Sabato 15 Dicembre 2018 | 16:35

NEWS DALLA SEZIONE

L’evento
Taranto, il cardinale Parolin entrerà nel Siderurgico

Taranto, il cardinale Parolin entrerà nel Siderurgico

 
Stop per 32 ore
Ex Ilva, operai annunciano sciopero: contestati criteri assunzioni

Ex Ilva, operai annunciano sciopero: contestati criteri assunzioni

 
Il caso
Taranto, cadono calcinacci nel call center e colpiscono operatrice: «Se denunci perdi il posto»

Taranto, cadono calcinacci nel call center e colpiscono operatrice: «Se denunci perdi il posto»

 
Ex Ilva
Acciaio senza carbone: ora si può. Emiliano a Mittal: «Decidiamo road map»

Acciaio senza carbone: ora si può. Emiliano a Mittal: «Decidiamo road map»

 
Le spese
Taranto: il concerto di capodanno costerà 82mila e 500 euro

Taranto: il concerto di capodanno costerà 82mila e 500 euro

 
Violenza in famiglia
Taranto, ha maltrattato la moglie per anni: arrestato un 62enne

Taranto, ha maltrattato la moglie per anni: arrestato un 62enne

 
Il furto
Palagiano, Sorpresi mentre rubano 400 kg di arance: denunciati 4 tarantini

Palagiano, sorpresi mentre rubano 400 kg di arance: denunciati in 4

 
Il museo dei tarantini illustri
Taranto, il Mudit presto al posto della masseria «Solito»

Taranto, il Mudit presto al posto della masseria «Solito»

 
INDUSTRIA
ArcelorMittal, lungo addio al carbone: «Taranto sarà punto di riferimento»

ArcelorMittal, lungo addio al carbone: «Taranto sarà punto di riferimento»

 
In appello
Taranto, morte on. Fransoso travolto da cancello: ridotte condanne

Taranto, morte on. Franzoso travolto da cancello: ridotte condanne

 
Nel tarantino
Palagiano, confiscati beni per 1,3 milioni di euro a un pregiudicato

Palagiano, confiscati beni per 1,3 milioni di euro a un pregiudicato

 

Regali di Natale marchiati CE

Lo sportello Ue

Giuseppe Dimiccoli

Giuseppe Dimiccoli

Tutte le novità, le curiosità e le nuove regole introdotte dall'Unione europea. Un blog per conoscere meglio i segreti dell'Unione curato da un giornalista che all'Unione ci ha lavorato.

I regali di Natale devono essere sicuri. Al primo posto la sicurezza. Fondamentale appare acquistare giocattoli col marchio CE.
Come riportato da una nota del Parlamento europeo «ogni anno, in Italia, 201 milioni di Euro vanno in fumo a causa delle vendite di giocattoli contraffatti, il che equivale a una perdita del 15,6% delle vendite di giocattoli nel paese. E l'industria del settore lamenta un calo del 14,4% in termini di occupazione. Inoltre, essendo il 99% delle imprese produttrici PMI, esse fanno molta più fatica a tutelarsi nei confronti di queste violazioni della proprietà intellettuale. A livello europeo, le perdite dirette a causa della contraffazione nel settore dei giocattoli ammontano a 1,4 miliardi di Euro l'anno, e quelle indirette toccano i 2,3 miliardi di Euro, con mancati introiti per i governi di 370 milioni di Euro. Quasi ventimila posti di lavoro vanno persi fra danni diretti e indiretti causati dalla contraffazione nel settore». Oltre al danno economico diventa più grave quello che attiene alla sicurezza dei nostri bambini.
Dal luglio 2011, i giocattoli venduti nell'UE devono rispondere ai requisiti di sicurezza e ai sistemi di controllo più rigorosi al mondo grazie alla direttiva europea sulla sicurezza dei giocattoli.
Sempre nella notata è riportato che: «affinché un giocattolo sia davvero sicuro, non basta il rispetto di standard e regole o la marcatura europea (CE). La sicurezza dipende, infatti, anche dall'utilizzo del giocattolo in relazione all'età del bambino cui è destinato: Non bisogna, ad esempio, comprare giocattoli con piccole parti staccabili per bambini sotto i 3 anni di età. Il soffocamento, infatti, è un rischio concreto per i bambini più piccoli, perché tendono a mettere tutto in bocca».

In merito alla sicurezza dei giocattoli Antonio Tajani, primo vicepresidente del Parlamento Europeo @Antonio_Tajani , ha dichiarato che: «Un Natale contraffatto è un Natale non sicuro. Le regole europee per la sicurezza dei giocattoli e contro la contraffazione rispondono all’idea di Europa che tutti vogliamo: un’Europa vicina ai cittadini, attenta alla loro sicurezza e al loro benessere. Un’Europa dei diritti al servizio dei più deboli».
«Le vendite di giochi aumentano in coincidenza con le festività natalizie - ha osservato il vicepresidente del Parlamento Europeo, David Sassoli @DavidSassoli - ma dall’entrata in vigore della Direttiva europea sui giocattoli, nel 2011, sono stati introdotti maggiori sistemi di controllo soprattutto in termini di sicurezza e prevenzione».
Buon Natale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400