Martedì 02 Marzo 2021 | 03:40

NEWS DALLA SEZIONE

l'appello
Potenza, campagna vaccini: «Emodializzati non possono attendere tempi della politica»

Potenza, campagna vaccini: «Emodializzati non possono attendere tempi della politica»

 
La decisione
Commissario Covid: fuori Arcuri, Draghi nomina il generale potentino Figliuolo

Commissario Covid: fuori Arcuri, Draghi nomina il generale potentino Figliuolo

 
L'emergenza
Potenza, presidente Provincia sollecita ristori per categorie interessate da provvedimenti

Potenza, presidente Provincia sollecita ristori per categorie interessate da provvedimenti Covid

 
Il gesto
Potenza, mamma Laura morta a 100 anni, i figli donano tablet a ospedale San Carlo

Potenza, mamma Laura morta a 100 anni, i figli donano tablet a ospedale San Carlo

 
la sentenza
Rionero in Vulture, omicidio Cassotta assolto anche il 43enne Prota: delitto senza colpevole

Potenza, omicidio Cassotta: assolto il 43enne Prota. Delitto senza colpevole

 
emergenza Covid
Potenza, oltre 4mila over 80 vaccinati: il 75% presente negli elenchi dell'Asp

Potenza, oltre 4mila over 80 vaccinati: quasi il 77% presente negli elenchi dell'Asp

 
la protesta
Potenza, appeso striscione contro ministro Speranza in via Vaccaro

Potenza, appeso striscione contro ministro Speranza in via Vaccaro: rimosso in tarda serata

 
Coronavirus
«Vaccinateci!», in Basilicata il coro unanime dei malati rari

«Vaccinateci!», in Basilicata il coro unanime dei malati rari

 

Il Biancorosso

Serie C
Nel derby di Puglia, Il Bari in 10 batte il Foggia 1-0: segna il bomber Cianci

Nel derby di Puglia, il Bari in 10 batte il Foggia 1-0: segna il bomber Cianci

 

NEWS DALLE PROVINCE

Foggiaa Lucera
Bracciante africano si suicida nel Foggiano: «Bisogna ascoltare il disagio»

Bracciante africano si suicida nel Foggiano: «Bisogna ascoltare il disagio»

 
BariLa richiesta
Vaccini anti Covid, l'appello dell'associazione disabili di Bari: «Inserirli tra priorità»

Vaccini anti Covid, l'appello dell'associazione disabili di Bari: «Inserirli tra priorità»

 
LecceLa decisione
Lecce, scomparsa 21 anni fa: il caso Martucci approda alla Camera

Lecce, scomparsa 21 anni fa: il caso Martucci approda alla Camera

 
TarantoLa novità
Msc farà rotta su Taranto: da maggio al via alle crociere

Msc farà rotta su Taranto: da maggio al via alle crociere

 
BrindisiIl caso
Brindisi, il sindaco Rossi azzera la giunta: verso nuove nomine

Brindisi, il sindaco Rossi azzera la giunta: verso nuove nomine

 
Potenzal'appello
Potenza, campagna vaccini: «Emodializzati non possono attendere tempi della politica»

Potenza, campagna vaccini: «Emodializzati non possono attendere tempi della politica»

 
MateraIl video
Matera, campagna vaccinale per 200 persone tra forze dell'ordine e personale scolastico

Matera, campagna vaccinale per 200 persone tra forze dell'ordine e personale scolastico

 
BatNella Bat
Trani, attentato al sindaco, la visita di Piemontese: «Non c'è spazio per la violenza»

Trani, attentato al sindaco, la visita di Piemontese: «Non c'è spazio per la violenza»

 

i più letti

Il caso

Sacerdote lucano «spretato» da Papa Francesco: molestie sessuali ai militari

Il prete di origini lucane, della prelatura di Pompei, si sarebbe macchiato di molestie sui militari

Sacerdote lucano «spretato» da Papa Francesco: molestie sessuali ai militari

PICERNO - Il Papa «spreta» don Antonio Marrese, originario di Picerno in quanto si sarebbe macchiato di «molestie sui militari». La decisione di dimettere dallo stato clericale don Antonio, già cappellano militare, appartenente alla prelatura nel Santuario di Pompei, è inappellabile. E’ stata presa direttamente dal pontefice ed approvata dalla Congregazione per il Clero e allo stesso tempo comunicata dalla diocesi di Pompei. Il provvedimento, non soggetto ad alcun tipo di ricorso, è giunto al termine di un processo penale canonico avviato nel 2018. Al sacerdote lucano è stata respinta anche una domanda di grazia presentata a Papa Francesco. Don Antonio è stato accusato di aver aiutato giovani ad entrare nell’Esercito, anche in cambio di favori sessuali. Il religioso è stato accusato di molestie sessuali, minacce e stalking da un carabiniere in servizio a Pisa. La magistratura italiana ha aperto un fascicolo contro di lui, ma la giustizia vaticana è stata più veloce.

A Pompei è noto anche per aver curato personalmente i preparativi per le visite ufficiali al santuario di ben tre papi: Giovanni Paolo II, Benedetto XVI e Francesco. Non sono noti i dettagli della decisione papale, ma è chiaro che le indagini abbiano scoperchiato più di quanto è trapelato contro don Marrese negli ultimi anni. Marrese, infatti, era stato accusato dai magistrati italiani di essere un vero e proprio faccendiere, al centro di trame e scambi di favori che avrebbero consentito a decine di persone di avere corsie preferenziali per accedere a posti pubblici nell’Esercito o nei Carabinieri in cambio, pare anche di favori di tipo sessuale. Perciò è stato ritenuto colpevole di gravi reati, alcuni dei quali lesivi della reputazione di diverse persone, arrecando sofferenze e procurando pubblico scandalo e nocumento alla comunità ecclesiale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie