Giovedì 02 Luglio 2020 | 17:37

NEWS DALLA SEZIONE

Turismo Vip
ll sole e l’azzurro di Giorgia illuminano il mare di Gallipoli

ll sole e l’azzurro di Giorgia illuminano il mare di Gallipoli

 
solidarietà dopo la morte
Corato, il gesto d'amore di Federica, espiantate e donate cornee

Corato, il gesto d'amore di Federica, espiantate e donate cornee

 
Ostaggi Selvaggi
Bianca Guaccero, la anglobitontina: «Parlo puro inglese bitontino»

Bianca Guaccero, la anglobitontina: «Parlo puro inglese bitontino»

 
Rilasciato in mare
Manfredonia, piccolo squalo si impiglia nella rete: salvato dai pescatori

Manfredonia, piccolo squalo si impiglia nella rete: salvato dai pescatori

 
Lo spot
FASANO

La bellezza di Fasano in 90 secondi: il turismo a diversa velocità

 
Agricoltura
Terlizzi, il tipico frutto fiorone «Tauro» approda Oltremanica

Terlizzi, il tipico fiorone «Tauro» approda Oltremanica

 
sinergie musicali
«Deja que llora», Bob Sinclair pubblica pezzo del duo barese Dual Beat

«Deja que llora», Bob Sinclar pubblica pezzo del duo barese Dual Beat

 
Solidarietà
Brindisi, bambino di 7 anni perde la bici. La Polizia gliene regala un’altra

Brindisi, bambino di 7 anni perde la bici, la polizia gliene regala un’altra

 
Musica
In rete il videoclip “Un’altra estate”, nuovo singolo del tarantino Diodato

In rete il videoclip di «Un’altra estate», nuovo singolo del tarantino Diodato

 
Turismo
Pietramontecorvino, il “Guardian”: per le vacanze post-Covid. Mete ideali due centri dei Monti Dauni

Per il «Guardian» due paesi dei Monti Dauni sono garanzia di vacanze sicure

 
LA TESTIMONIANZA
«Io, nell’inferno del Pio Albergo Trivulzio»

«Io, nell’inferno del Pio Albergo Trivulzio»: parla infermiere barese

 

Il Biancorosso

calcio
Bari, Laribi carica i biancorossi: «Pronti a scrivere un pezzo di storia»

Bari, Laribi carica i biancorossi: «Pronti a scrivere un pezzo di storia»

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoI controlli
Bonifiche a Taranto: presentato piano monitoraggio ambientale

Bonifiche a Taranto: presentato piano monitoraggio ambientale

 
Batil sindacato
BAT, cambio al vertice della Fp Cgil: Ileana Remini è la nuova segretaria generale

BAT, cambio al vertice della Fp Cgil: Ileana Remini è la nuova segretaria generale

 
HomeVerso le elezioni
Bri, un ticket Emiliano-M5s? Il Pd lo vuole, i grillini no

Regionali 2020 in Puglia, ticket Emiliano-M5s? Il Pd lo vuole, i grillini no

 
Potenzacambio della guardia
Basilicata Vigili del fuoco, nominato nuovo direttore regionale

Basilicata, nominato nuovo direttore regionale Vigili del fuoco

 
BrindisiAmbiente
Brindisi, parcheggi a Torre Guaceto: accuse a gestori e Comuni

Brindisi, parcheggi a Torre Guaceto: accuse a gestori e Comuni

 
LecceTurismo Vip
ll sole e l’azzurro di Giorgia illuminano il mare di Gallipoli

ll sole e l’azzurro di Giorgia illuminano il mare di Gallipoli

 
MateraLe tradizioni religiose
Matera, è il giorno della Madonna della Bruna: ma niente assalto al carro

Matera, è il giorno della Madonna della Bruna: ma niente assalto al carro FOTO

 
Foggiaestorsioni in campagna
San Giovanni Rotondo, minaccia agricoltori per imporre egemonia sulla raccolta olive: arrestato 40enne

San Giovanni Rotondo, minaccia agricoltori per imporre egemonia sulla raccolta olive: arrestato 40enne

 

i più letti

L'attore

Franco Ferrante va a lezione di teatro dal figlio di 10 anni

Tra ironia e nonsense l’attore con il piccolo Vito. A giorni nel film «La rivincita» di Leo Muscato

«Buongiorno e benvenuti nel mio ufficio». Iniziano così, da poco più di un mese, i mini video ironici dell’attore barese Franco Ferrante, lanciati sulla sua pagina Facebook dall’interno della propria auto. Nati per gioco e senza pretese, con lo spirito del nonsense, le clip della durata media di circa un minuto si sono arricchite negli ultimi giorni di una presenza fissa che ha fatto alzare lo share: suo figlio Vito, decenne, è talmente spigliato, espressivo e simpatico, che ha occupato il posto di comando dell’ufficio.

Non solo: è anche il singolare «maestro» del papà attore, in un laboratorio teatrale in pillole, in cui ogni mattina vengono impartite lezioni sui fondamentali, dalla dizione all’energia della voce, dall’improvvisazione alla respirazione.

«Adesso mi parla persino di commedia dell’arte!», scherza Ferrante, che con una buona dose di autoironia affronta il difficile periodo di fermo lavorativo, con la speranza di tornare al più presto sul palcoscenico. «Prima del lockdown - spiega - ero in tournée con Il misantropo di Molière (con la regia di Tonio De Nitto e la Factory Compagnia Transadriatica) e Il problema, un dramma sull’alzheimer con la regia di Paola Fresa per la Fondazione Sipario Toscana. Ad aprile avrei recitato in Midnight Barabba (regia di Otello Cenci) a Foggia e San Severo. Un altro spettacolo che avrebbe ancora girato è La bisbetica domata di Shakespeare, prodotta sempre dalla leccese Factory. In Germania ad aprile hanno stanziato subito 5mila euro per gli artisti e i freelance, noi siamo costretti a mobilitarci per i sit-in. Lo stato dovrebbe riflettere sulla nostra condizione».

Ferrante è attivo anche in ambito cinematografico: da giovedì 4 giugno, su RaiPlay, potremo vederlo nel ruolo del sardonico autista di uno strozzino ne La rivincita, il film di Leo Muscato su un soggetto di Michele Santeramo, girato a Martina Franca e dintorni. «Sarebbe stato proiettato in anteprima al Bifest - afferma Franco -, una bellissima occasione per tutti noi, in un cast in gran parte pugliese». Mentre a dicembre 2019 l’attore ha terminato di lavorare sul set di una coproduzione italo-olandese (Jolefilm e Halal), per un film la cui distribuzione è adesso un punto interrogativo.

«Cerco di vedere sempre il bicchiere mezzo pieno: in questo periodo ho passato più tempo con la famiglia e i miei figli: oltre a Vito, c’è Gabriele, che ha cinque anni e al quale avevo dedicato il monologo Arcangelo. A breve diventerà un libro, edito da La Meridiana».

Intanto il piccolo Vito Ferrante, con tanto di erre alla francese e un savoir-faire da vero maestro, dà lezioni di teatro al papà.
«Ho iniziato a girare i video in auto - prosegue Franco - perché avevo bisogno in alcune situazioni di estraniarmi da casa. Dove ricevere o fare telefonate di lavoro? La mia auto, a cento metri da casa, era l’unico luogo in cui potevo rifugiarmi: con la batteria a terra, ma con rigorosa autocertificazione, ho iniziato per gioco tutte le mattine. Poi un giorno Vito mi ha seguito ed è sorto questo duetto. Tutto molto naturale, senza preparare granché: pian piano mi sono accorto che il ribaltamento dei ruoli era vincente. E a casa il gioco teatrale è una regola: tutti i miei abiti di scena sono giocattoli per i miei figli. Per non parlare delle favole, che non mancano mai: non a caso con Vito citiamo anche ciò che leggo loro, come Le avventure di Pinocchio o Il piccolo principe. E la commedia dell’arte, ovviamente!».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie