Martedì 28 Giugno 2022 | 10:56

In Puglia e Basilicata

Sanità

Lecce: stop ai disagi per il Pronto soccorso all'ospedale Vito Fazzi

ospedale Vito Fazzi di Lecce

Una delibera dell'Asl per voltare pagina anche in tempo di pandemia. Disposta un’organizzazione che cercherà di limitare i problemi registrati dagli utenti e dagli operatori

22 Maggio 2022

Monica Carbotta

LECCE - La Asl si organizza per assicurare medici e risorse al Pronto Soccorso. Team leader specialistici a supporto su chiamata. Accessi separati al Fazzi per pazienti positivi al Covid. La Asl di Lecce ha approvato il nuovo modello organizzativo. L’accettazione per i pazienti Covid positivi o con sintomatologia riconducibile a Sars-CoV-2 avrà un’area dedicata. Ci saranno, salvo nuove emergenze epidemiologiche, tre diversi percorsi: uno per i positivi, uno per i negativi ed uno emergenziale indipendente dal test.

È solo una delle novità introdotte dal progetto proposto dal gruppo di lavoro elaborato dal responsabile del coordinamento organizzativo delle unità operative specialistiche del Dea Giuseppe Rollo e da Carlo Sabino Leo, direttore medico di presidio facente funzioni del Fazzi. L’area dei Codici Rossi, cioè di quei pazienti che hanno almeno una delle funzioni vitali compromessa e sono in pericolo di vita, prevede l’accesso diretto all’area filtro dove avviene la presa in carico delle barelle. Dopo un veloce triage il paziente viene accompagnato nella sala controllo comune dei Codici Rossi, costituita da 4 box dedicati, per la stabilizzazione e l’osservazione del malato. Da qui può iniziare il percorso diagnostico-radiografico, quello interventistico con accesso diretto al blocco operatorio, quello intensivo con accesso alla Terapia Intensiva, o il percorso fine vita. Le risorse umane a disposizione per il Trauma Team sono: un medico, un infermiere ed un Oss che fanno parte dell’organico del Pronto Soccorso. A questi si affiancherà un team leader composto da un chirurgo, un rianimatore ed un infermiere del Dea che interverranno su chiamata. Il team leader per le emergenze cardiologiche prevede un medico del Dipartimento Cardiologico e un infermiere dello stesso dipartimento.

Per lo Stroke Team il Team Leader prevede un medico del Dipartimento testa collo ed un infermiere dello stesso reparto. La consolle di monitoraggio dei pazienti sarà garantita dalla presenza di un infermiere e un OSS assegnati al Trauma Center. Altra novità riguarda i pazienti in Osservazione Breve Intensiva: entro il cambio di turno, i pazienti che lo necessitano saranno ricoverati. I percorsi sono ben definiti anche per i codici arancioni, gialli e bianchi. In particolare per i codici bianchi i medici potranno prescrivere una visita specialistica con urgenza differibile da effettuare nelle 36-48 ore successive presso gli ambulatori della Asl o dei Distretti. La delibera approvata prevede inoltre che il nuovo assetto tecnologico si articoli in tre componenti: tecnologia al servizio della logistica, che comprende il trasporto interno dei pazienti; tecnologia al servizio dell’attività assistenziale, per esempio sale operatorie e terapie intensive; infine sistemi operativi ad alto contenuto tecnologico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725