Lunedì 30 Marzo 2020 | 19:35

NEWS DALLA SEZIONE

Le indagini
Modugno, rapinarono tabaccheria: arrestati fidanzati-banditi. Lui tradito dai tattoo

Modugno, rapinarono tabaccheria: arrestati fidanzati-banditi. Lui tradito dai tattoo

 
emergenza coronavirus
Bari, consegnate 42mila mascherine in Puglia: «Meno di un terzo del fabbisogno»

Bari, arrivano 42mila mascherine in Puglia: «Meno di un terzo del fabbisogno»

 
al vito fazzi
Lecce, inno d'Italia e sirene spiegate: le forze dell'ordine davanti all'ospedale ringraziano i medici

Lecce, inno d'Italia e sirene spiegate: le forze dell'ordine davanti all'ospedale ringraziano i medici

 
Al tempo del Covid 19
Lecce, cerca di evitare i controlli della polizia: ciclista si getta in mare con la bici

Lecce, cerca di evitare i controlli della polizia: ciclista si getta in mare con la bici

 
coronavirus
Bari, fermato sul lungomare: «Sto facendo le pelose». Decaro sui social: «Vi sembra normale?»

Bari, fermato sul lungomare: «Sto facendo le pelose». Decaro sui social: «Vi sembra normale?»

 
emergenza coronavirus
Brindisi, sirene e applausi dei vigili del fuoco ai sanitari del «Perrino»

Brindisi, sirene e applausi dei vigili del fuoco ai sanitari del «Perrino»

 
è virale
Bari, il portiere Frattali spopola sui social: sollevamento pesi con la figlioletta

Bari, il portiere Frattali spopola sui social: sollevamento pesi con la figlioletta

 
l'operazione
Grottaglie, dopo 3 mesi cc arrestano latitante del Brindisino: era nascosto in una villa

Grottaglie, dopo 3 mesi cc arrestano latitante del Brindisino: era nascosto in una villa

 
Il progetto
Coronavirus, Decaro porta la spesa a casa di un anziano: «Non vi lasciamo soli»

Coronavirus, Decaro porta la spesa a casa di un anziano: «Non vi lasciamo soli»

 
nel brindisino
Oria, ordinano 12mila mascherine a esercente cinese ma lo rapinano: arrestati 2 fratelli

Oria, ordinano 12mila mascherine a esercente cinese ma lo rapinano: arrestati 2 fratelli

 
Coronavirus
La forza dei sorrisi di pazienti e sanitari del San Carlo di Potenza va oltre le mascherine

La forza dei sorrisi di pazienti e sanitari del San Carlo di Potenza va oltre le mascherine

 

Il Biancorosso

Serie c
Bari calcio, il portiere Marfella «La quarantena tra allenamenti e play, state a casa»

Bari calcio, il portiere Marfella «La quarantena tra allenamenti e play, state a casa»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariL'iniziativa
Coldiretti Puglia, contro la povertà post Covid 19 arriva la «spesa del contadino»

Coldiretti Puglia, contro la povertà post Covid 19 arriva la «spesa del contadino»

 
BrindisiIl virus
Coronavirus, pronto a Brindisi nuovo laboratorio analisi tamponi

Coronavirus, pronto a Brindisi nuovo laboratorio analisi tamponi

 
PotenzaLieto fine
Potenza, trovata anziana che si era allontana da casa di riposo

Potenza, trovata anziana che si era allontana da casa di riposo

 
Homeemergenza coronavirus
Soleto, focolaio contagio in casa di riposo: altri 2 anziani morti

Soleto, focolaio in casa di riposo: altri 2 anziani contagiati morti

 
TarantoControlli della polizia
Taranto, a spasso dopo un tentato furto: nei guai un 30enne

Taranto, a spasso dopo un tentato furto: nei guai un 30enne

 
Materaspeculazione
Emergenza Coronavirus, a Matera sindacati denunciano aumento prezzo beni di prima necessità

Emergenza Coronavirus, a Matera sindacati denunciano aumento prezzo beni di prima necessità

 
Foggiala decisione
Sequestro conti Tirrenia, stop collegamenti con le Tremiti

Sequestro conti Tirrenia, stop collegamenti con le Tremiti

 
Batemergenza coronavirus
Trani, Ordine avvocati: «Pieno sostegno al mondo della Sanità»

Trani, Ordine avvocati: «Pieno sostegno al mondo della Sanità»

 

i più letti

Attentato

San Severo, il racket dei rifiuti: incendio distrugge 25 mezzi azienda raccolta. Domani comitato di sicurezza

Nel mirino l'impresa campana Buttol: a fuoco il deposito della zona aritiganale

SAN SEVERO - Un incendio di natura dolosa ha distrutto un deposito della ditta Buttol, impresa campana che si occupa della raccolta di rifiuti nel comune di San Severo. Secondo una prima ricostruzione dell'accaduto, alle prime luci dell'alba, ignoti dopo essersi introdotti nell'area del deposito, in via Tardio, nella zona artigianale. hanno cosparso liquido infiammabile in più punti provocando un enorme rogo che ha distrutto 25 mezzi della ditta, in gran parte compattatori anche abbastanza nuovi (l'incendio avrebbe risparmiato l'isola ecologica). Sul posto sono intervenuti i Carabinieri e i Vigili del fuoco con diverse squadre.

In queste ore il Comune sta valutando eventuali problemi sul servizio di raccolta a partire da domani: purtroppo il parco mezzi è stato completamente azzerato dal rogo e questo potrebbe comportare alcuni disagi in una prima fase. Dal Comune fanno sapere che il contratto con la ditta Buttol è in scadenza a febbraio. 

Controlli a campione sono stati effettuati sulla qualità dell’aria a San Severo in seguito all’incendio che all’alba ha distrutto 25 mezzi per la raccolta dei rifiuti, sprigionando una densa nube di fumo nero che preoccupa i cittadini. «I picchi di diossina non sarebbero preoccupanti», scrive su Facebook il sindaco Francesco Miglio, precisando che «il vento spinge i fumi fuori dal centro abitato». «Nelle prossime ore - aggiunge - verrà diramato un avviso per stabilire le modalità del conferimento dei rifiuti per i prossimi giorni e fino all’arrivo di altri mezzi». 

Il comitato straordinario per la sicurezza convocato dal prefetto di Foggia per martedì prossimo, in cui si discuterà dell’incendio, sarà riunito nel Comune di San Severo. Un modo - fa sapere la Prefettura - per dimostrare vicinanza delle istituzioni e al territorio.

Nei mesi scorsi altri episodi simili si sono verificati sempre in comuni del Gargano dove i piromani hanno distrutto decine di mezzi del servizio di rifiuti. Da luglio dello scorso anno sono già quattro gli incendi che hanno riguardato aziende per la raccolta di rifiuti nel Foggiano. A luglio 2019 furono distrutti 33 mezzi della Tekra a San Giovanni Rotondo; a ottobre furono incendiati 13 autocompattatori della ditta Tecneco a Chiuti, poi una settimana più tardi fu avvolto dalle fiamme il capannone della Sia a Carapelle. L'episodio di San Severo riaccende i riflettori nel Foggiano dove dall'inizio del'anno si stanno registrano attentati e omicidi. Una era e propria sfida contro lo Stato che ha potenziato l'organico delle forze dell'ordine.

Il sindaco: non ci arrendiamo, lotta per la legallità

«Noi non ci arrendiamo, la città non si arrende e continueremo a lottare per la ricerca della legalità. Confidiamo nel lavoro delle forze dell’ordine che presto arriveranno alla verità». Così il sindaco di San Severo, Francesco Miglio, e l’assessore all’Igiene urbana Felice Carrabba, commentano il vasto incendio che ha distrutto 23 mezzi della ditta Buttol srl. Questa mattina il prefetto di Foggia Raffaele Grassi, dopo aver contattato il primo cittadino per esprimere la propria vicinanza a tutta la cittadinanza di San Severo, ha convocato per martedì prossimo - a quanto si apprende dal Comune - una riunione con i vertici delle forze dell’ordine in Prefettura.

Il presidente Emiliano: «Nessuna paura»

«Siamo al fianco del sindaco Francesco Miglio e di tutta la comunità di San Severo. Non ci lasceremo intimidire da niente e nessuno e siamo uniti nella ferma condanna di quanto accaduto stanotte». Lo dichiara il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano con riferimento all’incendio che questa notte ha distrutto 25 mezzi per la raccolta di rifiuti nel comune in provincia di Foggia.

Incendio appiccato in tre punti diversi. L'azienda: «Non arretriamo»

«L'azienda non intende arretrare nella battaglia di legalità intrapresa, e offre tutta la collaborazione alle autorità competenti nel tentativo di individuare i responsabili del raid incendiario ai danni del parco automezzi nel Comune di San Severo». E’ detto in una nota della Buttol srl, l’azienda che si occupa del servizio raccolta rifiuti nel comune in provincia di Foggia, dopo l’incendio che all’alba ha distrutto numerosi autocompattatori. Secondo notizie in possesso dell’azienda, l’incendio sarebbe stato appiccicato «in tre punti di innesco diversi distruggendo 25 automezzi».

La Buttol precisa inoltre che «non è il primo episodio delittuoso che si ritrova a denunciare». «Da quando è in servizio a San Severo - sottolinea - sono stati segnalati tre episodi alle autorità: il furto di un automezzo di media portata, il furto di gasolio ad opera di un dipendente poi licenziato, le minacce nei confronti di lavoratori interinali impiegati per il servizio di San Severo».

Il comitato di sicurezza

Il prefetto di Foggia, Raffaele Grassi, ha convocato il Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica domani alle 13 a San Severo, dove domenica 26 gennaio un incendio ritenuto dagli inquirenti quasi certamente doloso ha distrutto 23 compattatori della ditta Buttol srl, che si occupa della locale raccolta dei rifiuti. Il prefetto Grassi annuncia anche la partecipazione del sindaco di San Severo, Francesco Miglio e dei rappresentati dell’azienda Buttol srl. Nel corso della riunione straordinaria sarà preso in esame il grave episodio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie