Domenica 17 Novembre 2019 | 08:26

NEWS DALLA SEZIONE

l'indagine
Potenza, parrucchiere 58enne violenta giovane dipendente: ai domiciliari

Potenza, parrucchiere 58enne violenta giovane dipendente: ai domiciliari

 
Giustizia
Potenza, si insedia il nuovo procuratore aggiunto Cardea

Potenza, si insedia il nuovo procuratore aggiunto Cardea

 
l'operazione
Potenza, polizia sequestra 1kg di marijuana, cocaina ed eroina: arrestati 2 nigeriani

Potenza, polizia sequestra 1kg di marijuana, cocaina ed eroina: arrestati 2 nigeriani

 
gestione dei rifiuti
Basilicata, Cassazione: «La Regione può avere ancora gli inceneritori»

Basilicata, Corte Costituzionale: «La Regione può avere ancora gli inceneritori»

 
La città che cambia
Potenza, riaperto al traffico il ponte di Montereale

Potenza, riaperto al traffico il ponte di Montereale

 
Petrolio lucano
Bardi: «Con Eni piena condivisione su rinnovo, aiuterà città colpite da maltempo»

Bardi: «Con Eni piena condivisione su rinnovo, aiuterà città colpite da maltempo»

 
Soccorso in Basilicata
Potenza, acquistate 57 ambulanze per 118, consegnate 25: le prime 14 assegnate dopo il collaudo

Potenza, acquistate 57 ambulanze per 118, consegnate 25: le prime 14 assegnate solo dopo il collaudo

 
L'inchiesta su corruzione
Potenza, 17 misure per corruzione su autorizzazioni edilizie: bufera su Regione e Comune Venosa

Venosa, pratiche edilizie agli «amici» e bandi su misura: 17 ordinanze, in manette ex sindaco

 
la visita
Ministro Lamorgese a Potenza: «Reati diminuiti, ma vigiliamo»

Ministro Lamorgese a Potenza: «Reati diminuiti, ma vigiliamo»

 
il rapporto
Fabbisogni standard: Basilicata tra gli ultimi

Fabbisogni standard: Basilicata tra gli ultimi

 
sos ambiente
In Basilicata nove «bombe ecologiche»: ecco quali sono

In Basilicata nove «bombe ecologiche»: ecco quali sono

 

Il Biancorosso

verso il match
Bari, Sigarini ricorda la trasferta a Pagani

Bari, Sigarini ricorda la trasferta a Pagani

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl siderurgico
Caso Mittal, Peacelink Taranto: «Aiuti Stato vietati, sì a riconversione»

Caso Mittal, Peacelink Taranto: «Aiuti Stato vietati, sì a riconversione»

 
BariIl caso
Bari, venditore abusivo aggredisce agenti: arrestato

Bari, venditore abusivo aggredisce agenti: arrestato

 
Foggianel Foggiano
Lucera, figlio disabile escluso da corso di nuoto a scuola: mamma denuncia

Lucera, figlio disabile escluso da corso di nuoto a scuola: mamma denuncia

 
LecceL'appuntamento
Scorrano, torna il presepe di sabbia: vicino alla Natività anche Don Tonino Bello e Gandhi

Scorrano, torna il presepe di sabbia: vicino alla Natività anche Don Tonino Bello e Gandhi

 
Materaconta dei danni
Maltempo, serve un piano straordinario per Metaponto

Maltempo, serve un piano straordinario per Metaponto

 
BrindisiNel Brindisino
Oria, rifiuta il test antidroga e ha eroina negli slip: denunciata una 31enne

Oria, rifiuta il test antidroga e ha eroina negli slip: denunciata una 31enne

 
BatLa sentenza
Giro di droga ad Andria: 23 condanne, confiscati campi da calcio e case

Giro di droga ad Andria: 23 condanne, confiscati campi da calcio e case

 
Potenzal'indagine
Potenza, parrucchiere 58enne violenta giovane dipendente: ai domiciliari

Potenza, parrucchiere 58enne violenta giovane dipendente: ai domiciliari

 

i più letti

Ospedale San Carlo

Potenza, allarme a Neonatologia: ci sono solo 5 medici in reparto

Turni massacranti: il servizio rischia il tilt

Appalti al San Carlo  sei persone a processo

POTENZA - Il dibattito che ruota attorno al futuro del Punto Nascite di Melfi - su cui la Regione ribadisce che non sarà chiuso - rischia di oscurare altre analoghe emergenze sanitarie, inghiottite da un silenzio da spezzare al più presto per evitare di trovarsi davanti all’irreparabile. Se Melfi piange, non ride certo Potenza. E qui parliamo di un reparto di strategica (e vitale, è proprio il caso di dirlo) importanza nel puzzle della pediatria: l’Unità di terapia intensiva neonatale. Da oltre tre mesi è sul tavolo del direttore generale dell’ospedale San Carlo, Massimo Barresi, una nota delle organizzazioni sindacali in cui si denunciava una situazione di «estremo disagio lavorativo per i medici»: turni di notte sempre più incalzanti, doppi turni, superlavoro che si traduce in un clima di alta tensione. I neonatologi sottoposti a stress continuo lanciano segnali di insofferenza e parlano addirittura di «pregiudizio per la loro integrità psicofisica».

Il grido d’allarme non ha prodotto finora dei risultati. Anzi, il quadro generale è peggiorato: l’organico del personale medico, infatti, si ulteriormente ridotto a cinque unità dopo l’aspettativa concessa a un medico dall’1 maggio scorso, risultato vincitore di un concorso all’ospedale di Cosenza, e per effetto di due medici in malattia.

Attualmente il reparto controlla lo stato di salute di una trentina di bambini, di cui sei in terapia intensiva. La forza lavoro, ridotta al lumicino, ha retto finora per senso di responsabilità e abnegazione, ma si è al limite del collasso. Di qui l’appello lanciato a Barresi di prevedere interventi quanto meno per ridurre i carichi di lavoro, attraverso, per esempio, la sospensione del servizio di trasporto emergenza neonatale. È il cosiddetto Sten che copre l’intero territorio lucano, garantito al momento solo da tre unità.

Perdurando questa situazione si crea un sovraccarico operativo che difficilmente garantirà un’adeguata assistenza, oltre a confliggere con la normativa sull’orario di lavoro (legge 161/2014). L’organico medico, insomma, si conta sulle dita di una mano e la programmazione dei turni è un rebus irrisolvibile: vengono comunicati giornalmente, creando disagi agli stessi medici e alle rispettive famiglie. A ciò si aggiunga il fatto che le giornate libere, ormai da alcuni mesi, non sempre vengono garantite, contravvenendo a qualsiasi norma contrattuale.

I medici sono «in riserva». Dicono di non poter più garantire quegli standard di assistenza che finora hanno consentito all’Unità di essere uno dei punti di forza del San Carlo. Le attività di ambulatorio per il follow-up del neonato a rischio, per l’ipotiroidismo, l’ecografia cerebrale, follow-up del neonato sano post dimissione, si reggono solo sullo spirito di responsabilità e sacrificio del personale superstite. Ma il peso è eccessivo e rischia di schiacciare l’intero reparto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie