Venerdì 10 Aprile 2020 | 02:33

NEWS DALLA SEZIONE

Musica
Modugno, la disabilità? Un valore aggiunto nella musica del maestro Caruso

Modugno, la disabilità? Un valore aggiunto nella musica del maestro Caruso

 
L'iniziativa
Coronavirus, una sezione dedicata alle #goodnews: «aiutateci a scrivere belle notizie»

Coronavirus, una sezione dedicata alle #goodnews: «aiutateci a scrivere belle notizie»

 
sanità
Altamura, «A 67 anni ho rimesso il camice»

Coronavirus, parla medico originario di Altamura, «Ero in pensione, a 67 anni ho rimesso il camice»

 
cucina
Bari, Claudio e Brigida sfidano la recessione inventando il gusto etnico a domicilio

Bari, Claudio e Brigida sfidano la recessione inventando il gusto etnico a domicilio

 
La testimonianza
L’infermiere Vincenzo-Mazinga da Terlizzi volontario a Milano

Coronavirus, l’infermiere Vincenzo «Mazinga», da Terlizzi volontario a Milano

 
musica
«Quarantella», il lockdown raccontato nel nuovo brano dell'Orchestra Popolare La Notte della Taranta

«Quarantella», il lockdown raccontato nel nuovo brano dell'Orchestra Popolare La Notte della Taranta

 
al Giovanni XXIII
Bari, mamma e bimba di due mesi guarite dal Coronavirus: dimesse da ospedale pediatrico

Bari, mamma e bimba di due mesi guarite dal Coronavirus: dimesse da ospedale pediatrico

 
nel tarantino
Roccaforzata, 13 sarte confezionano una mascherina per ciascun abitante

Roccaforzata, 13 sarte confezionano una mascherina per ciascun abitante

 
La nostalgia di Livio Macchia
«Sogno un grande concerto nella mia bella Acquaviva»

«Sogno un grande concerto nella mia bella Acquaviva»: parla il bassista dei Camaleonti

 
il racconto
Barletta, «Così il mio parto al tempo del Covid 19»

Barletta: «Ecco il mio parto al tempo del Covid-19», papà e nonna in auto

 

Il Biancorosso

L’iniziativa
«Museo del Bari» mette le maglie all’asta

«Museo del Bari» mette le maglie all’asta

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariLa sinergia
Tecnologia, al Politecnico di Bari l'Innovation Hub di Terna

Tecnologia, al Politecnico di Bari l'Innovation Hub di Terna

 
FoggiaStorie di ordinario coraggio
Foggia, due sorelle nel reparto Covid della Casa Sollievo: «Nel dolore abbiamo trovato la speranza»

Foggia, due sorelle nel reparto Covid della Casa Sollievo: «Nel dolore abbiamo trovato la speranza»

 
TarantoSanità
Covid 19 a Taranto, Melucci: «Piano ospedaliero Puglia? È fragile»

Covid 19 a Taranto, Melucci: «Piano ospedaliero Puglia? È fragile»

 
PotenzaLa lettera
Potenza, la scuola al tempo del Covid, parla un'alunna «Grazie prof, senza di voi saremmo persi»

Potenza, la scuola al tempo del Covid, parla un'alunna «Grazie prof, senza di voi saremmo persi»

 
Leccenel salento
Coronavirus, Porto Cesareo: nessuna ordinanza di chiusura a Pasqua e Pasquetta, sindaco invita alla serrata

Coronavirus, Porto Cesareo: nessuna ordinanza di chiusura a Pasqua e Pasquetta, sindaco invita alla serrata

 
MateraImmagini del «belpaese»
Bernalda, Ford Coppola sogna l’Italia e spegne 81 candeline

Bernalda, Ford Coppola sogna l’Italia e spegne 81 candeline

 
BrindisiSi teme un focolaio in carcere
Brindisi, in quarantena 9 agenti di Polizia penitenziaria

Brindisi, in quarantena 9 agenti di Polizia penitenziaria

 
Batsport
Barletta, «Stop e niente gare ma c’è lo streaming»

Barletta, parla campionessa di scacchi: «Stop e niente gare ma c’è lo streaming»

 

i più letti

Grande attesa

Bari, Verdone presenta il suo film che parla pugliese tra colori e atmosfere

Proiettato in anteprima «Si vive una volta sola» che uscirà nelle sale mercoledì 26 febbraio

Bari, partono in città le riprese del nuovo film di Verdone, con Anna Foglietta e Rocco Papaleo

BARI - «Si vive una volta sola è un film corale, sentivo il bisogno di tornare alla coralità dopo tre anni di altre esperienze». Carlo Verdone è a Bari, per presentare il suo ultimo film "Si vive una volta sola", che stasera viene proiettato in anteprima a Bari. Il film, prodotto da Filmauro e Apulia film Commission è stato girato interamente in Puglia l’estate scorsa in località costiere del Salento e a Bari. Verdone, oltre che regista è interprete del film con Rocco Papaleo, Anna Foglietta, Max Tortora, Marianna Falace e Sergio Muniz.

Prima dell’uscita nelle sale del film, prevista per mercoledì 26 febbraio, Verdone e il cast artistico, con Rocco Papaleo, Anna Foglietta e Max Tortora, e il produttore Luigi De Laurentiis, hanno incontrare la stampa pugliese al Cineporto di Bari per raccontare la vicenda del film, ma anche le bellezze di una regione che Verdone ha voluto scoprire e immortalare nel suo 27/o film. Presenti alla conferenza stampa, tra gli altri, Michele Emiliano, presidente della Regione, Antonio Decaro, sindaco di Bari, Simonetta Dellomonaco, Presidente di Apulia Film Commission, e il produttore Luigi De Laurentiis.

«Il film - ha raccontato Verdone - non è stato faticoso nella sia realizzazione ma nella sua preparazione, poi c'è stata grande concentrazione da parte di tutti e abbiamo addirittura terminato le riprese con un giorno di anticipo e tre scene in più di quelle previste». «La scelta della Puglia - racconta - è nata dal fatto che avevamo bisogno di una costa piuttosto lunga. Abbiamo passato in rassegna mezza Italia e poi la scelta si è concentrata su Campania, scartata perché ha collegamenti costieri complessi e Puglia. E ci siamo ambientati benissimo tanto che alcuni interni di appartamenti romani sono stati giurati a Bari, il 99% per cento del film parla pugliese, avrete un buon ritorno di immagine». «In questa regione - ha ancora detto Verdone - c'è un incontro di colori e di atmosfere differenti: c'è una maniera di vivere che non trovi in nessun altro luogo, una leggerezza che ha influenzato positivamente il nostro lavoro. E a questo bisogna aggiungere una abilità nelle maestranza che ha facilitato non poco il nostro lavoro. Ormai la Puglia non è solo "location" per girare film, è diventata un’industria cinematografica e in Italia è preceduta solo dal Lazio con Cinecittà».

«La chiave di lettura di questo film - ha sottolineato rispondendo ad una domanda - ha un fondo di malinconia, i protagonisti bravissimi medici sono smarriti nel privato e non riescono a stare soli, ed è quasi una confessione di noi tutti al pubblico. La melanconia è la cifra del mio lavoro».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie