Sabato 29 Febbraio 2020 | 12:19

NEWS DALLA SEZIONE

l'iniziativa
Matera, davanti all'ospedale si pianta un albero per ogni bimbo nato

Matera, davanti all'ospedale si pianta un albero per ogni bimbo nato

 
il 23 maggio
Il Premio Barocco torna a Lecce, al Teatro Apollo, con Giorgino e Luisa Corna

Il Premio Barocco torna a Lecce, al Teatro Apollo, con Giorgino e Luisa Corna

 
l'emergenza
Il Coronavirus ferma il Carnevale di Putignano: niente festa della Pentolaccia

Il Coronavirus ferma il Carnevale di Putignano: niente festa della Pentolaccia

 
Ironia sul web
Il «Virus Corona» diventa una canzone firmata da Rimbamband e Renato Ciardo

Il «Virus Corona» diventa una canzone firmata dalla Rimbamband

 
La curiosità
Sannicandro, farmacia regala Amuchina ai clienti: «La vostra salute ci sta a cuore»

Sannicandro, farmacia regala Amuchina ai clienti: «La vostra salute ci sta a cuore»

 
La curiosità
Gli studenti di Gravina sfornano il robot appassionato di arte, storia e teatro

Gli studenti di Gravina sfornano il robot appassionato di arte, storia e teatro

 
La curiosità
Cavalli «scortati» dai carabinieri sulla Potenza-Melfi

Cavalli «scortati» dai carabinieri sulla Potenza-Melfi

 
La storia
Lucera, Ozn e Jaguar 14 anni appassionati di rap e futuro da cantanti

Lucera, Ozn e Jaguar 14 anni appassionati di rap e futuro da cantanti

 
La curiosità
L’amuchina, geniale invenzione di un ingegnere di Altamura

L’amuchina, geniale invenzione di un ingegnere di Altamura

 

Il Biancorosso

serie c
Bari, è cambiata la missione: un mese per blindare il secondo posto

Bari, è cambiata la missione: un mese per blindare il secondo posto

 

NEWS DALLE PROVINCE

Lecceè mistero
Lecce, quattro auto date alle fiamme nella notte: indagano i cc

Lecce, quattro auto date alle fiamme nella notte: indagano i cc

 
Materal'iniziativa
Matera, davanti all'ospedale si pianta un albero per ogni bimbo nato

Matera, davanti all'ospedale si pianta un albero per ogni bimbo nato

 
Baria poggiofranco
Bari, una 20enne ubriaca alla guida danneggia varie auto in sosta: denunciata

Bari, una 20enne ubriaca alla guida danneggia varie auto in sosta: denunciata

 
Foggianel Foggiano
Borgo Incoronata, lite per parcheggio condominiale, 2 famiglie si prendono a botte: interviene la polizia

Borgo Incoronata, lite per parcheggio condominiale, 2 famiglie si prendono a botte: interviene la polizia

 
TarantoNel Tarantino
Manduria, polizia denuncia un giovane senza patente: guidava un «Ciao» rubato 34 anni fa

Manduria, polizia denuncia un giovane senza patente: guidava un «Ciao» rubato 34 anni fa

 
Batcoronavirus
Trani, il sindaco dispone chiusura scuole per sanificazione

Bat, scuole chiuse per sanificazione

 
Brindisidai carabinieri
S.Pancrazio Sal., arrestato 46enne: aveva 86 dosi di cocaina

S.Pancrazio Sal., arrestato 46enne: aveva 86 dosi di cocaina

 

i più letti

Cervelli in fuga

Dalla Puglia ad Amsterdam come super esperto fiscale, la storia di Vito: «Tornare? Non credo»

Vito Mastrorocco, di Acquaviva delle Fonti, è arrivato in Olanda per la prima volta nel 2013. Ora ha 33 anni e si occupa di fiscalità internazionale in un grande gruppo bancario olandese

Dalla Puglia ad Amsterdam come super esperto fiscale, la storia di Vito: «Tornare? Non credo»

Vito Mastrorocco

BARI - Dalla Puglia all'Olanda come super esperto fiscale: è la storia di Vito Mastrorocco, 33 anni di Acquaviva delle Fonti. Uno dei tanti cervelli in fuga che la nostra terra sforna e che, una volta all'estero, si conquista il proprio angolo di mondo per bravura e caparbietà. Vito si è trasferito ad Amsterdam nel 2013 per scrivere la tesi dopo cinque anni di università in Italia. Ora, a 33 anni, si occupa di fiscalità internazionale e lavora in un grande gruppo bancario olandese. È partito dalla provincia di Bari e qualche anno prima aveva già fatto le valigie per andare in Erasmus a Stettino, in Polonia. «Il primo periodo in Olanda è stato segnante: è lì che ho conosciuto quella che ora è diventata mia moglie», racconta il ragazzo.

Finito il suo periodo di ricerca all'estero torna in Puglia, dove rimane un anno, si laurea, e riparte alla volta dei Paesi Bassi. Per i primi sette mesi pur di mantenersi fa di tutto: cameriere, pizzaiolo, lavapiatti. Intanto, cerca lavoro. Lo trova in una società giapponese che si occupa di fiscalità e finanza, dove resterà per quattro anni. «È stato il primo impatto con un ambiente di lavoro fortemente internazionale. Sembra una barzelletta ma ero un italiano, trasferito in Olanda, che lavorava per un gruppo nipponico».

Uno dei motivi che l'ha spinto ad abbandonare la propria terra natia è il deserto di possibilità. «Alle spalle ho fatto un praticantato a Bari, ovviamente non pagato. Non sono l’unico, lo so, ma in Olanda questa cosa non esiste. Se lavori, uno stipendio c’è sempre». Dal gruppo giapponese, Vito passa poi nel 2018 ad un gruppo bancario olandese: ora si sente un professionista affermato, il suo lavoro lo porta in giro per l’Europa. Ma, dice, non è come viaggiare: un aereo la mattina, l’arrivo in ufficio, e un altro volo la sera per tornare a casa dove lo aspettano sua moglie e la sua figlioletta.

Ma alla domanda se tornerebbe mai a lavorare in Puglia replica con amarezza: «Tornare? Almeno per lavoro la vedo difficile. Attualmente l’Italia è nel mio cuore solo come il Bel Paese dove c’è la mia famiglia, le mie origini, la cultura, il sole, il mare e il buon cibo. Il Bel Paese dove rilassarsi e divertirsi. Purtroppo sotto il profilo economico è in decadenza anche se, fortunatamente, anche qui ci sono degli eroi che sfruttano realtà economiche che il mondo ci invidia e che fanno di tutto per restare in Italia e difendere il made in Italy e la qualità che questo brand porta con sé».

E con un pizzico di nostalgia aggiunge: «Ciò che più mi manca della Puglia, oltre ai miei affetti, sono il sapore dei pomodori appena raccolti dalla pianta, il profumo dell’estate al mare, gli anziani che in gruppo commentano i lavori pubblici, uscire per un caffè anche se non era in programma in agenda. Ecco a casa adoro non avere un’agenda. Mi manca il rumore delle tazzine quando entri in un bar che si mescola con i profumi delle brioche (in Puglia li chiamiamo cornetti). E poi i panni stesi sui balconi delle case, camminare nei centri storici e immaginare cosa le persone stiano cucinando a causa dei profumi che si disperdono nelle viuzze, i sacerdoti vestiti in nero con il colletto bianco che sembrano bambini che vanno all’asilo ma che hanno sbagliato grembiule... direi che posso fermarmi qui».

Cambiare aria fa bene, ti fa crescere, ti forma e ti trasforma. Ma è anche vero che la propria casa è dove c'è il cuore. E finché ci saranno giovani come Vito che lasceranno in giro per il mondo un piccolo seme di «pugliesità», anche la nostra terra avrà modo di germogliare e prosperare. Con la speranza che un giorno queste piante rigogliose possano tornare vicino le proprie radici.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie