Martedì 22 Settembre 2020 | 19:48

NEWS DALLA SEZIONE

Curiosità
Sammichele, la zampina e il conte Vaaz: uno storico trova il legame

Sammichele, la zampina e il conte Vaaz: uno storico trova il legame

 
la storia
Sant'Arcangelo, scarpe realizzate a mano esportate in tutto il mondo

Sant'Arcangelo, scarpe realizzate a mano esportate in tutto il mondo

 
L'intervista
«Chiedimi la luna»: la favola di Cristiano Caccamo arriva in Puglia

«Chiedimi la luna»: la favola di Cristiano Caccamo arriva in Puglia

 
Nuovi talenti
Giovane biologa tra i finalisti al premio «Giovedì scienza»

Matera, giovane biologa tra i finalisti al premio «Giovedì scienza»

 
La curiosità
Nuoto, a Potenza la piscina olimpionica sarà dedicata a Bud Spencer

Nuoto, a Potenza la piscina olimpionica sarà dedicata a Bud Spencer

 
Vicenda depuratore
Manduria, reflui depurati in mare il «no» di Romina Power

Manduria, reflui depurati in mare il «no» di Romina Power

 
la trovata
Galatina, al liceo Vallone sagome di grandi personaggi come distanziatori, la ministra Azzolina: «Idea geniale»

Galatina, al liceo Vallone sagome di grandi personaggi come distanziatori, la ministra Azzolina: «Idea geniale»

 
la curiosità
Bari, elettore centenario al seggio per votare: lungo applauso degli scrutatori

Bari, elettore centenario al seggio per votare: lungo applauso degli scrutatori

 
Il personaggio
Rutigliano, Pietro Masotti l'attor giovine star della fiction

Rutigliano, il giovane Pietro Masotti conquista il pubblico femminile di Raiuno

 
Ostaggi Selvaggi
Triggianello, villaggio metafisico

Triggianello, villaggio metafisico

 
L'iniziativa
Case galleggianti? In Puglia, Mola sogna di abitare sull’acqua

Case galleggianti? In Puglia, Mola sogna di abitare sull’acqua

 

Il Biancorosso

Serie c
Bari calcio, esordio in Coppa Italia senza Di Cesare e De Risio

Bari calcio, esordio in Coppa Italia senza Di Cesare e De Risio

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl caso
Bari, scatta la prescrizione per 11 furbetti del cartellino dell'ex Provincia

Bari, scatta la prescrizione per 11 furbetti del cartellino dell'ex Provincia

 
TarantoContagi
Grottaglie, un impiegato della Leonardo è positivo al Covid 19

Grottaglie, un impiegato della Leonardo è positivo al Covid 19

 
BrindisiIn 60 anni
Brindisi, Roma e Milano nella top 100 delle città «più calde» d'Europa

Brindisi, Roma e Milano nella top 100 delle città «più calde» d'Europa

 
PotenzaNel Potentino
A Carbone il nuovo sindaco è «sconosciuto»: eletto con 78 voti un siciliano mai stato in paese

A Carbone il nuovo sindaco è «sconosciuto»: eletto con 78 voti un siciliano mai stato in paese

 
Materal'anniversario
Matera, quel 21 settembre che cambiò la nostra storia

Matera, quel 21 settembre che cambiò la nostra storia

 
FoggiaCovid
S. Giovanni Rotondo, tutto esaurito in Chiesa per la veglia di San Pio

S. Giovanni Rotondo, tutto esaurito in Chiesa per la veglia di San Pio

 
BatLavori pubblici
Bisceglie, manutenzione del Ponte Lama: arrivano 5 milioni

Bisceglie, manutenzione del Ponte Lama: arrivano 5 milioni

 
LecceViaggi della speranza
Gallipoli, migranti pakistani si riparano su isola Sant'Andrea: c'è anche bimbo di 11 anni

Gallipoli, migranti pakistani si riparano su isola Sant'Andrea: c'è anche bimbo di 11 anni

 

i più letti

Le novità

La Gazzetta si fa in quattro: da dicembre 4 edizioni per scrivere un'altra storia

Dal 2 dicembre le edizioni si accorpano per aree: le due province di Foggia e Bat (Barletta, Andria, Trani); la provincia di Bari; il Grande Salento (province di Brindisi, Lecce e Taranto); la Basilicata (province di Potenza e Matera).

La Gazzetta si fa in quattro: da dicembre 4 edizioni per scrivere un'altra storia

La Gazzetta si fa in quattro. Finora erano 7 le sue edizioni locali: 6 pugliesi (Bari, Bat, Brindisi, Foggia, Lecce, Taranto) e una lucana (Potenza e Matera). Dal 2 dicembre le edizioni si accorpano per aree: le due province di Foggia e Bat (Barletta, Andria, Trani); la provincia di Bari; il Grande Salento (province di Brindisi, Lecce e Taranto); la Basilicata (province di Potenza e Matera).

Nell'edizione barese, 4 pagine in più: una ciascuna per Altamura, Corato-Terlizzi, Molfetta e Monopoli. Sono 4 centri nevralgici che per dinamismo economico, pulsioni culturali e successi imprenditoriali, non sfigurano davanti alle più celebrate aree del ricco Nord.

L’accorpamento per aree geoeconomiche consentirà di avere un’informazione estesa al territorio circostante. In fondo la Puglia è la sintesi, anche culturale, di tre aree «storiche»: Daunia (oggi Foggiano e Nord Barese), Peucezia (oggi Bari e provincia) e Messapia (oggi Grande Salento).

Una sintesi, ovviamente comprensiva della Basilicata, che da 132 anni ha ne La Gazzetta del Mezzogiorno il suo sindacato e altoparlante di territorio. Domani un inserto speciale per l’avvio delle quattro edizioni.

Ma le novità non si esauriscono nelle 4 edizioni. Sarà più serrato il rapporto tra informazione digitale e prodotto cartaceo. Il sito sarà una fabbrica di notizie. L’edizione cartacea sarà sempre di più una fucina di approfondimenti, inchieste, analisi. La difesa del Sud resterà la missione della Gazzetta che accenderà più fari soprattutto sui nuovi problemi, a iniziare dalla condizione dei giovani, tentati dalla fuga oltre frontiera, alla ricerca di soddisfacenti sbocchi professionali.

PIù GIORNALISMO, PIù DEMOCRAZIA: L'EDITORIALE DEL DIRETTORE DE TOMASO

Tra le tipologie  principali del Belpaese deve figurare, morettianamente parlando,  un’insopprimibile vocazione a farsi del male. Solo, o anche, così si spiega il muro italico contro il Fondo salva-Stati predisposto dall’Unione Europea. Fondo che, intendiamoci, non vuol dire riedizione del miracolo di Cana (moltiplicazione dei pani e dei pesci), ma rete di protezione per quei Paesi in difficoltà, epperò animati dalla buona volontà di ridurre il loro debito. E qui parte del governo romano ha innalzato le barricate, trascurando una verità chiara come il sole: più si insorge contro chi, nel rispetto dei Trattati europei, sollecita la riduzione del debito pubblico, più si dà l’impressione ai mercati di non voler bonificare la propria finanza pubblica nazionale. Il che, di conseguenza, non costituisce un incentivo a sottoscrivere i titoli italiani, semmai rappresenta un incentivo (a colpire) per gli speculatori in agguato. Per non dire del danno reputazionale, che a sua volta contribuisce ad allontanare gli investitori esteri (e interni) dal Belpaese.
 Ma non è finita. Nelle tesi di coloro che si oppongono al Fondo salva-Stati va ravvisata una contraddizione grande come un grattacielo. In fondo, cosa dicono gli oppositori al Mes (Meccanismo europeo di stabilità)? Dicono che nessun organismo estero può minare la sovranità di uno Stato membro, neppure se lo Stato in questione è appesantito da una montagna di cambiali che non saprebbe come onorare. Ora. A parte il fatto che chi si indebita diviene oggettivamente meno libero, cioè meno sovrano, però non si capisce perché, su queste materie, ci debbano essere due pesi e due misure.
Spiegazione. Qual è la teoria di coloro che chiedono l’autonomia differenziata a beneficio delle Regioni del Nord Italia? Semplice: le tasse dei settentrionali non devono servire a pagare le spese del Sud, anche se la Costituzione italiana è un inno scritto al principio della solidarietà economica e della progressività fiscale. Di fatto, coloro che accusano la Germania di fare la voce grossa con l’Italia pretendendo il rispetto di norme rigorose per evitare l’exploit del debito pubblico sono gli stessi che difendono il Nord nella sua battaglia contro il trasferimento delle risorse al Sud.
I meccanismi (Fondo salva-Stati e autonomia regionale) che vorrebbero regolare i due casi (Europa-Italia, Nord-Sud) sono diversi, ma la loro filosofia è identica. Chi versa in cattive condizioni va aiutato in ossequio al principio di integrazione, solidarietà e mutualità. A patto però che si metta in regola con le esigenze della buona amministrazione.  Invece, i rigoristi del Nord che vorrebbero chiudere i rubinetti pubblici al Sud sono i primi a inveire contro Bruxelles che chiede una severa disciplina finanziaria per arginare l’indebitamento statale. Segno che ognuno, nel mondo, è sempre più a sud di qualcun altro.
    Purtroppo, attorno alla questione del Fondo salva-Stati si sta giocando una partita politica che non ha nulla a che fare con il merito del problema. La Lega va avanti nella sua linea sostanzialmente anti-comunitaria, anche se di recente  Matteo Salvini ha escluso fuoriuscite dall’euro, e non si è detto contrario all’approdo di Mario Draghi (Mister euro) al Quirinale. I 5Stelle di Luigi Di Maio, nel timore di perdere consensi a tutto vantaggio dell’ex alleato leghista, stanno ostacolando l’ok definitivo italiano al Fondo salva-Stati. Nel cuore della questione non entra quasi nessuno. Tutto è politica, cioè comunicazione politica.
 Il no al Mes potrebbe costare caro ai risparmiatori italiani, ma l’esigenza di assicurarsi un pingue consenso elettorale,  prevale, almeno per ora, su ogni altra considerazione collaterale. Ecco perché, anche  la contraddizione illustrata in precedenza sfugge ai radar dei controllori. Morale:  chi, in Italia, è rigorista contro il Sud, in Europa invoca indulgenza a beneficio dell’Italia, ossia del Nord. Non è un bell’esempio di coerenza. Diciamo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie