Sabato 16 Febbraio 2019 | 02:58

NEWS DALLA SEZIONE

Nel potentino
Francavilla in Sinni, crolla tetto di casa, madre e figlio in ospedale, uomo ancora sotto le macerie

Francavilla in Sinni: crolla tetto di casa, 3 persone estratte vive, grave un uomo

 
Fotoreporter ferito
Il San Carlo si offre di curare l'occhio di Micalizzi

Il San Carlo si offre di curare l'occhio di Micalizzi

 
L'invito
Potenza, l'ospedale San Carlo si offre di curare il reporter ferito in Siria

Potenza, l'ospedale San Carlo si offre di curare il reporter ferito in Siria

 
«È un piano senza effetti»
Basilicata, stop inceneritori nel 2020: Tar boccia ricorso ex Fenice

Basilicata, stop inceneritori nel 2020: Tar boccia ricorso ex Fenice

 
criminalità
Mafia lucana fa flop, per l'operazione «Iena» solo due condanne

Mafia lucana, flop per operazione «Iena»: solo 2 condanne

 
Sollevamento pesi
A Dubai un lucano sul tetto del mondo: vince la coppa paralimpica

A Dubai un lucano sul tetto del mondo: vince la coppa paralimpica

 
Verso le regionali
Basilicata, Arbia (Sms) annuncia: «Mi candido a Presidenza Regione»

Basilicata, Arbia (Sms) annuncia: «Mi candido a Governatore»

 
La visita
Premier Conte l'11 a Potenza per il Piano di sviluppo

Premier Conte l'11 a Potenza per il Piano di sviluppo

 
I 25 anni di Dookie
Green Day: Billie Joe vuole festeggiare a Viggiano?

Green Day: Billie Joe vuole festeggiare a Viggiano?

 
Verso il voto
Basilicata, c'è un astronomo in corsa per la Regione

Basilicata, c'è un astronomo in corsa per la Regione

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatIl caso
«Ti amo Luigi», a Trani imbrattata la Cattedrale. Il sindaco: fidanzata idiota

«Ti amo Luigi», a Trani imbrattata la Cattedrale. Il sindaco: fidanzata idiota

 
BariL'anniversario
Bari, 20 anni dalla morte Tatarella: un libro per ricordarlo

Bari, ricordato Tatarella a 20 anni dalla morte

 
FoggiaSfiducia al sindaco
San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

 
MateraNel 2009
Bernalda, tentò di picchiare il sindaco in aula: in manette 71enne

Bernalda, tentò di picchiare il sindaco in aula: in manette 71enne

 
TarantoDenunce
Nel circolo privato furto di elettricità e 6 slot machine abusive: sequestri a Taranto

Nel circolo privato furto di elettricità e 6 slot machine abusive: sequestri a Taranto

 
PotenzaNel potentino
Francavilla in Sinni, crolla tetto di casa, madre e figlio in ospedale, uomo ancora sotto le macerie

Francavilla in Sinni: crolla tetto di casa, 3 persone estratte vive, grave un uomo

 
BrindisiProvoca il cancro
Al Perrino in anatomia patologica è allarme formaldeide

Al Perrino in anatomia patologica è allarme formaldeide

 
LecceNuove accuse
Ugento: Roberta, uccisa 20 anni fa, forse fu molestata

Ugento: Roberta, uccisa 20 anni fa, forse fu molestata

 

Uomo uccide la moglie due figli e si spara La figlia su Fb: che belle le sere in famiglia - Una vita per il figlio

POTENZA – Quattro persone sono morte a San Fele (Potenza) in seguito a un omicidio-suicidio in famiglia. Un uomo, Vito Tronnolone, ha ucciso la moglie e i suoi due figli e poi si è suicidato. Il fatto è avvenuto nell’abitazione di famiglia, in località Difesa, alla periferia del paese. Tronnolone, carrozziere in pensione di 65 anni, ha ucciso moglie e figli con una pistola che è stata trovata dai Carabinieri. La moglie aveva 57 anni. I figli, uno dei quali disabile, avevano 32 e 27 anni. Il capo famiglia - che viveva in Toscana da circa un anno e da qualche giorno era tornato in Basilicata – pare non sopportasse più la sofferenza causatagli dalle condizioni di uno dei figli (i rilievi dei Carabinieri, foto Tony Vece)
LA SCHEDA - Omicidi: è la casa il primo luogo dove avvengono
IL COMMENTO - La paura di abbandonare quei figli da proteggere di Antonio Biasi
Uomo uccide la moglie due figli e si spara  La figlia su Fb: che belle le sere in famiglia - Una vita per il figlio
POTENZA – Quattro persone sono morte a San Fele (Potenza) in seguito a un omicidio-suicidio in famiglia. Un uomo, Vito Tronnolone, ha ucciso la moglie e i suoi due figli e poi si è suicidato. Il fatto è avvenuto stamani nell’abitazione di famiglia, in località Difesa, alla periferia del paese. Tronnolone carrozziere in pensione di 65 anni, ha ucciso moglie e figli con una pistola che è stata trovata dai Carabinieri. La moglie aveva 57 anni. I figli, uno dei quali disabile, avevano 32 e 27 anni.

Da una prima ricostruzione sembra che la sofferenza legata alle condizioni di disabilità di uno dei figli sarebbe all’origine del triplice omicidio e del suicidio: il capo famiglia - che viveva in Toscana da circa un anno e da qualche giorno era tornato in Basilicata – pare non sopportasse più la sofferenza causatagli dalle condizioni di uno dei figli.
La famiglia viveva in Toscana, a Lastra a Signa (Firenze), da oltre trent'anni in una villetta schiera a due piani immersa nella campagna fiorentina: erano a San Fele da una ventina di giorni per trascorrervi un periodo di vacanza.

Dopo gli accertamenti effettuati dal reparto scientifico nell’abitazione di campagna, in località Difesa, le quattro salme sono state trasportate all’obitorio dell’ospedale di Potenza: nelle prossime ore si conoscerà quando sarà eseguita l'autopsia sulle quattro vittime.

UNA TELEFONATA ALLE SORELLE: HO UCCISO TUTTI - Vito Tronnolone, l’uomo di 65 anni che stamani a San Fele (Potenza) ha ucciso moglie e due figli prima di suicidarsi, ha telefonato alle sorelle, che vivono in Toscana, poco prima di spararsi, dicendo: “Ho ammazzato tutti e ora mi ammazzo io”.

LE VITTIME - Le vittime di Tronnolone, che era pensionato, sono la moglie, Maria Stella Puntillo, di 57 anni, e i due figli: Luca (32 anni), che era disabile, e Chiara, di 27. Per uccidere moglie e figli e suicidarsi Tronnolone ha usato una pistola calibro 38 regolarmente detenuta.

IL SINDACO DI SAN FELE: SIAMO SCONVOLTI - "Siamo tutti sconvolti": con la voce rotta dall’emozione, Donato Sperduto, il sindaco di San Fele (Potenza) – dove stamani un uomo ha ucciso moglie e due fili e poi si è suicidato – ha commentato la tragedia. Sperduto è arrivato poco fa vicino all’abitazione della famiglia Tronnolone e si è fermato a parlare con gli investigatori. Nella casa i Carabinieri del reparto scientifico dell’Arma stanno effettuando i rilievi e poco fa è giunta San Fele anche il pm di Potenza, Anna Gloria Piccininni.

I NIPOTI IN TOSCANA: SIAMO SOTTO CHOC - "Siamo tutti sotto choc, che devo dire di più? Lasciateci in pace. Stiamo partendo, andiamo là". Così rispondono al telefono nell’abitazione della sorella di Vito Tronnolone, che stamani a San Fele (Potenza) ha ucciso moglie e due figli e poi si è ucciso. Prima di suicidarsi l'uomo ha telefonato alle sorelle, che vivono in Toscana, a Lastra a Signa (Firenze). "No, non ho risposto io – aggiunge la signora al telefono – io sono la nipote. Siamo talmente sotto choc che chiediamo solo di essere lasciati in pace".

TEMEVA PER LA PROPRIA SALUTE? - Forse temeva per la sua salute Vito Tronnolone, è una delle ipotesi investigative che i Carabinieri stanno seguendo per spiegare la strage: ieri sera, infatti, Tronnolone si è fatti visitare nell’ospedale “San Giovanni di Dio” di Melfi (Potenza). Pare che l’uomo lamentasse di avere problemi di pressione: gli investigatori pensano che l’uomo – preoccupato per la sua salute – temesse di non poter più occuparsi della famiglia e, in particolare, del figlio disabile.

I VICINI TOSCANI: MAI SEGNI DI SQUILIBRIO - Davanti all’abitazione della famiglia, questa mattina, un auto dei carabinieri e un capannello di vicini di casa che non riescono a credere a quanto accaduto. "Era un uomo mite che non ha retto la pressione di avere un figlio disabile – racconta una vicina di casa e amica di famiglia -. Non gli dava mai pace, la notte sentivamo le urla arrivare dalla casa".
"Nonostante questo Vito non si lamentava mai, lo vedevamo sempre fuori al parco con il figlio Luca", racconta una delle amiche della figlia di Tronnolone, anche lei uccisa dal padre con il resto della famiglia che aveva raggiunto proprio ieri a San Fele. "Era un uomo davvero tranquillo – dice un’altra vicina – teneva dentro tutto il suo dolore, forse troppo e non ce l’ha fatta più".

I CARABINIERI A LASTRA DI SIGNA SEQUESTRANO IL PC - Una pattuglia dei carabinieri si è recata questa mattina nell’abitazione dei Tronnolone a Lastra a Signa  sono usciti dopo alcune ore portando via un personal computer.

I PARENTI DI SAN FELE: NON RIUSCIAMO A CAPIRE - All’esterno dell’abitazione di campagna alcuni parenti, disperati per i quattro morti, raccontano però che negli ultimi giorni il capofamiglia "era più ansioso del solito, perchè era molto preoccupato per il suo stato di salute". Tra le lacrime una sorella di Maria Stella Puntillo, moglie di Tronnolone, ricorda "quel povero innocente di Luca", il figlio disabile: "per noi era sempre un bambino, non riusciamo a capire che cosa sia successo".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400