Martedì 04 Agosto 2020 | 13:16

NEWS DALLA SEZIONE

IL PROGETTO
Scamarcio alla Regione Puglia: «Ho scoperto la grandezza di Moro»

Scamarcio alla Regione Puglia: «Ho scoperto la grandezza di Moro»

 
i lavori
Bari, pista ciclabile «pericolosa»: le auto la attraversano. Polemica sul web

Bari, pista ciclabile «pericolosa»: le auto la attraversano. Polemica sul web

 
Fase 3
Un barese formerà i medici serbi

Un barese formerà i medici serbi per il trattamento del Coronavirus

 
Ostaggi Selvaggi
Di Cagno Abbrescia: «Io ex sindaco in cerca d'acqua»

Di Cagno Abbrescia: «Io ex sindaco di Bari, ora in Aqp»

 
Il caso
Salva la vita al padre, poi discute la tesi di laurea

Rutigliano, salva la vita al padre e poi discute la tesi di laurea

 
l'intervista
Il regista Ozpetek a Trani: credo nell’umanità senza barriere

Ferzan Ozpetek a Trani: «Credo nell’umanità senza barriere»

 
In città
Cala il sipario su un altro storico locale di Bari: addio alla pizzeria Continental

Cala il sipario su un altro storico locale di Bari: addio alla pizzeria Continental

 
Il caso
Bari, vigile del fuoco offre giro in barca gratis a bimbi autistici: boom di richieste sul web

Bari, vigile del fuoco offre giro in barca gratis a bimbi autistici: boom di richieste sul web

 

Il Biancorosso

SERIE C

Bari, una panchina per 4: Vivarini in pole position

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceL'AGGRESSIONE
Nardò, botte per i manifesti elettorali

Nardò, botte per i manifesti elettorali: marito di una candidata in ospedale

 
MateraMIGRAZIONE
I migranti all'Old West di Ferrandina: chi scappa dalla fame chi dalla Siria

I migranti all'Old West di Ferrandina: chi scappa dalla fame, chi dalla Siria

 
Batla decisione
Maltempo, Barletta chiude per tre giorni i giardini del Castello

Maltempo, Barletta chiude per tre giorni i giardini del Castello

 
PotenzaUNIVERSITÀ

Unibas, facoltà di Medicina: ora studiano gli aspiranti rettori

 
TarantoL'INCHIESTA
Taranto, gruista morto: riparte l'indagine

Taranto, gruista morto: riparte l'indagine

 
Bariin largo san sabino
Crolla solaio scuola Corridoni a Bari Vecchia: paura ma nessun ferito

Crolla solaio scuola Corridoni a Bari Vecchia: paura ma nessun ferito

 
Foggianel foggiano
Cerignola, auto fuori strada nella notte: muore 21enne, salvi due amici

Cerignola, auto fuori strada nella notte: muore 21enne, salvi due amici

 
BrindisiVANDALISMO
Brindisi, brucia rifiuti illegalmente: denunciato dai Forestali

Brindisi, brucia rifiuti illegalmente: denunciato dai Forestali

 

i più letti

Il concerto

Cesare Cremonini a Bari: «Non sempre la mia musica è stata così fortunata»

Il Possibili Scenari tour fa tappa al PalaFlorio, e l’ex leader dei Lunapop ancora una volta dimostra di meritare un posto nell’Olimpo dei grandi della musica italiana

BARI - 

È lui stesso a sostenere che se anni fa i suoi fan dicevano di ascoltarlo venivano presi in giro, eppure a vederlo oggi, che gira l’Italia da 20 anni, e dopo 6 album in studio sta collezionando sold out nei palazzetti, dopo le 4 date negli stadi dell’estate 2018, non si direbbe che Cesare Cremonini abbia conosciuto periodi musicalmente “sfortunati”. Il tour con cui sta portando in giro l’ultimo album Possibili Scenari (il 7 dicembre esce una riedizione solo piano e voce, in tempo per i regali di Natale) e con cui ieri sera ha fatto tappa al PalaFlorio di Bari, prima di tre date da record, è il tour della conferma, che costringe anche i più scettici ad annoverarlo nell’Olimpo dei grandi della musica italiana.

Come tutti i miti musicali del nostro Paese, Cremonini, che ha iniziato la sua carriera con i Lunapop a bordo dell’ormai storica Vespa Special, ha una capacità di scrittura di testi che quasi offusca melodie e arrangiamenti: le sue parole sono ormai proverbi, i brani poesie che fan di tutte le età cantano a squarciagola. Canta l’amore, Cremonini, l’amore bello e doloroso, l’amore per le donne (“Ho 38 anni, ormai non mi sposo più”), l’amore per la piccola Camilla Balestri, nata appena qualche giorno fa, figlia dello storico bassista Nicola “Ballo” Balestri, che lo accompagna dagli esordi. Ed è capace di far immedesimare tutto il pubblico nelle sue canzoni, dall’adolescente con le prime cotte, alle signore più attempate che ricordano amori perduti. 

Sul palco, come nel tour estivo, un maxischermo coloratissimo che si solleva e si abbassa, proiettando fasci di luce e - in base alla canzone - nascondendo e scoprendo la band. E Cesare, sornione, si gode il suo meritatissimo (e sudato) successo, cambia abito 6 volte, canta il meglio del suo vastissimo repertorio, da “Vorrei”, la prima canzone che abbia mai scritto in assoluto (chi non sogna di sentirsela dedicare?), a “Possibili Scenari”, l’ultimo singolo, passando per le varie “Marmellata #25”, “Vieni a vedere perché”, “Le sei e ventisei”, “Logico”, “Mondo”, e l’immancabile “50 Special”, uno di quei brani che ci porteremo dietro per sempre. Su “Momento Silenzioso”, brano semisconosciuto dall’album Maggese, ringrazia chi c’è da sempre. Ma dovremmo essere quasi noi a ringraziare Cesare Cremonini, eterno ragazzo di Bologna, umile lavoratore, che con garbo e senza eccessi, da 20 anni canta le vite sentimentali di ogni italiano medio. Speriamo continui a farlo almeno per altri 20. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie