Venerdì 01 Luglio 2022 | 04:39

In Puglia e Basilicata

Farnesina verifica notizie

Mali, rapiti tre italiani originari di Potenza e un cittadino del Togo

Mali, fonti locali: rapiti tre italiani e un cittadino del Togo

Il minareto di una moschea di argilla a Timbuctù, in Mali

Tre italiani originari di Potenza e un cittadino del Togo sarebbero vittime di un rapimento in Mali a opera di «uomini armati». Lo riferiscono fonti locali citati dalla France Presse.

20 Maggio 2022

Redazione online

MALI - Tre italiani originari di Potenza e un cittadino del Togo sono stati sequestrati in Mali da «uomini armati». Il rapimento viene riferito da fonti locali citati dalla France Presse.

Il sequestro è avvenuto ieri sera nel sud-est del Mali, secondo quanto riferito alla Afp da un responsabile locale e da una fonte della sicurezza maliana. «Ieri sera uomini armati a bordo di un veicolo hanno rapito tre italiani e un togolese nella località di Sincina» nel sud-est del Paese, ha precisato la fonte locale.

Sarebbero una coppia italiana, «il loro bambino» e un cittadino togolese le persone sequestrate ieri sera in Mali, scrive il sito Africa Express citando un proprio stringer da Bamako e confermando che il sequestro è avvenuto a Sinzina, nel distretto di Koutiala, nel sud del Paese africano.

La coppia italiana con il bambino e il cittadino togolese rapiti in Mali sarebbero missionari dei Testimoni di Genova. Lo riferisce un funzionario locale di Koutiala che ha confermato il sequestro ma ha chiesto l'anonimato.

«Uomini armati a bordo di un veicolo hanno sequestrato ieri sera tre cittadini italiani e un togolese a una decina di chilometri da Koutiala», ha spiegato la fonte sottolineando che appartengono tutti, secondo lui, al movimento religioso dei Testimoni di Geova.

Mali: i tre rapiti sono originari di Potenza

20/05/2022 ore 20:07 - Sono originari di Potenza i tre rapiti in Mali.

Mali, testimoni di Geova: i rapiti non sono missionari

20/05/2022 ore 17:10 - L’Associazione dei Testimoni di Geova del Senegal, competente anche per il Mali, ha dichiarato che la coppia di italiani rapiti nel Paese africano assieme al loro bambino non erano sul posto per conto del movimento religioso.

«Attualmente non abbiamo alcun missionario, alcun religioso, Testimone di Geova in Mali», ha detto per telefono all’Ansa da Dakar un portavoce dell’Associazione rispondendo a domande sul sequestro. E questo, ha premesso, «da quasi un anno».

Ovviamente «esistono persone che sono testimoni di Geova in Mali come in molte altre parti del mondo, ma che noi non conosciamo personalmente; come ci sono molti cattolici sulla terra», ha aggiunto il portavoce sottolineando che «non conosciamo i nomi e le nazionalità di ciascuno». Comunque «ci stiamo informando per sapere chi siano queste persone», anche se "al momento non abbiamo informazioni ufficiali da condividere», ha concluso.

Mali, Farnesina verifica notizie sul sequestro 3 italiani

20/05/2022 ore 16:45 - In relazione alla notizia apparsa su taluni organi di stampa relativa al sequestro in Mali di 3 cittadini italiani, la Farnesina «rende noto che l’Unità di Crisi del Ministero degli Esteri sta compiendo le dovute verifiche e accertamenti».

«Il Ministro Di Maio sta seguendo in prima persona l’evolversi della vicenda», aggiunge la Farnesina in una nota.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725