Martedì 18 Maggio 2021 | 00:50

NEWS DALLA SEZIONE

L'impatto
Bari, due incidenti in tangenziale in direzione Brindisi: un ferito

Bari, due incidenti in tangenziale in direzione Brindisi: un ferito

 
L'intervista
Bari, Emiliano in visita alla Gazzetta: «Inizia una nuova era»

Bari, Emiliano in visita alla Gazzetta: «Inizia una nuova era»

 
Norme anti covid
Prima settimana in zona gialla in Puglia: 200 le sanzioni nel Barese

Prima settimana in zona gialla in Puglia: 200 le sanzioni nel Barese

 
Poesia
Poetry Slam, l'Italia vince la Coppa del Mondo con il barese Giuliano Logos

Poetry Slam, l'Italia vince la Coppa del Mondo con il barese Giuliano Logos

 
Il protocollo
Lotta contro la Sma, Asl Bari pronta ad avviare screening neonatali

Lotta contro la Sma, Asl Bari pronta ad avviare screening neonatali

 
Il caso
Gli ortodossi russi tornano in Basilica dopo due anni

Bari, gli ortodossi russi tornano in Basilica dopo due anni

 
Letteratura
Festival, il «Libro Possibile» compie 20 anni e raddoppia, a Polignano e Vieste

Festival, il «Libro Possibile» compie 20 anni e raddoppia, a Polignano e Vieste

 
L'operazione
Droga: 35 misure cautelari in tutta Italia, 12 sono capi e componenti clan Palermiti di Bari

Droga Bari: 34 arresti, coinvolti in 12 vicini al clan Palermiti. Documentati 25mila episodi in un anno VIDEO

 

Il Biancorosso

Serie C
Calcio, ecco la storia di Bari-Foggia

Calcio, ecco la storia di Bari-Foggia

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl siderurgico
Taranto, ex Ilva: sindacati chiedono conferma "una tantum" del 3%

Taranto, ex Ilva: sindacati chiedono conferma "una tantum" del 3%

 
BariL'impatto
Bari, due incidenti in tangenziale in direzione Brindisi: un ferito

Bari, due incidenti in tangenziale in direzione Brindisi: un ferito

 
LecceIl caso
Tap: al via market test per espansione capacità gasdotto

Tap: al via market test per espansione capacità gasdotto

 
FoggiaL'incidente
Foggia, carambola tra tre auto in via Lucera: un ferito

Foggia, carambola tra tre auto in via Lucera: un ferito

 
BatAd Andria
Arsenale sequestrato a ex gip, De Benedictis ammette: «Mie solo alcune di quelle armi»

Arsenale sequestrato a ex gip, De Benedictis ammette: «Mie solo alcune di quelle armi»

 
MateraLa scorsa notte
Matera, incendio in capannone area industriale: danni

Matera, incendio in capannone area industriale: danni

 
BrindisiTerritorio
Torre Guaceto tra le migliori aree protette dell’intero Mediterraneo

Torre Guaceto tra le migliori aree protette dell’intero Mediterraneo

 

i più letti

l'ordinanza

Agguato a Sannicandro con metodo mafioso: arrestati gli autori vicini al clan Parisi

Risponderanno del tentato omicidio di un 36enne avvenuto il 29 agosto 2029

SANNICANDRO - I carabinieri hanno arrestato due pregiudicati di Sannicandro di Bari, Daniele Novielli, 27enne, e Domenico Marotta, 29enne perché accusati di aver tentato di uccidere un 36enne del posto, forse per un debito di droga.

Ai due arrestati finiti in carcere, ritenuti contigui al clan Parisi di Bari, la Dda contesta anche l’aggravante del metodo mafioso e la detenzione illecita di due pistole.

L’agguato risale al 29 agosto 2019. Quella mattina, nelle campagne di Sannicandro di Bari, i due avrebbero incontrato il 36enne e, dopo una breve discussione, avrebbero esploso tre colpi d’arma da fuoco a distanza ravvicinata, mentre la vittima era seduta in auto, ferendolo alle gambe. Gli accertamenti balistici hanno consentito di stabilire la traiettoria dei proiettili, dall’alto verso il basso, e di rilevare sull'auto un’impronta, riconducibile ad uno dei due arrestati. Grazie alle immagini riprese da un sistema di videosorveglianza della zona, «nonostante il clima di diffusa omertà» dicono gli investigatori, è stato possibile ricostruire l'esatta dinamica.

La contestata aggravante mafiosa è legata alla circostanza che i due, ritenuti appartenenti al sodalizio criminale che gestisce il traffico di stupefacenti nel comune di Sannicandro, «hanno operato con freddezza e precisione, a volto scoperto, ostentando la propria identità per conferire esemplarità al gesto» ed «evocando nel soggetto passivo la consapevolezza dell’appartenenza ad un’associazione mafiosa, sintomatica della quale appaiono i chiari segni di reticenza mostrati dalla persone coinvolte».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie