Martedì 27 Ottobre 2020 | 07:39

NEWS DALLA SEZIONE

Il virus
Coronavirus, positivo il cantautore tarantino Renzo Rubino

Coronavirus, positivo il cantautore tarantino Renzo Rubino

 
Il safe tracer
L'idea di un'azienda barese: basta un «bip» per garantire i distanziamenti

L'idea di un'azienda barese: basta un «bip» per garantire i distanziamenti

 
La novità
Bari, le piazze di Carbonara prendono vita: dipinte come un quadro di Mondrian

Bari, le piazze di Carbonara prendono vita: dipinte come un quadro di Mondrian

 
L'evento
World Press Photo a Bari, sabato apertura straordinaria fino a mezzanotte

World Press Photo a Bari, sabato apertura straordinaria fino a mezzanotte

 
La novità
Nardò, ecco gli idrovolanti per arrivare a Corfù: c'è l'ok della Sovrintendenza

Nardò, ecco gli idrovolanti per arrivare a Corfù: c'è l'ok della Sovrintendenza

 
La sentenza
Bari, lui 19enne fa sesso con una 13enne consenziente: per la legge è reato, ma il tribunale lo assolve

Bari, lui 19enne fa sesso con una 13enne consenziente: per la legge è reato, ma il tribunale lo assolve

 
Cinema
Ecco il trailer del film «La vita davanti a sé»: il film con Sophia Loren girato a Bari

L'emozione di Decaro per il trailer del film della Loren girato a Bari

 
il riconoscimento
Lecce, FS Italiane si dotano di cardioprotezione smart: Tecatech premiato a Smau 2020

Lecce, FS si dotano di cardioprotezione smart: premiato a Smau 2020

 
Innovazione
Nasce il treno-ospedale «made in Mola»: a bordo poliambulatorio e terapia intensiva

Nasce il treno-ospedale «made in Mola»: a bordo poliambulatorio e terapia intensiva

 
La novità
Ecco il tessuto «ammazza» Covid 19: realizzato in Puglia è utile a scuola e in ospedale

Ecco il tessuto «ammazza» Covid 19: realizzato in Puglia è utile a scuola e in ospedale

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari, al San Nicola prima vittoria di stagione: battuto 4-1 il Catania

Bari, al San Nicola prima vittoria di stagione: battuto 4-1 il Catania

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariL’operazione
Bari, blitz dei Ros smantella organizzazione mafiosa: 48 misure cautelari

Bari, blitz dei Ros smantella organizzazione mafiosa: 48 misure cautelari

 
FoggiaIl contagio
Rodi, in scuola 25 bimbi e 9 insegnanti positivi. Sindaco: alunni in ottima salute

Rodi, in scuola 25 bimbi e 9 insegnanti positivi. Sindaco: alunni in ottima salute

 
LecceLa manifestazione
Lecce, nuovo Dpcm: tensioni in piazza, forzato cordone Polizia. «Meglio morire di Covid che di fame»

Lecce, nuovo Dpcm: tensioni in piazza, forzato cordone Polizia. «Meglio morire di Covid che di fame»

 
Taranto2 novembre
Taranto, ingressi contingentati al cimitero per la commemorazione dei defunti

Taranto, ingressi contingentati al cimitero per la commemorazione dei defunti

 
PotenzaControlli dei CC
Malfi, in deposito agricolo nascondeva armi e munizioni: arrestato 46enne

Melfi, in deposito agricolo nascondeva armi e munizioni: arrestato 46enne

 
Batl'intervista
Pedopornografia on line, don Fortunato: «Non si abbassi la soglia di attenzione»

Pedopornografia on line, don Fortunato: «Non si abbassi la soglia di attenzione»

 
Materacontrolli della ps
Matera, si affaccia al balcone e spaccia stupefacenti: arrestato pusher 46enne

Matera, si affaccia al balcone e spaccia stupefacenti: arrestato pusher 46enne

 
Brindisiopere pubbliche
Ceglie Messapica, lavori alla torre finalmente ripresi

Ceglie Messapica, lavori alla torre finalmente ripresi

 

i più letti

Incontri di Dialoghi

Trani, il regista Daniele Vicari vince il premio Megamark

Con il romanzo sul delitto davanti alla discoteca di Alatri si è aggiudicata la 5ª edizione del premio letterario

Trani, il regista Daniele Vicari vince il premio Megamark

TRANI - È lo scrittore laziale Daniele Vicari con il romanzo «Emanuele nella battaglia» (Ed. Einaudi) il vincitore della V edizione del premio letterario «Fondazione Megamark - Incontri di Dialoghi», destinato a opere prime di narrativa italiana promosso dalla «Fondazione Megamark» di Trani.

La cerimonia di premiazione, presentata dalla giornalista e inviata della trasmissione televisiva «Le Iene» Nina Palmieri al Palazzo delle Arti Beltrani nell’ambito de «I Dialoghi di Trani», ha dunque incoronato Vicari che, con «Emanuele nella battaglia», ha ottenuto più voti dalla giuria popolare composta da 40 lettori.

Regista di fama internazionale, Vicari si è aggiudicato con il suo primo romanzo il premio di 5.000 euro, messo a disposizione dalla Fondazione Megamark e consegnato dal presidente della Onlus Giovanni Pomarico. Assegnato un riconoscimento di 2.000 euro ciascuno anche agli altri quattro finalisti: la siciliana Veronica Galletta con «Le isole di Norman» (Ed. Italo Svevo), il campano Gennaro Serio, con «Notturno di Gibilterra» (Ed. L’Orma) già vincitore del Premio Italo Calvino, il laziale Graziano Graziani con il suo «Taccuino delle piccole occupazioni» (Ed. Tunuè) e l’abruzzese Davide Ruffini con «Tutti assenti» (Ed. Mesogea). Menzione speciale della giuria degli esperti e un premio extra del valore di 1.000 euro al pugliese Andrea Donaera con «Io sono la bestia» (Ed. NN) per essere un’opera opera «in grado di mettere felicemente in crisi la tradizionale struttura del romanzo».  

«È stato un anno estremamente complicato a causa dell’emergenza Covid – ha commentato il presidente della Fondazione Megamark Giovanni Pomarico -; senza dubbio il settore della cultura in generale e quello dell’editoria in particolare, che vive di socialità e interazione, hanno sofferto in modo particolare. Ma noi non ci siamo fermati perché crediamo fortemente nel valore della cultura e nell’importanza di valorizzare i talenti emergenti, che meritano tutto il nostro sostegno per continuare il cammino intrapreso, non sempre facile, della scrittura. Ringrazio le giurie per il lavoro svolto e mi congratulo con il vincitore, che ha dimostrato di essere, oltre che un regista di successo, anche un talentuoso narratore, e con gli altri finalisti che spero possano continuare a coltivare la passione per la scrittura».

«Era già un onore per me essere nella cinquina – ha dichiarato il vincitore Daniele Vicari – e non mi aspettavo la vittoria; mi sento quasi in colpa nei confronti degli altri partecipanti perché non sono uno scrittore ma so quanto impegno e quanta dedizione richiede scrivere un libro. ‘Emanuele nella battaglia’ è la storia di una tragedia evitabilissima che si ripete, nei fatti di cronaca, sempre nella stessa maniera; Emanuele era un ragazzo di vent’anni che conoscevo e che è stato massacrato da un gruppo di persone sotto gli occhi di tutti. Sentivo il bisogno di affrontare questa storia, per non voltarmi anch’io dall’altra parte e cercare di capire le dinamiche che nella nostra società generano tragedie del genere».

«Emanuele nella battaglia» è un romanzo-reportage su un celebre capitolo della cronaca nera italiana degli ultimi anni: l'omicidio di Emanuele Morganti, più noto come il «delitto di Alatri».

Nella notte tra il 24 e il 25 marzo del 2017 il ventenne Morganti viene picchiato a morte davanti a una discoteca. Nessun movente che possa spiegare la violenza degli assassini; intanto la cittadina di Alatri, nel cuore della Ciociaria, si ritrova catapultata su giornali, telegiornali, social, trasmissioni d’intrattenimento tra lo sconcerto, la rabbia, la voglia di denuncia. Poi, dopo tanto clamore sul «delitto di Alatri», arriva l’oblio; ed è in questo oblio che s’inabissa il romanzo-reportage di Daniele Vicari, con il pudore di chi ha intimità con quei luoghi, i boschi di castagni tanto amati da Emanuele; quella provincia in cui convive tutto (degrado, locali trendy, riti e saperi arcaici); quella famiglia Morganti di cui l’autore prende a seguire le esistenze quando sembra non ci sia più nulla da raccontare.

Perché «Emanuele nella battaglia» è uno di quei libri in cui, alla fine, non si risparmiano domande scomode e disagi nemmeno a chi prova a ricostruire, scrivere, restituire e far durare nella memoria collettiva le pieghe più segrete di quella stessa storia.


Il romanzo di Vicari, secondo la motivazione della giuria degli esperti, è meritevole «per la capacità di trasformare un fatto di cronaca nera in una sorta di romanzo antropologico che ha il merito di restituirci uno spaccato della società italiana contemporanea partendo dalla provincia profonda con tutte le sue ambiguità e contraddizioni».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie