Giovedì 21 Marzo 2019 | 14:39

NEWS DALLA SEZIONE

Fondi Europa-Regioni
Basilicata, in arrivo 5 mln per un nuovo Hospice a Potenza

Basilicata, in arrivo 5 mln per un nuovo Hospice a Potenza

 
Regionali 2019
Basilicata, mondo agricolo sul piede di guerra

Basilicata, mondo agricolo sul piede di guerra

 
Le previsioni
Economia: nel 2019-2023 Potenza crescita zero

Economia: nel 2019-2023 Potenza crescita zero

 
Verso le elezioni
Berlusconi operato d'urgenza per ernia inguinale: annullato tour in Basilicata

Berlusconi operato d'urgenza per ernia inguinale: annullato tour in Basilicata

 
I fatti tra il 2017 e il 2018
Potenza, ex dirigente sanitario molestava dipendente: rinviato a giudizio

Potenza, ex dirigente sanitario molestava dipendente: rinviato a giudizio

 
Sanità in Basilicata
Liste di attesa e mobilità, accordo tra aziende lucane: arriva task force

Liste di attesa e mobilità, accordo tra aziende lucane: arriva task force

 
Il rapporto banche.imprese
Sud arretra, l'Obi: ripresa tra 10 anni, a Potenza crescita zero

Sud arretra, l'Obi: ripresa tra 10 anni, a Potenza crescita zero

 
I controlli
Evadevano il fisco per 120mila euro: scoperti in 2 a Maratea

Evadevano il fisco per 120mila euro: scoperti in 2 a Maratea

 
Dall'ispettorato del lavoro
Furbetti dell'assegno di disoccupazione nei campi in Basilicata: denunciati

Furbetti dell'assegno di disoccupazione nei campi in Basilicata: denunciati

 
Il comizio
Melfi, Salvini a contestatori: «Siete 10 sfigati, partigiani si rivolterebbero nella tomba»

Melfi, Salvini a contestatori: «Siete 10 sfigati, partigiani si rivolterebbero nella tomba»

 
Le parole
Salvini: «Nel Potentino le vittime hanno ancora paura dell'usura»

Salvini: «Nel Potentino le vittime hanno ancora paura dell'usura»

 

Il Biancorosso

IL PERSONAGGIO
La signora Francesca colpisce ancoraPizze e focacce per gli auguri a Brienza

La signora Francesca colpisce ancora
Pizze e focacce per gli auguri a Brienza

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaFondi Europa-Regioni
Basilicata, in arrivo 5 mln per un nuovo Hospice a Potenza

Basilicata, in arrivo 5 mln per un nuovo Hospice a Potenza

 
BariL'aggressione
Monopoli, lancia scrivania contro i medici del pronto soccorso: arrestato 44enne

Monopoli, lancia scrivania contro i medici del pronto soccorso: arrestato 44enne

 
Materail «diplomificio» dello jonio
Policoro, ottenere il diploma? Un sogno al costo di 2.500 euro annui

Policoro, ottenere il diploma? Un sogno al costo di 2.500 euro annui

 
LecceNel Leccese
Trepuzzi: furto al Comune nella notte, rubati 7 computer

Trepuzzi: furto al Comune nella notte, rubati 7 computer

 
BrindisiNel Brindisino
Trovati 2 escavatori nelle campagne: erano stati rubati a Lecce

Trovati 2 escavatori nelle campagne: erano stati rubati a Lecce

 
BatAnalisi e scenari
Commercio agroalimentare nella Bat: «l’export cresce poco»

Commercio agroalimentare nella Bat: «l’export cresce poco»

 
FoggiaCieli aperti
Foggia, droni a go-go Amendola vuole più sicurezza

Foggia, droni a go-go Amendola vuole più sicurezza

 
TarantoNel tarantino
Castellaneta Marina, sequestrato ristorante sulla spiaggia completamente abusivo

Castellaneta Marina, sequestrato ristorante in spiaggia abusivo

 

Il caso

Scuola, alunni disabili
restano senza assistenza

La protesta dei genitori a Potenza: così calpestano diritti e umanità

Scuola, alunni disabilirestano senza assistenza

La storia si ripete. Anche quest’anno a Potenza l’avvio dell’anno scolastico per i bambini diversamente abili diventa un tormento. L’ennesimo esempio di una società «sorda» al grido d’aiuto dei più deboli, un’offesa nei confronti dei loro diritti. Un gruppo di genitori di questi bimbi «speciali» ha contattato la Gazzetta per denunciare una situazione insostenibile. Si parte da una premessa di fondo: nel loro percorso scolastico, oltre che dell’insegnante di sostegno, i piccoli hanno bisogno di figure qualificate, quali assistenti all’autonomia e alla comunicazione, affinché l’inclusione e l’integrazione scolastica si possano realizzare. Il Comune, che per legge deve garantire questo servizio, ha affidato l’attività alla cooperativa Multiservice.
«Il servizio - spiegano i genitori - è partito in maniera frammentaria e ad oggi molti bambini non hanno l’assistenza dovuta. Ci siamo sentiti dire che, a causa del dissesto economico in cui versa il Comune capoluogo, il servizio sarà erogato con una riduzione delle ore. Ciò - aggiungono i genitori - comporta una decurtazione dell’orario di assistenza, per cui i bambini non saranno coperti per tutta la loro permanenza a scuola. E alcuni di loro non avranno proprio l’assistente».
I cittadini non ci stanno, ritengono che il Comune non possa trincerarsi dietro alle solite questioni economiche. Citano, a corredo della loro accusa, una sentenza del Tar di Calabria del 21 giugno 2012 in cui il collegio giudicante afferma: «In linea di principio l’assistenza va assicurata in ogni caso, senza che abbiano rilievo le eventuali condizioni di difficoltà dell’ente». Insomma, dissesto o non dissesto, il Comune dovrebbe garantire il servizio senza tagli e senza limitazioni: «Negare l’assistenza a un disabile (diritto sancito nella legge 104/92) - proseguono i genitori - significa negare il diritto allo studio ad un minore, così come proclamato dall’articolo 34 della Costituzione».
Anche al servizio materialmente erogato da Multiservice i cittadini riservano giudizi al vetriolo: «La cosiddetta continuità assistenziale sui bambini non viene rispettata, in quanto alcuni di loro ogni anno cambiano assistente. Inoltre, da una ricognizione presso le scuole e tra gli stessi genitori - affermano i denuncianti - non tutti gli operatori sono degni di questo nome e di accompagnare un disabile nel suo percorso di crescita, poiché qualcuno si rifiuta anche di stare vicino ai bambini con disabilità più gravi. Bell’esempio di civiltà. Se non si è in grado di supportare con umanità e dignità questi nostri piccoli angeli, forse è meglio che cambino lavoro».
Nel comparto, dunque, si ha la sensazione che si navighi a vista e con approssimazione. Ecco perché i genitori sollecitano un piano sulla disabilità a lungo termine, «una progettualità - dicono - che consenta di avere fondi ed operatori qualificati, che supportino questi bambini nel loro percorso scolastico e di vita. Finora quel che si è tutelato è l’interesse economico dell’ente e il diritto del lavoratore, ma si è perso di vista il punto più importante della questione, vale a dire - concludono i genitori - il diritto all’inclusione scolastica dell’alunno disabile e, se permettete, il suo rispetto».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400