Sabato 16 Gennaio 2021 | 04:04

NEWS DALLA SEZIONE

la «trovata»
Potenza, protesta ristoratori tra bicchieri di prosecco, musica e ironia

Potenza, protesta ristoratori tra bicchieri di prosecco, musica e ironia

 
Difesa ambiente
No a deposito nucleare: Basilicata e Puglia stabiliscono un percorso comune

No a deposito nucleare: Basilicata e Puglia stabiliscono un percorso comune

 
Il caso
Tempa Rossa, Total lancia app per il monitoraggio ambientale

Tempa Rossa, Total lancia app per il monitoraggio ambientale

 
migranti
Venosa, centro accoglienza Boreano intitolato al bracciante Girasole

Venosa, centro accoglienza Boreano intitolato al bracciante Girasole

 
acqua, soldi e lavoro
Basilicata, dopo la grave siccità dighe piene: 84 milioni di metri cubi in più rispetto all'anno scorso

Basilicata, dopo la grave siccità dighe piene: 84 milioni di metri cubi in più rispetto all'anno scorso

 
decisione attesa
Lavello, parà barese morì dopo che paracadute non si aprì: Gip Potenza deciderà su archiviazione

Lavello, parà barese morì dopo che paracadute non si aprì: Gip Potenza deciderà su archiviazione

 
dati regionali
Covid in Basilicata, 99 nuovi contagi su 739 test (13,3%) e altri due decessi

Covid in Basilicata, 99 nuovi contagi su 739 test (13,3%) e altri due decessi

 
il bilancio
Basilicata, somministrate 5.744 dosi vaccino anti Covid: regione al penultimo posto in Italia

Basilicata, somministrate 5.744 dosi vaccino anti Covid: regione al penultimo posto in Italia

 
Sostegno economico
Val d'Agri, Giunta regione Basilicata stanzia 5mln per attività produttive

Val d'Agri, Giunta regione Basilicata stanzia 5mln per attività produttive

 
L'intervista
Potenza, Prefetto Vardè: «Il Covid ha acuito l'emergenza lavoro»

Potenza, Prefetto Vardè: «Il Covid ha acuito l'emergenza lavoro»

 

Il Biancorosso

l'evento
Bari calcio, 113 anni del club. Il presidente: «Dedico il compleanno a tutti i nostri tifosi

Bari calcio, 113 anni del club. Il presidente: «Dedico il compleanno ai nostri tifosi»

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl processo
Taranto, bimbo morto di tumore: indagati 9 dirigenti ex Ilva

Taranto, bimbo morto di tumore: indagati 9 dirigenti ex Ilva

 
Potenzala «trovata»
Potenza, protesta ristoratori tra bicchieri di prosecco, musica e ironia

Potenza, protesta ristoratori tra bicchieri di prosecco, musica e ironia

 
Barila scorsa notte
Valenzano, ignoti rubano olio prodotto da terre confiscate alla mafia

Valenzano, ignoti rubano olio prodotto da terre confiscate alla mafia

 
Batemergenza Covid
Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

 
Bari
Tra Bari e Matera accordo di collaborazione su cultura, turismo e ambiente

Tra Bari e Matera accordo di collaborazione su cultura, turismo e ambiente

 
LecceNel Leccese
Otranto, scatola con 20kg di petardi trovata in bidone immondizia

Otranto, scatola con 20kg di petardi trovata in bidone immondizia

 
BrindisiIl caso
Brindisi, muore a 19 anni al Perrino: 2 medici indagati

Brindisi, muore a 19 anni al Perrino: 2 medici indagati

 

i più letti

L'inchiesta del 2015

Potenza, maltrattamenti al Don Uva: assolti 7 dei 15 indagati

Nel 2016 gli arresti e gli obblighi di dimora: l'assoluzione non riguarda gli accusati di condotte violente ma il personale imputati di omissioni in realtà attribuibili a carenze della struttura

Potenza, maltrattamenti al Don Uva: assolti 7 dei 15 arrestati

Il gup di Potenza Rosa Maria Verrastro, al termine di un processo celebrato con il rito abbreviato, ha assolto sette persone - Agatino Mancusi, Vincenzo Raffaele Mori, Fabrizio Volpe, Filomena Monaco, Antonio De Bonis, Antonio Iannielli e Nunzia Angela Fiore - coinvolte a vario titolo in un’inchiesta su presunti maltrattamenti ai pazienti della struttura sanitaria «Don Uva» di Potenza.

Nel 2016, su richiesta della Procura di Potenza, furono emesse sette ordinanze di custodia cautelare ai domiciliari e otto divieti di dimora, sulla base delle indagini svolte dai Nas nel 2015, anche utilizzando telecamere nascoste all’interno della struttura: la richiesta di arresto riguardava gli operatori sociosanitari, mentre il divieto di dimora fu emesso nei confronti del direttore del centro, di due medici, due infermiere e altri tre operatori sociosanitari.

Sul banco degli imputati in questa storia di presunti maltrattamenti al Don Uva ci sono posizioni tra loro molo diverse che possono essere schematizzate in due grandi gruppi: da una parte chi è accusato di condotte violente, con autentici pestaggi, o di trascuratezza, ossia il non aver prestato ai pazienti le cure di cui avevano bisogno. Dall’altra gli accusati di comportamenti omissivi, di denuncia (qualcuno che avrebbe saputo dei pestaggi e avrebbe taciuto) o di predisposizione di misure idonee (è il caso degli ex livelli dirigenziali della sede potentina dell’Istituto). Questi ultimi, in particolare hanno potuto contare sulle stesse ragioni che portarono il Tribunale del Riesame ad annullare le misure cautelari ritenendo che quanto verificatosi non fosse imputabile a loro ma frutto di limiti strutturali dell’Istituto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie