Domenica 15 Dicembre 2019 | 08:35

NEWS DALLA SEZIONE

La curiosità
Emiliano ha un sosia "storico": la somiglianza in un dipinto scovata da Sgarbi

Emiliano ha un sosia «storico»: la somiglianza in un dipinto scovata da Sgarbi

 
Concerto di Natale
Bari, la banda dell'aeronautica suona per i bimbi malati dell'Oncologico: il video

Bari, la banda dell'aeronautica suona per i bimbi malati dell'Oncologico: il video

 
Al trampolino
Bari, ecco il super nonno: dopo la corsa si tuffa in mare

Bari, ecco il super nonno: dopo la corsa si tuffa in mare

 
l'annuncio
Notte della Taranta, il tema del 2020 sarà il cinema

Notte della Taranta, il tema del 2020 sarà il cinema

 
il libro
«Chiamiamo il babbo», le figlie Paola e Silvia raccontano Ettore Scola in famiglia e sul set

«Chiamiamo il babbo», le figlie Paola e Silvia raccontano Ettore Scola in famiglia e sul set

 
docente all'università
Bari, scomparso professore Tommaso Masiello, il cordoglio di Decaro

Bari, scomparso professore Tommaso Masiello, il cordoglio di Decaro

 
l'annuncio
Petruzzelli, Martha Argerich annulla per motivi personali, il 15 concerto con Ivo Pogorelich

Petruzzelli, Martha Argerich annulla per motivi personali, il 15 concerto con Ivo Pogorelich

 
storia di due comunità
Stati Uniti, a Denver c'è un parco dedicato a Potenza: rinvigorito il gemellaggio

Stati Uniti, a Denver c'è un parco dedicato a Potenza: rinvigorito il gemellaggio

 
l'annuncio
Ermal Meta torna in tour nel 2021: tappa anche a Bari

Ermal Meta torna in tour nel 2021: tappa anche a Bari

 

Il Biancorosso

serie c
Bari: senza Di Cesare e Scavone, a Caserta per chiudere l'andata in bellezza

Bari: senza Di Cesare e Scavone, a Caserta per chiudere l'andata in bellezza

 

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiVia 53mila persone
Bomba day

Brindisi, evacuazione all'alba per bomba-day: città deserta, artificieri Esercito al lavoro

 
GdM.TVAllarme bomba
Bari, borsone sospetto su  panchina davanti alla stazione: traffico bloccato, zona transennata

Bari, borsone sospetto su panchina davanti alla stazione: traffico bloccato, zona transennata

 
Leccenel Leccese
Lizzanello, colpi di pistola contro vetrina parrucchiere: indagano i cc

Lizzanello, colpi di pistola contro vetrina parrucchiere: indagano i cc

 
Tarantosulla SS 106
Taranto, guida ubriaco con 200 stecche di sigarette nel portabagagli: denunciato

Taranto, guida ubriaco con 200 stecche di sigarette nel portabagagli: denunciato

 
Foggianel Foggiano
Manfredonia, barche «in regola», ma senza controlli: arrestati 4 militari Capitaneria

Manfredonia, barche risultavano «in regola»: arrestati 2 militari Capitaneria, 27 indagati

 
Materanel Materano
Base logistica mafia lucana a Bernalda: un altro fermo

Base logistica mafia lucana a Bernalda: un altro fermo

 
Batil caso
Bat, concorso funzionari ex Provincia: c'è l'ombra di una parentopoli

Bat, concorso funzionari ex Provincia: c'è l'ombra di una parentopoli

 
HomeMaltempo in Basilicata
Lauria, vento spazza via tetto di una palestra: ci sono feriti

Lauria, tromba d'aria spazza via tetto del PalaAlberti: 8 feriti, grave 28enne VD/FT

 

i più letti

Le novità

La Gazzetta si fa in quattro: da dicembre 4 edizioni per scrivere un'altra storia

Dal 2 dicembre le edizioni si accorpano per aree: le due province di Foggia e Bat (Barletta, Andria, Trani); la provincia di Bari; il Grande Salento (province di Brindisi, Lecce e Taranto); la Basilicata (province di Potenza e Matera).

La Gazzetta si fa in quattro: da dicembre 4 edizioni per scrivere un'altra storia

La Gazzetta si fa in quattro. Finora erano 7 le sue edizioni locali: 6 pugliesi (Bari, Bat, Brindisi, Foggia, Lecce, Taranto) e una lucana (Potenza e Matera). Dal 2 dicembre le edizioni si accorpano per aree: le due province di Foggia e Bat (Barletta, Andria, Trani); la provincia di Bari; il Grande Salento (province di Brindisi, Lecce e Taranto); la Basilicata (province di Potenza e Matera).

Nell'edizione barese, 4 pagine in più: una ciascuna per Altamura, Corato-Terlizzi, Molfetta e Monopoli. Sono 4 centri nevralgici che per dinamismo economico, pulsioni culturali e successi imprenditoriali, non sfigurano davanti alle più celebrate aree del ricco Nord.

L’accorpamento per aree geoeconomiche consentirà di avere un’informazione estesa al territorio circostante. In fondo la Puglia è la sintesi, anche culturale, di tre aree «storiche»: Daunia (oggi Foggiano e Nord Barese), Peucezia (oggi Bari e provincia) e Messapia (oggi Grande Salento).

