli-Bari, stop al tunnel sotto l'Irpinia

Treno Napoli-Bari, stop al tunnel sotto l'Irpinia, bocciato dal Ministero

 
fermato a bari        
Bari, a folle velocità sul lungomare ha un tasso alcolemico 3 volte più alto del consentito: denunciato

A folle velocità sul lungomare, ha un tasso alcolemico 3 volte più alto del consentito: denunciato

 
La curiosità
Ama talmente tanto Bari da tatuarsi la Gazzetta

Si tatua la Gazzetta sul polpaccio: l'inno alla baresità di un 22enne

 
Il caso
Bari, venditore abusivo aggredisce agenti: arrestato

Bari, venditore abusivo aggredisce agenti: arrestato

 
riqualificazione
Bari, ospedale pediatrico inaugura nuovo accesso riservato ai mezzi di soccorso

Bari, al Pediatrico nuovo accesso riservato ai mezzi di soccorso

 
viabilità
SS16, il Ministero chiude la partita: la variante partirà da Mungivacca

SS16, il Ministero chiude la partita: la variante partirà da Mungivacca

 

Il Biancorosso

serie c
Antenucci e una partita speciale: «Incrocio fra passato e presente»

Bari batte Paganese 1-0. Decide la rete di Antenucci. Rivedi la diretta

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoLa protesta
Mittal, a Taranto sindacati sul piede di guerra: nessuno spegnerà la fabbrica

Mittal, a Taranto sindacati sul piede di guerra: nessuno spegnerà la fabbrica
Voci su blocco uscita dei camion

 
Leccemusica
«Bases», a Lecce la presentazione dell'album del sassofonista Giovanni Chirico

«Bases», a Lecce la presentazione dell'album del sassofonista Giovanni Chirico

 
Barila storia
Bari, Teatro Piccinni: ecco perché non fu intitolato a Maria Teresa d'Asburgo

Bari, Teatro Piccinni: ecco perché non fu intitolato a Maria Teresa d'Asburgo

 
Materail personaggio
Da «Imma Tataranni» al cinema con «Gli uomini d'oro»: il materano Giuseppe Ragone si racconta

Da «Imma Tataranni» al cinema con «Gli uomini d'oro»: il materano Giuseppe Ragone si racconta

 
Foggiadai carabinieri
Cerignola, non si ferma all'alt e fugge con 2 figli piccoli a bordo, arrestata mamma 30enne

Cerignola, non si ferma all'alt e fugge con 2 figli piccoli a bordo, arrestata mamma 30enne

 
Brindisiin via Longobardo
Brindisi, cemento e calcinacci si abbattono al suolo: tragedia sfiorata al Casale

Brindisi, cemento e calcinacci si abbattono al suolo: tragedia sfiorata al Casale

 
Batnel nordbarese
Canosa, nuova discarica in Contrada Tufarelle, appello all'Arpa Puglia: «Decidano solo i tecnici»

Canosa, nuova discarica in Contrada Tufarelle, appello all'Arpa Puglia: «Decidano solo i tecnici»

 
Potenzail personaggio
Potenza, il Capodanno Rai ha cambiato la vita a Peppone, mito dello street food

Potenza, il Capodanno Rai ha cambiato la vita a Peppone, mito dello street food

 

i più letti

città illuminata

Bari, nuova «luce» per il fortino e la muraglia: firmato l'accordo

Sottoscritto il protocollo per impiantare moderni LED

Il sindaco di Bari Antonio Decaro e il direttore di Enel Italia Carlo Tamburi hanno sottoscritto questa mattina il protocollo d’intesa per il rinnovo tecnologico dell’illuminazione artistica di alcuni dei luoghi più suggestivi della città vecchia: grazie all’accordo, che prevede un’innovativa opera di efficientamento e sostenibilità ambientale, il fortino Sant’Antonio e la muraglia avranno una nuova illuminazione artistica.

Attraverso la sostituzione dei corpi illuminanti tradizionali con moderni impianti a LED, infatti, sarà possibile far risaltare la profondità spaziale e dare importanza ai volumi e alle linee architettoniche. Il nuovo sistema di illuminazione permetterà anche di cambiare colore, creando scenari di luce in occasione di particolari eventi e in base alle esigenze del Comune e della Soprintendenza ai Beni Culturali.

Il progetto riguarderà due tratti: nel primo saranno sostituiti quarantasei punti luce sul fortino Sant’Antonio e sulle mura medievali che vanno dalla vicina piazza del Ferrarese all’arco di vico Corsioli; lungo il secondo tratto saranno sostituiti novanta proiettori sulla parte della muraglia compresa tra la Basilica di San Nicola e il complesso di Santa Scolastica. Sarà garantita l’uniformità dell’illuminazione artistica, che potrà anche cambiare colore in base alle esigenze, offrendo uno scenario particolarmente suggestivo nella vista dal mare. Grazie a questo intervento, che impiega la più moderna tecnologia LED, si potrà beneficiare di un risparmio energetico di circa il 50%.

“Siamo lieti di contribuire, con un progetto innovativo e sostenibile, a valorizzare uno dei luoghi più visitati del centro storico di Bari. Il fortino e la muraglia avranno una nuova illuminazione che coniuga efficienza e sostenibilità, tutelando il patrimonio artistico della città - ha commentato Carlo Tamburi -. Il nuovo accordo è la dimostrazione di come, grazie a un’amministrazione sensibile ai temi dello sviluppo sostenibile, si possa instaurare un dialogo proficuo che, nel caso di Bari, spazia dalle reti intelligenti alla mobilità elettrica, fino all’efficienza energetica in linea con le migliori pratiche europee”.

“Portare nuova luce, che illumina alcuni luoghi simbolo della nostra città, è sempre una buona cosa - ha dichiarato Antonio Decaro -. Siamo ancora più soddisfatti perché ad essere illuminate saranno le aree più suggestive della nostra città che verranno migliorate ottenendo al contempo un efficientamento energetico e, di conseguenza, un risparmio significativo in termini economici e ambientali. Voglio ringraziare Enel Italia che si è da subito mostrata attenta e disponibile alle richieste dell’amministrazione comunale che, come abbiamo detto più volte, sta effettuando un investimento importante sull’illuminazione come elemento di riqualificazione fisica dei luoghi e come simbolo di maggiore attenzione allo spazio pubblico. Avere luci più potenti, più belle e più efficienti ci permette di valorizzare i nostri luoghi, di garantire un sensibile risparmio energetico e di favorire una maggiore percezione di sicurezza da parte dei cittadini. Il nostro obiettivo è quello di completare questo progetto in vista del mese di festeggiamenti che la città di appresta a vivere, tra il 6 dicembre e l’Epifania, quando Bari sarà attraversata da migliaia di persone. La collaborazione con i soggetti privati che vogliono investire nella bellezza della nostra città ci permetterà di completare questo investimento illuminotecnico sulla città vecchia con alcuni interventi importanti su altri monumenti presenti. Stiamo lavorando per far sì che, ad esempio, tutti gli edifici monumentali abbiano un’illuminazione che valorizzi degnamente la loro bellezza”

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie