Domenica 22 Settembre 2019 | 08:13

NEWS DALLA SEZIONE

truffa nel potentino
Oppido Lucano, raccoglie offerte inesistenti per bimbi malati: denunciato

Oppido Lucano, raccoglie offerte inesistenti per bimbi malati: denunciato

 
nel Potentino
Brindisi di Montagna, resta chiuso il Parco della Grancia

Brindisi di Montagna, resta chiuso il Parco della Grancia

 
Le assunzioni
Concorsi Arpab, assessore ai sindacati: non abbandonate il tavolo

Concorsi Arpab, assessore ai sindacati: non abbandonate il tavolo

 
Ispettorato
Lavoro nero, controlli nel Metapontino: trovati 11 «irregolari»

Lavoro nero, controlli nel Metapontino: trovati 11 «irregolari»

 
Sul raccordo Potenza-Sicignano
Furgone portavalori si schianta sul guardrail nel Potentino: un ferito

Furgone portavalori si schianta sul guardrail nel Potentino: un ferito

 
Tragedia sfiorata
Potenza, in fiamme bus pieno di studenti: tutti illesi, danni a 3 auto

Potenza, in fiamme bus pieno di studenti: tutti illesi, danni a 3 auto

 
A Chiaromonte
In casa fucili e piante di cannabis: arrestato 31enne nel Potentino

In casa fucili e piante di cannabis: arrestato 31enne nel Potentino

 
A Sant'Arcangelo
Piante di marijuana sul terrazzo, arrestato 46enne

Piante di marijuana sul terrazzo, arrestato 46enne

 
La decisione
Concorsi in Regione, giunta dispone scorrimento graduatorie

Concorsi in Regione, giunta dispone scorrimento graduatorie

 
A Londra
Birra lucana bissa titolo campione del mondo

Birra lucana bissa titolo campione del mondo

 
La challenge
Avigliano, avvistata «Samara» nella notte: è arrivata in Basilicata

Avigliano, avvistata «Samara» nella notte: è arrivata in Basilicata

 

Il Biancorosso

Calcio
Folorunsho rialza il Bari: «Noi i più forti della C»

Folorunsho rialza il Bari: «Noi i più forti della C»

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceDue operazioni
Lecce, nel garage droga e 4mila euro in contanti: 2 arresti

Fiumi di droga in Salento, recuperati 12mila euro in contanti: 3 arresti

 
TarantoDai carabinieri
Taranto, non accetta la fine della relazione e perseguita ex moglie e figli: arrestato

Taranto, non accetta la fine della relazione e perseguita ex moglie e figli: arrestato

 
BatL'annuncio
Istituto per il Medioevo: Barletta sarà sede per il Sud

Istituto per il Medioevo: Barletta sarà sede per il Sud

 
BariA bari
Assenteismo al Di Venere: senologo condannato a 2 anni, il pomeriggio passeggiava in scooter

Assenteismo al Di Venere: 2 anni al senologo, il pomeriggio passeggiava in scooter

 
Potenzatruffa nel potentino
Oppido Lucano, raccoglie offerte inesistenti per bimbi malati: denunciato

Oppido Lucano, raccoglie offerte inesistenti per bimbi malati: denunciato

 
MateraL'indagine
Basilicata, donne-madri costrette a licenziarsi

Basilicata, donne-madri costrette a licenziarsi

 
BrindisiDenunciato un uomo
Brindisi, usa abusivamente lampeggiante blu: «Lo facevo per l'autovelox»

Brindisi, usa abusivamente lampeggiante blu: «Lo facevo per l'autovelox»

 

i più letti

Al San Carlo

Potenza, ricoveri sospesi a Neonatologia: non ci sono medici e i piccoli saranno trasferiti

Un medico da Melfi per dare una mano. Si è ritrovato da solo a gestire il reparto

Potenza, ricoveri sospesi a Neonatologia: i piccoli saranno trasferiti

POTENZA - Sta accadendo ciò che si temeva. È la cronaca di un caos ampiamente annunciato nel reparto di Neonatologia dell’ospedale San Carlo. La questione della carenza di medici e infermieri, denunciata dalla Gazzetta il 24 giugno scorso, presenta il conto. Salato. Tre dei piccoli pazienti, che richiedono assistenza continua e costante, saranno trasferiti in un altro ospedale fuori regione, a Foggia e Castellammare. La comunicazione ha mandato su tutte le furie i genitori, alcuni dei quali hanno deciso di firmare la cartella di dimissioni del proprio figlio per portarlo, a proprie spese, in laboratori medici a pagamento con l’obiettivo di effettuare i necessari controlli.

Uno scenario inevitabile se si tiene conto che nel reparto, oggi, c’è un solo medico 24 ore su 24. Si tratta di Saverio De Marca, trasferito da Melfi per tamponare l’emergenza. Altro che emergenza: è venuto da un altro ospedale per dare una mano ed è rimasto imprigionato in una situazione complicatissima. Mara Basentini, presidente dell'associazione Cucciolo onlus che funge da prezioso supporto per i genitori dei bambini ricoverati, si fa portavoce dell’ansia e della preoccupazione delle famiglie: «Un solo medico in un reparto così importante è una follia. Se c’è un’emergenza in sala parto e deve assentarsi, questi bambini chi li cura? Siamo di fronte - aggiunge Basentini - a una terapia intensiva, non a un semplice nido. Può esserci in ogni momento una crisi e occorre intervenire con rapidità».

Quello a cui stiamo assistendo, come dicevamo, è il triste epilogo di una criticità più volte segnalata anche dai sindacati di categoria che hanno parlato di una situazione di «estremo disagio lavorativo per i medici»: turni di notte sempre più incalzanti, doppi turni, superlavoro che si traduce in un clima di alta tensione. I neonatologi, sottoposti a stress continuo, hanno lanciato segnali di insofferenza evidenziando anche un «pregiudizio per la loro integrità psicofisica». Tra ferie, trasferimenti e malattie, il reparto si è praticamente svuotato, costringendo a chiamare un medico in servizio a Melfi, unico e solo a controllare lo stato di salute di una dozzina di bambini. A volte può contare sul supporto di un collega che arriva da altri team ospedalieri.
La forza lavoro, da sempre ridotta al lumicino, ha retto per senso di responsabilità e abnegazione dei medici, ma ora il sistema è collassato. A nulla è valsa, per ridurre i carichi di lavoro, la sospensione del servizio di trasporto emergenza neonatale, il cosiddetto Sten che copre l’intero territorio lucano, garantito fino a poche settimane fa solo da tre unità. «Perdurando questa situazione - si legge in una lettera dei sindacati pubblicata dalla Gazzetta a giugno - si crea un sovraccarico operativo che difficilmente garantirà un’adeguata assistenza, oltre a confliggere con la normativa sull’orario di lavoro (legge 161/2014). L’organico medico, insomma, si conta sulle dita di una mano e la programmazione dei turni è un rebus irrisolvibile: vengono comunicati giornalmente, creando disagi agli stessi medici e alle rispettive famiglie. A ciò si aggiunga il fatto che le giornate libere, ormai da alcuni mesi, non sempre vengono garantite, contravvenendo a qualsiasi norma contrattuale». Insomma, Neonatologia era una bomba pronta ad esplodere. Ed è esplosa. L’effetto? Non si accettano ricoveri e i pazienti vengono dirottati altrove.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie