Domenica 20 Gennaio 2019 | 03:26

NEWS DALLA SEZIONE

In Salento
Taurisano, dopo incidente chiede aiuto: il «soccorritore» tenta di stuprarla

Taurisano, dopo incidente chiede aiuto: il «soccorritore» tenta di stuprarla

 
A Castrignano del Capo
Beve in un bar detersivo al posto dell'acqua: asportato stomaco a 28enne nel Leccese

Chiede acqua in un bar e gli servono brillantante: asportato stomaco a 28enne nel Leccese

 
Vandali al Vanoni
Nardò, dalla finestra della scuola «piovono» sedie

Nardò, dalla finestra della scuola «piovono» sedie

 
Padre, madre e 2 figli
Famiglia dipendente dal web vive chiusa in casa per 2 anni e mezzo: incubo nel Salento

Famiglia dipendente dal web vive chiusa in casa per 2 anni e mezzo: incubo nel Salento

 
Nel Leccese
Strattona nonna 95enne per avere soldi per la droga: un arresto a Casarano

Strattona nonna 95enne per avere soldi per la droga: un arresto a Casarano

 
A Torre San Giovanni
Tenta rapina in farmacia con rasoio e scappa, arrestato 31enne salentino

Tenta rapina in farmacia con rasoio e scappa, arrestato 31enne salentino

 
Il movimento nel Salento
Melendugno: No Tap protestano in tute anticontaminazione

Melendugno: No Tap protestano in tute anticontaminazione

 
Nel Leccese
Copertino, incendio in capannone Fse: danneggiato treno merci

Copertino, incendio in capannone Fse: danneggiato treno merci

 
Il festival
Picturebook Fest: a Lecce arte e letteratura per ragazzi

Picturebook Fest: a Lecce arte e letteratura per ragazzi

 
All'ospedale Vito Fazzi
ospedale Vito Fazzi di Lecce

Polmone asportato senza aprire torace: super-intervento a Lecce

 
Parla Vincenzo Zara
Unisalento, Rettore: «Immatricolazioni in crescita»

Unisalento, Rettore: «Immatricolazioni in crescita»

 

Dopo arresto ex vicesindaco

Sogliano, prefetto nomina
una commissione d'indagine

Sogliano, prefetto nominauna commissione d'indagine

Il prefetto ha nominato una commissione di indagine che dovrà controllare gli atti dell’amministrazione di Sogliano e verificare eventuali condizionamenti da parte della criminalità organizzata. È la conseguenza del coinvolgimento dell’ex vicesindaco Stefano Magnolo nel blitz antimafia denominato «Contatto». A lui, finito ai domiciliari, si contestano rapporti troppo stretti con il clan dei fratelli Coluccia. «A carico di un amministratore - spiega il prefetto Claudio Palomba - sono emersi i reati tipici per lo scioglimento del consiglio comunale. Altre amministrazioni, su cui esiste un minimo sospetto, sono monitorate».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400