Venerdì 26 Aprile 2019 | 17:41

NEWS DALLA SEZIONE

Nel barese
Scarafaggi in mulino ad Altamura, sequestrate 16 tonnellate di prodotti

Scarafaggi in mulino ad Altamura, sequestrate 16 tonnellate di prodotti

 
San Paolo
Bari, cinghiali e cinghialetti fanno spuntino tra i rifiuti

Bari, cinghiali e cinghialetti fanno spuntino tra i rifiuti

 
Il tavolo
Di Maio a Taranto: «Abbiamo abolito l'immunità penale ai vertici di Ilva»

Di Maio a Taranto: «Abbiamo abolito l'immunità penale ai vertici di Ilva»

 
Vento di burrasca
Maltempo a Bari, cade giù albero in via Adriatico

Maltempo sferza Bari, cadono alberi in via Adriatico

 
Il video
Pasquetta a Bari, gita fuori porta anche per i cinghiali: il pic nic tra i rifiuti

Pasquetta a Bari, gita fuori porta anche per i cinghiali: il pic nic tra i rifiuti

 
Operazione Ultimo Avamposto
Foggia, blitz antidroga sul Gargano: le videointercettazioni

Foggia, blitz antidroga sul Gargano: le videointercettazioni

 
I festeggiamenti
Bari in Serie C, i tifosi accolgono i galletti in aeroporto

Bari in Serie C, i tifosi accolgono i galletti in aeroporto

 
3 denunce
Porto Brindisi, GdF sequestra 57mila paia di infradito Havaianas false

Porto Brindisi, GdF sequestra 57mila paia di infradito Havaianas false

 
L'evento
La pizzica sulla Piazza Rossa: Mosca tarantata dalla Puglia

La pizzica sulla Piazza Rossa: Mosca tarantata dalla Puglia

 
Catturati dai cc
S.Spirito, in cella due rapinatori terrore dei supermercati della zona

S.Spirito, in cella due rapinatori terrore dei supermercati della zona

 
Il video
Altamura, pioggia a catinelle nel «nuovo» ospedale: non è un film

Altamura, pioggia a catinelle nel «nuovo» ospedale: non è un film

 

Il Biancorosso

CALCIO MERCATO
Confermati gli over con vincoli pluriennaliDa sciogliere al più presto il nodo Brienza

Confermati gli over con vincoli pluriennali
Da sciogliere al più presto il nodo Brienza

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariUfficializzati i nomi
Bari, ecco i candidati ai 5 municipi che sostengono Decaro

Bari, ecco i candidati ai 5 municipi che sostengono Decaro

 
MateraIl provvedimento
Matera, nella Capitale della Cultura vietato lanciare coriandoli agli sposi: «Deturpano»

Matera, nella Capitale della Cultura vietato lanciare coriandoli agli sposi: «Deturpano»

 
PotenzaIl furto
Potenza ruba portafoglio in ospedale San Carlo a 87enne: arrestato

Potenza ruba portafoglio in ospedale San Carlo a 87enne: arrestato

 
TarantoNel Tarantino
Manduria, l'ombra della baby gang dietro la morte di un anziano

Manduria, l'ombra della baby gang dietro la morte di un anziano: pestato a sangue

 
BrindisiA francavilla fontana
In casa merce rubata e 2 pincher denutriti: denunciata coppia

In casa merce rubata e 2 pincher denutriti: denunciata coppia

 
BatNessun ferito
Bisceglie, spara contro carabinieri durante un controllo: fermato

Bisceglie, spara contro carabinieri durante un controllo: preso ucraino

 

L'indagine dell'Arpa

Taranto, il mistero dei rifiuti sequestrati alla Sanac: «Voi giornalisti non potete entrare»

Furono sottoposti a vincolo nello stabilimento Sanac circa 4000 pallet di mattoni refrattari e circa 1000 tonnellate di materiale in polvere classificabili come rifiuti

TARANTO - Entro la fine di novembre termineranno le operazioni di smaltimento di 4000 pallet di mattoni refrattari e circa 1000 tonnellate di materiale in polvere classificabili come rifiuti, oltre a materie prime e prodotti finiti, sequestrati nel 2006 dalla Guardia di finanza nella ditta Sanac di Taranto, diventata proprietà del Gruppo Riva nel 1995 in concomitanza con l’acquisto della società Ilva SpA di cui faceva parte ed ora in amministrazione straordinaria.

La Guardia di finanza sottopose a sequestro la stessa Sanac e l'azienda Sct di Faggiano in una indagine di natura ambientale.
Oggi era stata convocata una conferenza stampa da parte della direttrice della sezione Arpa di Taranto Maria Spartera e dal custode giudiziario della Sanac Nicola Fortunato, ma i giornalisti non hanno avuto accesso allo stabilimento.
«Purtroppo - ha spiegato il custode giudiziario - non possiamo farvi accedere all’area in quanto la proprietà Ilva ha inibito l'accesso ai giornalisti e ci dispiace. Avremmo voluto farvi vedere i risultati di questa preziosa collaborazione e sinergia tra le istituzioni che ha permesso di eliminare la criticità ambientale che preoccupava l’intera comunità».

Maria Spartera, direttrice di Arpa Taranto, l’agenzia regionale per la protezione ambientale chiamata dalla Corte d’Appello a controllare le attività di smaltimento, ha precisato che il materiale rinvenuto nel 2006 fu classificato «come rifiuto e all’accertamento risultò che nè la Sanac nè la ditta Sct di Faggiano che riceveva questo materiale avevano le autorizzazioni per il recupero dei rifiuti perchè di tale tipologia si trattava. I mattoni rotti venivano rimacinati da questa ditta e rimandati alla Sanac che li utilizzava come materie secondarie per rifare nuovi mattoni. Tutto questo materiale ad oggi è rimasto depositato qui all’aperto e ci sono stati vari procedimenti giudiziari fino ad arrivare alla sentenza della Corte d’appello». Infine, è stato raggiunto «l'accordo con la gestione commissariale dell’Ilva - ha concluso Spartera - e lo smaltimento avviene a spese loro. Sono già partiti 300 camion per lo smaltimento nelle discariche Barletta, della provincia di Alessandria e della provincia di Viterbo». (Video Todaro)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400