Martedì 09 Agosto 2022 | 18:05

In Puglia e Basilicata

Agricoltura

Basilicata, approvato il regolamento sulla Riforma fondiaria

La Corte Costituzionale boccia sette leggi della Regione Basilicata

Assessore Cupparo: «Colmato vuoto normativo snellendo procedure di vendita»

29 Luglio 2022

Redazione online

POTENZA - «La giunta ha colmato un vuoto normativo derivante da una legge regionale del 1996, snellendo l'iter e le procedure di vendita in base ad un regolamento del 2019": lo ha detto l’assessore all’agricoltura della Regione Basilicata, Franco Cupparo, commentando l’approvazione del "Regolamento di gestione e dismissione dei beni della Riforma Fondiaria». L’obiettivo centrale che perseguiamo - ha spiegato l'assessore - «è quello di mettere ordine, in un vasto patrimonio di terreni, fabbricati, aziende che risalgono alla riforma fondiaria e che in parte sono inutilizzati o solo parzialmente utilizzati». Cupparo ha poi spiegato che «la vendita dei beni è effettuata, prioritariamente, in favore dei soggetti in possesso del requisito di agricoltore attivo», a condizione - ha aggiunto - «che gli stessi dimostrino, con idonea documentazione, la detenzione ininterrotta a far data dal primo gennaio 2002».

«I beni agricoli (poderi, quote) provenienti da esproprio o da acquisto da parte dei cessati enti di riforma, che rientrano nella disponibilità dell’Agenzia lucana di sviluppo e innovazione in agricoltura (Alsia) - continua la nota - saranno ceduti alle condizioni ed ai prezzi stabiliti, ad esclusione di quei beni che l’Alsia vorrà riservarsi in gestione diretta per scopi connessi ai propri compiti d’istituto. Con il provvedimento - ha concluso Cupparo - diamo una svolta storica alla questione annosa del nostro patrimonio derivante dalla Riforma Fondiaria».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725