Lunedì 14 Ottobre 2019 | 11:09

NEWS DALLA SEZIONE

nel Potentino
Latronico, sistema della «gabbie» per mettere un freno all'invasione dei cinghiali

Latronico, sistema della «gabbie» per mettere un freno all'invasione dei cinghiali

 
terza e quarta età
Basilicata, poche case di riposo: mancano i posti letto per gli anziani

Basilicata, poche case di riposo: mancano i posti letto per gli anziani

 
La decisione
Potenza, truffe Inps: Riesame revoca 5 arresti domiciliari

Potenza, truffe Inps: Riesame revoca 5 arresti domiciliari

 
l'indagine
Basilicata, minori maltrattati: dato in calo rispetto al 2017

Basilicata, minori maltrattati: dato in calo rispetto al 2017

 
L'inchiesta
Da Torino a Potenza, chiuse indagini su Pasquaretta, ex portavoce sindaco Appendino

Da Torino a Potenza, chiuse indagini su Pasquaretta, ex portavoce sindaco Appendino

 
Furbetti
Fisco, benzinaio evasore totale per 1,3 mln nel Lagonegrese

Fisco, benzinaio evasore totale per 1,3 mln nel Lagonegrese

 
Petrolio lucano
Viggiano, perdite al Cova: si va a processo. Ipotizzato disastro ambientale

Viggiano, perdite al Cova: si va a processo. Ipotizzato disastro ambientale

 
L'inchiesta
L’eolico in Basilicata nelle mani della mafia siciliana: sequestrati 2 impianti

L’eolico in Basilicata nelle mani della mafia siciliana: sequestrati 2 impianti

 
Sfruttamento del lavoro
Caporalato nel Potentino, sfruttavano braccianti nei campi: smantellata organizzazione

Caporalato nel Potentino, sfruttavano braccianti nei campi: sgominata banda di 6 persone VD

 
Il caso
Potenza, presa a pugni e violentata il giorno del suo compleanno

Potenza, violentata il giorno del suo compleanno dal suo migliore amico e da un complice

 
Petrolio
Basilicata, gas gratis in 13 comuni grazie a nuova intesa Total

Basilicata, gas gratis in 13 comuni grazie a nuova intesa Total

 

Il Biancorosso

contro la ternana
Il Bari non sbaglia più: vittoria che sa di svolta

Il Bari non sbaglia più: vittoria che sa di svolta

 

NEWS DALLE PROVINCE

Batcittà e memoria
Palazzo Tresca, quell'edificio a Barletta va salvato

Palazzo Tresca, quell'edificio a Barletta va salvato

 
Foggianel foggiano
Orta Nova, in 4 tentano colpo in banca: ferita una guardia giurata

Orta Nova, in 4 tentano colpo in banca: ferita una guardia giurata

 
Barinel Barese
Molfetta, moria di gatti a Madonna della Rosa

Molfetta, moria di gatti a Madonna della Rosa

 
Potenzanel Potentino
Latronico, sistema della «gabbie» per mettere un freno all'invasione dei cinghiali

Latronico, sistema della «gabbie» per mettere un freno all'invasione dei cinghiali

 
Lecceil caso
Salento, allieve molestate a scuola? Indagini sul prete prof

Salento, allieve molestate a scuola? Indagini sul prete prof

 
Brindisinel Brindisino
Ceglie Messapica: donne e bambine donano capelli per solidarietà

Ceglie Messapica: donne e bambine donano capelli per solidarietà

 
Tarantole polemiche
Medicina a Taranto, protesta degli studenti baresi: «Noi costretti a migrare per studiare»

Medicina a Taranto, protesta degli studenti baresi: «Noi costretti a migrare per studiare»

 
MateraIl caso
Sparatoria nella notte a Policoro, due feriti: scatta un fermo

Mafia: duplice tentato omicidio a Policoro, fermato 49enne

 

i più letti

Il caso

Scuola, alunni disabili
restano senza assistenza

La protesta dei genitori a Potenza: così calpestano diritti e umanità

Scuola, alunni disabilirestano senza assistenza

La storia si ripete. Anche quest’anno a Potenza l’avvio dell’anno scolastico per i bambini diversamente abili diventa un tormento. L’ennesimo esempio di una società «sorda» al grido d’aiuto dei più deboli, un’offesa nei confronti dei loro diritti. Un gruppo di genitori di questi bimbi «speciali» ha contattato la Gazzetta per denunciare una situazione insostenibile. Si parte da una premessa di fondo: nel loro percorso scolastico, oltre che dell’insegnante di sostegno, i piccoli hanno bisogno di figure qualificate, quali assistenti all’autonomia e alla comunicazione, affinché l’inclusione e l’integrazione scolastica si possano realizzare. Il Comune, che per legge deve garantire questo servizio, ha affidato l’attività alla cooperativa Multiservice.
«Il servizio - spiegano i genitori - è partito in maniera frammentaria e ad oggi molti bambini non hanno l’assistenza dovuta. Ci siamo sentiti dire che, a causa del dissesto economico in cui versa il Comune capoluogo, il servizio sarà erogato con una riduzione delle ore. Ciò - aggiungono i genitori - comporta una decurtazione dell’orario di assistenza, per cui i bambini non saranno coperti per tutta la loro permanenza a scuola. E alcuni di loro non avranno proprio l’assistente».
I cittadini non ci stanno, ritengono che il Comune non possa trincerarsi dietro alle solite questioni economiche. Citano, a corredo della loro accusa, una sentenza del Tar di Calabria del 21 giugno 2012 in cui il collegio giudicante afferma: «In linea di principio l’assistenza va assicurata in ogni caso, senza che abbiano rilievo le eventuali condizioni di difficoltà dell’ente». Insomma, dissesto o non dissesto, il Comune dovrebbe garantire il servizio senza tagli e senza limitazioni: «Negare l’assistenza a un disabile (diritto sancito nella legge 104/92) - proseguono i genitori - significa negare il diritto allo studio ad un minore, così come proclamato dall’articolo 34 della Costituzione».
Anche al servizio materialmente erogato da Multiservice i cittadini riservano giudizi al vetriolo: «La cosiddetta continuità assistenziale sui bambini non viene rispettata, in quanto alcuni di loro ogni anno cambiano assistente. Inoltre, da una ricognizione presso le scuole e tra gli stessi genitori - affermano i denuncianti - non tutti gli operatori sono degni di questo nome e di accompagnare un disabile nel suo percorso di crescita, poiché qualcuno si rifiuta anche di stare vicino ai bambini con disabilità più gravi. Bell’esempio di civiltà. Se non si è in grado di supportare con umanità e dignità questi nostri piccoli angeli, forse è meglio che cambino lavoro».
Nel comparto, dunque, si ha la sensazione che si navighi a vista e con approssimazione. Ecco perché i genitori sollecitano un piano sulla disabilità a lungo termine, «una progettualità - dicono - che consenta di avere fondi ed operatori qualificati, che supportino questi bambini nel loro percorso scolastico e di vita. Finora quel che si è tutelato è l’interesse economico dell’ente e il diritto del lavoratore, ma si è perso di vista il punto più importante della questione, vale a dire - concludono i genitori - il diritto all’inclusione scolastica dell’alunno disabile e, se permettete, il suo rispetto».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie