Lunedì 26 Settembre 2022 | 21:07

In Puglia e Basilicata

ELEZIONI POLITICHE 2022

Centrodestra

43,79%

Fratelli d'Italia con Giorgia Meloni


Forza Italia


Lega per Salvini Premier


Noi Moderati / Lupi – Toti – Brugnaro – UDC

Centrosinistra

26,13%

Partito Democratico – Italia Democratica e Progressista


Alleanza Verdi e Sinistra


Impegno Civico Luigi Di Maio – Centro Democratico


+Europa

Terzo Polo

7,79%

Azione – Italia Viva – Calenda

M5S

15,43%

Movimento 5 Stelle

Centrodestra

44,02%

Fratelli d'Italia con Giorgia Meloni


Forza Italia


Lega per Salvini Premier


Noi Moderati / Lupi – Toti – Brugnaro – UDC

Centrosinistra

25,99%

Partito Democratico – Italia Democratica e Progressista


Alleanza Verdi e Sinistra


Impegno Civico Luigi Di Maio – Centro Democratico


+Europa

Terzo Polo

7,74%

Azione – Italia Viva – Calenda

M5S

15,55%

Movimento 5 Stelle

 

Rai Storia

Pompei, la città nascosta: un documentario svela i segreti e le bellezze dei luoghi

Pompei, la città nascosta: un documentario svela i segreti e le bellezze dei luoghi

11 Luglio 2022

Redazione online

Non solo la maestosità delle case e delle ville romane, l’eleganza degli affreschi, la ricercatezza dei mosaici. Pompei è anche una città «nascosta», come testimonia la cosiddetta «stanza degli schiavi» di Civita Giuliana, scoperta nel 2021, piccola e spoglia, con i pochi arredi e gli attrezzi da lavoro.

Il documentario «Gli invisibili di Pompei» di Brigida Gullo e Eugenio Farioli Vecchioli - in onda questa sera alle 21,10 su Rai Storia per «Italia. Viaggio nella bellezza» svela Pompei nella sua interezza per restituire alla città e alla società che la abitava la sua vera identità.

E c’è anche un’altra faccia rimasta piuttosto nascosta: quella appena al di fuori delle sue mura, che comprende i siti archeologici di Villa di Arianna e di Villa San Marco a Stabia, di Villa di Poppea a Oplontis e di Villa Regina a Boscoreale, siti che oggi appartengono al Parco Archeologico di Pompei.

L’eruzione del Vesuvio nel 79 dopo Cristo non distrusse soltanto le città immediatamente vicine, come Pompei ed Ercolano.

Lungo la costa, vi era un fiorire di agglomerati urbani, ville marittime, ville rustiche e piccoli porti che, alternati a giardini fioriti, vitigni e discese a mare, davano forma e colore a un paesaggio variopinto e armonico.

Il vesuvio cancellò un mondo che orbitava intorno ai due grandi centri dell'antichità lasciando oltretutto solo spazio all'immaginazione di quella vita brulicante e attivissima.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725