Una sintesi, ovviamente comprensiva della Basilicata, che da 132 anni ha ne La Gazzetta del Mezzogiorno il suo sindacato e altoparlante di territorio. Domani un inserto speciale per l’avvio delle quattro edizioni.

Ma le novità non si esauriscono nelle 4 edizioni. Sarà più serrato il rapporto tra informazione digitale e prodotto cartaceo. Il sito sarà una fabbrica di notizie. L’edizione cartacea sarà sempre di più una fucina di approfondimenti, inchieste, analisi. La difesa del Sud resterà la missione della Gazzetta che accenderà più fari soprattutto sui nuovi problemi, a iniziare dalla condizione dei giovani, tentati dalla fuga oltre frontiera, alla ricerca di soddisfacenti sbocchi professionali.

PIù GIORNALISMO, PIù DEMOCRAZIA: L'EDITORIALE DEL DIRETTORE DE TOMASO

Tra le tipologie  principali del Belpaese deve figurare, morettianamente parlando,  un’insopprimibile vocazione a farsi del male. Solo, o anche, così si spiega il muro italico contro il Fondo salva-Stati predisposto dall’Unione Europea. Fondo che, intendiamoci, non vuol dire riedizione del miracolo di Cana (moltiplicazione dei pani e dei pesci), ma rete di protezione per quei Paesi in difficoltà, epperò animati dalla buona volontà di ridurre il loro debito. E qui parte del governo romano ha innalzato le barricate, trascurando una verità chiara come il sole: più si insorge contro chi, nel rispetto dei Trattati europei, sollecita la riduzione del debito pubblico, più si dà l’impressione ai mercati di non voler bonificare la propria finanza pubblica nazionale. Il che, di conseguenza, non costituisce un incentivo a sottoscrivere i titoli italiani, semmai rappresenta un incentivo (a colpire) per gli speculatori in agguato. Per non dire del danno reputazionale, che a sua volta contribuisce ad allontanare gli investitori esteri (e interni) dal Belpaese.
 Ma non è finita. Nelle tesi di coloro che si oppongono al Fondo salva-Stati va ravvisata una contraddizione grande come un grattacielo. In fondo, cosa dicono gli oppositori al Mes (Meccanismo europeo di stabilità)? Dicono che nessun organismo estero può minare la sovranità di uno Stato membro, neppure se lo Stato in questione è appesantito da una montagna di cambiali che non saprebbe come onorare. Ora. A parte il fatto che chi si indebita diviene oggettivamente meno libero, cioè meno sovrano, però non si capisce perché, su queste materie, ci debbano essere due pesi e due misure.
Spiegazione. Qual è la teoria di coloro che chiedono l’autonomia differenziata a beneficio delle Regioni del Nord Italia? Semplice: le tasse dei settentrionali non devono servire a pagare le spese del Sud, anche se la Costituzione italiana è un inno scritto al principio della solidarietà economica e della progressività fiscale. Di fatto, coloro che accusano la Germania di fare la voce grossa con l’Italia pretendendo il rispetto di norme rigorose per evitare l’exploit del debito pubblico sono gli stessi che difendono il Nord nella sua battaglia contro il trasferimento delle risorse al Sud.
I meccanismi (Fondo salva-Stati e autonomia regionale) che vorrebbero regolare i due casi (Europa-Italia, Nord-Sud) sono diversi, ma la loro filosofia è identica. Chi versa in cattive condizioni va aiutato in ossequio al principio di integrazione, solidarietà e mutualità. A patto però che si metta in regola con le esigenze della buona amministrazione.  Invece, i rigoristi del Nord che vorrebbero chiudere i rubinetti pubblici al Sud sono i primi a inveire contro Bruxelles che chiede una severa disciplina finanziaria per arginare l’indebitamento statale. Segno che ognuno, nel mondo, è sempre più a sud di qualcun altro.
    Purtroppo, attorno alla questione del Fondo salva-Stati si sta giocando una partita politica che non ha nulla a che fare con il merito del problema. La Lega va avanti nella sua linea sostanzialmente anti-comunitaria, anche se di recente  Matteo Salvini ha escluso fuoriuscite dall’euro, e non si è detto contrario all’approdo di Mario Draghi (Mister euro) al Quirinale. I 5Stelle di Luigi Di Maio, nel timore di perdere consensi a tutto vantaggio dell’ex alleato leghista, stanno ostacolando l’ok definitivo italiano al Fondo salva-Stati. Nel cuore della questione non entra quasi nessuno. Tutto è politica, cioè comunicazione politica.
 Il no al Mes potrebbe costare caro ai risparmiatori italiani, ma l’esigenza di assicurarsi un pingue consenso elettorale,  prevale, almeno per ora, su ogni altra considerazione collaterale. Ecco perché, anche  la contraddizione illustrata in precedenza sfugge ai radar dei controllori. Morale:  chi, in Italia, è rigorista contro il Sud, in Europa invoca indulgenza a beneficio dell’Italia, ossia del Nord. Non è un bell’esempio di coerenza. Diciamo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie