Martedì 22 Gennaio 2019 | 02:42

NEWS DALLA SEZIONE

Allarme analfabetismo digitale
Basilicata, a rischio «ghetto»: in 2 famiglie su 10 nessuno sa usare il web

Basilicata, a rischio «ghetto»: in 2 famiglie su 10 nessuno sa usare il web

 
A Lauria
In auto 120grammi di marijuana: 2 arresti nel Potentino

In auto 120grammi di marijuana: 2 arresti nel Potentino

 
Nel potentino
Articoli tossici: 37mila prodotti sequestrati a Viggiano

Articoli tossici: 37mila prodotti sequestrati a Viggiano

 
La decisione
Regionali, il centrosinistra alle primarie il 10 febbraio per scegliere il candidato

Regionali, il centrosinistra alle primarie il 10 febbraio per scegliere il candidato

 
Emergenza maltempo
Neve a Potenza, sindaco chiude le scuole, pioggia di insulti su Facebook

Neve a Potenza, sindaco chiude le scuole, pioggia di insulti su Facebook

 
Il giallo
Potenza, neonato muore al San Carlo: avviata indagine interna

Potenza, neonato muore al San Carlo: avviata indagine interna

 
La decisione del Tribunale
Elezioni in Basilicata, Tar accoglie ricorso M5S: «Non si voterà a maggio»

Elezioni in Basilicata, Tar accoglie ricorso M5S: «Non si voterà a maggio»

 
Giustizia e ambiente
Potenza, Petrolgate uno scudo contro la prescrizione

Potenza, Petrolgate uno scudo contro la prescrizione

 
Allerta meteo
Maltempo in Basilicata: domani scuole chiuse a Potenza

Migliora il maltempo in Basilicata: revocato divieto mezzi pesanti

 
Emergenza maltempo
Manca il sale per le strade, provincia Potenza chiede risorse

Manca il sale per le strade, provincia Potenza chiede risorse

 

Opere pubbliche

Basilicata, Basento - Bradano: il «fantasma» dello schema idrico

Basento-Bradano a rischio i 65 milioni per lo schema

Lo schema irriguo «Basento-Bradano» rischia

POTENZA - A ritardi si accumulano ritardi. Lo schema idrico «Basento-Bradano» rischia di rivelarsi una grande illusione. Un’illusione per una larga fetta di popolazione che aveva riversato nell’ irriguo i piani di riscatto passando da un’agricoltura estensiva ad una intensiva. Facile arguire che con più raccolti nel corso di una stagione anche l’economia arrancante dell’area sarebbe decollata.

E invece? Sono trascorsi oltre 40 anni dall’idea dell’Ente irrigazione di Puglia e Basilicata. Un lasso enorme di tempo in cui le speranze dei padri sono passate ai figli. Ma la funzionalità del progetto non è mai diventata realtà. Miliardi di vecchie lire spese, ma il nulla di fatto è rimasto.
In tutto questo lasso di tempo non sono mancate le promesse politiche, gli scioperi, le manifestazioni sindacali. Anche fondi (per il distretto «G» circa 58 milioni euro) prima dirottati verso Expo 2015 di Milano e poi per fortuna rientrati.

Lo schema «Basento-Bradano» avrebbe dovuto irrigare una superficie coltivabile di circa 43 mila ettari e avrebbe dovuto servire 13 comuni più l'altopiano bradanico. Un sistema che avrebbe dovuto far parte di un grande progetto di irrigazione di una regione che fonda la sua economia sull'agricoltura. La funzionalità del piano, mai portata a termine, avrebbe rappresentato una certezza per il settore primario lucano utilizzando l'acqua raccolta negli invasi.
Ma ad oggi il progetto vive in uno stato di abbandono.

Ma l’uomo della strada, il cittadino si chiede del progetto. «Tanti soldi spesi, tante promesse di cambiare il volto sia all’economia che all’agricoltura dell’area bradanica, a che punto è lo stato dell’arte?».
La risposta è semplice. Finora in oltre 40 anni sono stati realizzati gli invasi di Acerenza (con una capacità di circa 30 milioni di mc di acqua) e di Genzano (la diga sulla Fiumarella ha una capacità di 57 milioni di mc). Le opere adduttrici dalla diga di Camastra a Trivigno e conseguenti by pass per gli invasi di Acerenza e Genzano.
Cosa manca? Le opere per l’irrigazione a valle di Genzano il cosiddetto distretto «G».
Si chiama anche «Genzano-vasche di compenso». Un progetto rientrante nella Legge Obiettivo del 2001. Ad oggi non è cambiato nulla.

La realizzazione delle opere del «Distretto G» che serviranno per l’irrigazione di un’area di circa 13 mila ettari dell’Alto Bradano è ancora in alto mare. È una vicenda lunghissima quella dell’appalto per la realizzazione di opere che riguardano la realizzazione di una condotta principale di 23 chilometri fra la diga di Genzano e la diga del Basentello, le diramazioni settoriali, 14 vasche di compensazione variabile e il relativo impianto di sollevamento.

Detto della revoca del finanziamento nel 2014 ed il successivo rifinanziamento ci portiamo all’aggiudicazione della gara, avvenuta nel 2016. L’importo dei lavori è di oltre 58 milioni di euro. Il soggetto aggiudicatore è il Consorzio di bonifica del Vulture Alto Bradano. Il sistema di realizzazione è quello dell’appalto integrato. Ad aggiudicarsi i lavori è la ditta campana D’Agostino Costruzioni srl con una somma di 40 milioni di euro con un ribasso di aggiudicazione del 23,83%. Le ditte seconda e terze classificate ricorrono al Tar che respinge il ricorso. Per farla breve ancora un ricorso al Consiglio di Stato che conferma il verdetto del Tar.

Lavori dunque al via? Neanche per sogno. Basta pensare che la data presunta di inizio lavori era il 2 maggio del 2017 con conclusione degli interventi 19 agosto del 2019. Una data ovviamente destinata a slittare visto il grande ritardo. Ma perchè questi ulteriori intoppi? «Il Consorzio di bonifica - fanno sapere i sindacati di categoria - ha mosso delle osservazioni e chiarimenti all’impresa D’Agostino. Quest’ultima ha risposto alle istanze che ora sarebbero esaminate».
«Ma finora - hanno aggiunto a più riprese Fillea Cgil. Feneal Uil e Filca Cisl - nessun passo in avanti, non ci sono certezze sull’avvio dei lavori».

Insomma c’è da stare preoccupati e non poco, visto che ci sono i soldi e non si riescono spendere. Oltretutto il via ai lavori darebbe una sostanziale boccata d’ossigeno ad un settore come quello edile che dal 2008 in Basilicata ha perso qualcosa come 5 mila addetti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400