Giovedì 21 Febbraio 2019 | 13:28

NEWS DALLA SEZIONE

L'intervista
Lezioni di esorcismo a scuola, sacerdote: «Sarebbe servito»

Lezioni di esorcismo a scuola, sacerdote: «Sarebbe servito»

 
La decisione
Basilicata, Pittella fa marcia indietro: Trerotola è nuovo candidato centro sinistra

Elezioni in Basilicata, Pittella fa marcia indietro: al suo posto un farmacista

 
L'analisi
Badante di condominio: la creatività dei lucani

Badante di condominio: la creatività dei lucani

 
In Basilicata
Elezioni, Carmen Lasorella rinuncia alla candidatura

Elezioni, Carmen Lasorella rinuncia alla candidatura

 
La nomina
Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

Basilicata, Bardi candidato unico del centrodestra

 
Mobilità
Trasporti pubblici lucani, fondi ordinari ma pochi bus: mancano 200 mezzi

Trasporti pubblici lucani, fondi ordinari ma pochi bus: mancano 200 mezzi

 
Dal gip di Potenza
Lavello, donna di mezza età in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

Lavello, donna 40enne in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

 
Nel potentino
Francavilla in Sinni, crolla tetto di casa, madre e figlio in ospedale, uomo ancora sotto le macerie

Francavilla in Sinni: crolla tetto di casa, 3 persone estratte vive, grave un uomo

 
Fotoreporter ferito
Il San Carlo si offre di curare l'occhio di Micalizzi

Il San Carlo si offre di curare l'occhio di Micalizzi

 
L'invito
Potenza, l'ospedale San Carlo si offre di curare il reporter ferito in Siria

Potenza, l'ospedale San Carlo si offre di curare il reporter ferito in Siria

 
«È un piano senza effetti»
Basilicata, stop inceneritori nel 2020: Tar boccia ricorso ex Fenice

Basilicata, stop inceneritori nel 2020: Tar boccia ricorso ex Fenice

 

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiA ceglie messapica
Incendiarono 5 auto e il prospetto di un palazzo nel Brindisino: catturato uno dei responsabili

Incendiarono 5 auto e il prospetto di un palazzo nel Brindisino: catturato uno dei responsabili

 
TarantoArrestato pregiudicato
Litiga con i genitori, polizia trova in camera una pistola

Litiga con i genitori, polizia trova in camera una pistola

 
FoggiaHanno agito in quattro
Tir carico di sigarette assaltato nel Foggiano, nessun ferito

Tir carico di sigarette assaltato nel Foggiano, nessun ferito

 
LecceNel Salento
Catamarano in difficoltà, soccorso da Guardia Costiera al largo di Leuca

Catamarano in difficoltà, soccorso da Guardia Costiera al largo di Leuca

 
PotenzaL'intervista
Lezioni di esorcismo a scuola, sacerdote: «Sarebbe servito»

Lezioni di esorcismo a scuola, sacerdote: «Sarebbe servito»

 
BariPremiato a Rimini
Viene da Monopoli il miglior burger gourmet italiano

Viene da Monopoli il miglior burger gourmet italiano

 
BatLa denuncia
Barletta, stazione senza ascensore: non ha mai funzionato

Barletta, stazione senza ascensore: non ha mai funzionato

 
Materail Truffatore è barese
Si fa dare 3 Rolex da negoziante fingendo di essere figlio di un amico: arrestato a Matera

«Mio padre è tuo amico», si fa dare 3 Rolex da rivenditore: arrestato a Matera

 

Potenza

Estorsione a ex assessore
editore ai domiciliari

Giuseppe Postiglione, che ha ruoli di responsabilità nell’editrice del quotidiano «Le Cronache Lucane», è agli arresti domiciliariper un’estorsione aggravata ai danni di Giovanni Salvia, ex assessore allo sport

Estorsione a ex assessore editore ai domiciliari

POTENZA - Un «porno ricatto» - per convincere un assessore comunale di Potenza alle dimissioni, e per ottenere altri vantaggi, politici ed economici - con la minaccia di pubblicare, e diffondere sui social, un video che lo "immortala» in una chat erotica su Skype con una ragazza: ne è rimasto vittima, nell’ottobre scorso, Giovanni Salvia, allora assessore allo sport (incarico poi lasciato in seguito ad un rimpasto deciso dal sindaco). A metterlo in atto - secondo la Procura della Repubblica di Potenza - l’ex patron del Potenza Calcio, Giuseppe Postiglione, direttore editoriale di «Radio Potenza Centrale», che da stamani è agli arresti domiciliari con l'accusa di tentata estorsione.

Una notte dello scorso mese di ottobre, dunque, l’assessore comunale di Potenza allo Sport, Giovanni Salvia, viene contattato su Facebook da una ragazza (non ancora identificata dagli investigatori) che lo convince a chattare poi su Skype, dove inizia una breve conversazione «piccante» con atti di autoerotismo: il tutto si conclude dopo pochi minuti, con la minaccia, da parte della giovane, di pubblicare tutto in rete se l'assessore non «fa tutto quello che diciamo noi», come lei stessa scrive nei commenti di Skype.

Gli investigatori stanno anche indagando su legami tra la ragazza e i presunti responsabili del ricatto: Postiglione, venuto a conoscenza della vicenda, avrebbe però chiesto a Salvia una serie di «concessioni» per evitare la diffusione delle notizie sulla sua emittente. Prima di tutto le dimissioni da assessore e la «promozione» in giunta di un consigliere comunale (che si sarebbe però opposto): questo avrebbe permesso quindi al direttore editoriale di «Radio Potenza Centrale» di entrare nel Consiglio comunale in quanto primo dei non eletti nelle consultazioni amministrative del 2014 nella stessa lista - i "Popolari per l’Italia» - dell’ipotetico nuovo assessore. A questo si aggiunge la richiesta di contributi economici per iniziative sponsorizzare da Postiglione e l’affidamento del servizio di trasporto pubblico urbano a una società a lui vicina. Secondo quanto si è appreso durante la conferenza stampa del Procuratore della Repubblica di Potenza, Luigi Gay, dei pm Francesco Basentini e Antonio Natale, e del dirigente della squadra mobile, Carlo Pagano, nulla di tutto questo è andato in porto, ma il tentativo di estorsione è proseguito per un paio di mesi coinvolgendo anche altre persone in incontri e "trattative», tra le quali un consigliere regionale, Aurelio Pace (Popolari per l’Italia, formazione alla quale appartiene anche Salvia), e il sindaco di Potenza, Dario De Luca, i quali avrebbero sempre rifiutato di assecondare le richieste di Postiglione: nella vicenda risulta indagato in concorso anche il fratello, Antonio Postiglione, amministratore unico della società a cui fa capo l’emittente.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400