Domenica 25 Agosto 2019 | 20:43

NEWS DALLA SEZIONE

Sanità
Castellaneta, chiuso il punto nascite in ospedale: bimbi trasferiti

Castellaneta, chiuso il punto nascite in ospedale: bimbi trasferiti

 
Al rione Salinella
Taranto, litiga con la convivente e scatena una rissa: arrestato

Taranto, litiga con la convivente e scatena una rissa: arrestato

 
Tre denunciati
Sava, villa di lusso con piscina abusiva, rubavano energia elettrica

Sava, nella villa di lusso con piscina abusiva rubavano energia elettrica

 
Dopo il Festival
Gli Afterhours stregati da Taranto: Agnelli e D'Erasmo al MarTa

Gli Afterhours stregati da Taranto: Agnelli e D'Erasmo al MarTa

 
Il caso
Strage di pecore a Martina Franca: branco di lupi ne sbrana decine

Strage di pecore a Martina Franca: branco di lupi ne sbrana decine

 
L'offesa
Taranto, scritta contro dirigente Ugl: «Chicco Russo fascio infame»

Taranto, scritta contro dirigente Ugl: «Chicco Russo fascio infame»

 
Il caso
ArcelorMittal, Usb proclama sciopero: «ci sono microchip nelle tute»

ArcelorMittal, Usb proclama sciopero: «ci sono microchip nelle tute»
Veicolo si ribalta in reparto Irf

 
Al Santissima Annunziata
Nadia Toffa, da Taranto 30 mila firme per dedicarle reparto oncologico

Nadia Toffa, da Taranto 30 mila firme per dedicarle reparto oncologico

 
Il ritrovamento
Taranto, oltre 300 reperti archeologici recuperati dalla polizia

Taranto, oltre 300 reperti archeologici recuperati dalla polizia

 
Lavoro in nero
Castellaneta, 4 braccianti sfruttati nei campi per più di 10 ore al giorno: 3 denunce

Castellaneta, 4 braccianti sfruttati nei campi per più di 10 ore al giorno: 3 denunce

 
Inquinamento
Emissioni a Taranto, forse riaperte scuole ai Tamburi. Cisl: camino «fuma» ancora

Emissioni a Taranto, forse riaperte scuole ai Tamburi. Cittadini presentano esposto

 

Il Biancorosso

IL PUNTO
Il Bari gioca la carta Schiavone ci sarà più qualità a centrocampo

Il Bari gioca la carta Schiavone
ci sarà più qualità a centrocampo

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceTragedia nel Salento
Si sente male mentre fa pesca subacquea: muore 56enne a Casalabate

Malore mentre fa pesca subacquea: muore 56enne a Casalabate

 
FoggiaTragedia nel Foggiano
Cade in mare da barca condotta dal marito: donna muore al largo di Foce Varano

Cade da barca condotta dal marito: donna muore al largo di Foce Varano

 
BariL'appuntamento
Distorsioni sonore: creatività e fantasia si incontrano ad Acquaviva

Distorsioni sonore: creatività e fantasia si incontrano ad Acquaviva

 
BatL'idea
Barletta, un mosaico a Canne per non dimenticare la storia

Barletta, un mosaico a Canne per non dimenticare la storia

 
MateraIncidente stradale
Tricarico, auto finisce contro il guard rail: 4 feriti, 3 sono gravi

Tricarico, auto finisce contro il guard rail: 4 feriti, 3 sono in gravi

 
BrindisiLa furia di un 53enne
Brindisi, la moglie lo lascia e lui distrugge i mobili: allontanato da casa

Brindisi, la moglie lo lascia e lui distrugge i mobili: allontanato da casa

 
PotenzaSanità
Potenza, al S. Carlo carenza di medici: colpa delle «porte girevoli»

Potenza, al S. Carlo carenza di medici: colpa delle «porte girevoli»

 
TarantoSanità
Castellaneta, chiuso il punto nascite in ospedale: bimbi trasferiti

Castellaneta, chiuso il punto nascite in ospedale: bimbi trasferiti

 

i più letti

il processo

Martina, soldi e concessioni
in appello chieste 3 condanne

Sentenza prevista il 9 marzo: chiesto 4 anni e mezzo per Conserva e Simeone, 4 anni per Nessa

Martina, soldi e concessioniin appello chieste 3 condanne

Tornare all’ipotesi di reato originariamente formulata e condannare tre imputati. È, in estrema sintesi, la richiesta formulata alla corte d’appello (presidente Antonio Del Coco) dal sostituto procuratore generale Mario Baruffa nel processo di secondo grado sulle tangenti per le concessioni edilizie al Comune di Martina Franca.

Il 25 giugno del 2015 il tribunale condannò a tre anni di reclusione l’ex senatore di Forza Italia, Lino Nessa, riconosciuto colpevole di concussione per induzione. Per Nessa, difeso dagli avvocati ed ex colleghi di partito Gianfranco Chiarelli e Francesco Paolo Sisto, il tribunale dispose inoltre l’interdizione dai pubblici uffici per cinque anni e il risarcimento nei confronti delle parti civili, tra le quali l’imprenditore Martino Lodeserto, la società Clc srl e il Comune di Martina Franca rappresentate tra gli altri dall’avvocato Eligio Curci. I giudici, inoltre, mandarono assolto perché il fatto non sussiste l’architetto Camillo Dell’Anno, ex dirigente del settore urbanistica, per il quale il pm Cannarile aveva chiesto una condanna a cinque anni, e fu dichiarato il non luogo a procedere nei confronti di sei imputati: oltre allo stesso Dell’Anno che rispondeva anche di altre ipotesi di reato, la prescrizione intervenne per l’ex sindaco Leonardo Conserva, per il dirigente comunale Giovanni Simeone del servizio Contenzioso, per l’ex responsabile dell’Ufficio tecnico Eligio Mutinati, per il geometra comunale Martino Carbotti che rispondeva di falso e per l’imprenditore edile Evasio Montanaro, difesi dai legali Gaetano Vitale e Gaetano Cimaglia. In primo grado i magistrati ritennero fondata l’accusa secondo la quale Nessa avrebbe chiesto una tangente di circa 100mila agli imprenditori Martino e Antonio Lodeserto.

Quella sentenza è stato però impugnata nel 2015 dall’allora sostituto procuratore generale Pina Montanaro, secondo il quale il tribunale, «dopo aver esattamente e compiutamente ricostruito la vicenda al suo esame, sotto il profilo storico ma anche tecnico-amministrativo, ha errato nella qualificazione giuridica delle condotte ascritte agli imputati. Ciò sulla base dell’errata convinzione che le parti offese non si fossero trovate in uno stati di costrizione assoluta ma avessero una scelta alternativa tanto da potersi sottrarre alla pretesa concussoria degli imputati».

La tesi della dottoressa Montanaro è stata fatta propria dal sostituto procuratore generale Mario Barruffa che al termine della sua discussione ha chiesto alla corte d’appello di condannare Leonardo Conserva e Giovanni Simeone a 4 anni e 6 mesi di reclusione e Lino Nessa a 4 anni. Conclusioni alle quali si sono associate le parti civili. Di tutt’altro segno naturalmente le conclusioni della difesa che ha chiesto il respingimento dell’appello della Procura generale e, per quanto riguarda Nessa, invece il proscioglimento.

Il verdetto della corte arriverà il prossimo 9 marzo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie