Sabato 28 Marzo 2020 | 16:03

NEWS DALLA SEZIONE

l'emergenza
Coronavirus: bloccato in Montenegro, panettiere salentino torna a casa

Coronavirus: bloccato in Montenegro, panettiere salentino torna a casa

 
nel Leccese
Montesano S.no, cc gli chiedono autocertificazione, lui li minaccia di morte e investe anziano passante: arrestato

Montesano S.no, cc gli chiedono autocertificazione, lui li minaccia di morte e investe anziano passante: arrestato

 
nel Leccese
Ricercato in tutta Europa: arrestato latitante 40enne a Galatone

Ricercato in tutta Europa: arrestato latitante 40enne a Galatone

 
tra vernole e castrì
Si schianta con l'auto contro muretto: perde la vita una 26enne salentina

Si schianta con l'auto contro muretto: perde la vita una 26enne salentina

 
emergenza coronavirus
Soleto, pericolo focolaio in casa di risposo: anziani rimasti soli per 48 ore

Soleto, pericolo focolaio in casa di riposo: anziani rimasti soli per 48 ore

 
La denuncia
Coronavirus, Sappe Puglia: «Da 7 giorni poliziotte penitenziarie leccesi aspettano esito tampone»

Coronavirus, Sappe Puglia: «Da 7 giorni poliziotte penitenziarie leccesi aspettano esito tampone»

 
Solidarietà
Coronavirus Lecce, il Comune dona al «Fazzi» mascherine, guanti e tute

Coronavirus Lecce, il Comune dona al «Fazzi» mascherine, guanti e tute

 
emergenza
Coronavirus, Nardò 7mila mascherine donate da 3 imprenditori

Nardò solidarietà per le mascherine: 3 aziende ne donano 7mila alla comunità

 
nel Leccese
Fuori casa senza motivo: oltre 150 denunciati in due giorni in tutto il Salento

Fuori casa senza motivo: 70 denunce nel Salento in 24 ore, oltre 220 in tre giorni

 
in messico
Coronavirus, l'odissea di un salentino bloccato a Cancùn: l'aeroporto è chiuso

Coronavirus, l'odissea di un salentino bloccato a Cancùn: l'aeroporto è chiuso

 

Il Biancorosso

le dichiarazioni
Angelozzi e la grande paura: «Senza calcio manca l'aria»

Angelozzi e la grande paura: «Senza calcio manca l'aria»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Foggial'allarme
Coronavirus, a Foggia muore operatore del 118: aveva 48 anni

Coronavirus, a Foggia muore operatore del 118: aveva 48 anni

 
Homeemergenza coronavirus
Bari, volantini-truffaldini affissi nei portoni

Bari, volantini-truffaldini affissi nei portoni

 
Leccel'emergenza
Coronavirus: bloccato in Montenegro, panettiere salentino torna a casa

Coronavirus: bloccato in Montenegro, panettiere salentino torna a casa

 
Potenzail bollettino
Coronavirus Basilicata: altri 29 casi nelle ultime 24 ore, 170 positivi totali

Coronavirus Basilicata: altri 29 casi nelle ultime 24 ore, 170 positivi totali

 
Tarantol'operazione
Taranto, carabinieri arrestano 30enne rumena in casa con connazionali: ricercata dal 2015

Taranto, carabinieri arrestano 30enne rumena in casa con connazionali: ricercata dal 2015

 
Potenzaregione basilicata
Coronavirus, ordinanza di Bardi chiude i comuni di Tricarico, Irsina e Grassano

Coronavirus, ordinanza di Bardi chiude i comuni di Tricarico, Irsina e Grassano

 
Batemergenza coronavirus
Bat, attivati i droni per il controllo dall'alto anti-assembramenti

Bat, attivati i droni per il controllo dall'alto anti-assembramenti

 
Brindisia cerano
Sbarco di migranti nel Brindisino in piena emergenza sanitaria: circa 30 egiziani, tutti con le mascherine

Sbarco di migranti nel Brindisino in piena emergenza sanitaria: 44 egiziani e iracheni, minorenni, tutti con le mascherine

 

“Final Blow”

Lecce, associazione mafiosa dedita a spaccio, armi e gioco d'azzardo: 69 arresti

L'operazione è coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia. Le indagini furono avviate dopo aver intercettato una lettera proveniente dal carcere il cui mittente è stato poi identificato nell’ergastolano Cristian Pepe

Lecce, detenuto aggredisce in carcere agente della polizia penitenziaria

LECCE - Eseguite dai poliziotti di Lecce 69 ordinanze di custodia cautelare in carcere a carico di soggetti tutti indagati a vario titolo per i reati di associazione a delinquere di stampo mafioso, estorsione, violazione della legge sulle armi, associazione finalizzata al traffico di droga nonché esercizio aggravato e partecipazione al gioco d’azzardo.

Le indagini dei poliziotti della squadra mobile, coordinati dal Servizio Centrale Operativo, partite alla fine dell’anno 2017 dopo aver intercettato una lettera proveniente dal carcere il cui mittente è stato poi identificato nell’ergastolano Cristian Pepe, sono durate oltre un anno con il ricorso a numerose attività tecniche. Il lavoro investigativo ha permesso di accertare la consolidata egemonia su lecce del clan Pepe, facente capo a Pepe Cristian capo storico del clan e a al fratello, Pepe Antonio, meglio noto con il soprannome di «Totti». Le articolate indagini hanno evidenziato come il sodalizio criminale avesse ormai preso il controllo esclusivo, nella citta di Lecce e in molti dei comuni prossimi al capoluogo, delle principali attività criminali attraverso la gestione di canali di approvvigionamento della sostanza stupefacente, la successiva vendita al dettaglio, le estorsioni nonché il controllo del gioco d’azzardo.

Le indagini hanno permesso di intercettare due riti di affiliazione alle organizzazioni criminali, in stile Sacra Corona Unita.

Nel corso delle indagini si è assistito al graduale assoggettamento dei diversi gruppi criminali operanti nelle zone di Squinzano, Galatone, Nardò, Surbo, nonché delle marine adriatiche, al Clan Pepe che allo stato rappresenta, uno dei principali sodalizi criminali della Provincia di Lecce.

L'attività investigativa ha anche evidenziato il consolidato rapporto con le organizzazioni criminali Brindisine che hanno trovato nel Capo Clan reggente Antonio Pepe detto «Totti» e nei suoi affiliati i principali interlocutori per la gestione delle cointeressenze criminali tra le due provincie.

Per rafforzare il potere e rendere ancora più marcati i tratti identitari del Clan e dei suoi alleati i capi famiglia hanno associato nuovi adepti, infatti, sono state captate a mezzo di intercettazioni telematiche due affiliazioni con relativo rito che hanno permesso di accertare il permanere dei tratti caratteristici storici della Sacra Corona Unita.

Le indagini hanno consentito di acquisire chiari elementi relativi all’interesse del clan nella gestione delle cosiddette «bische clandestine«, acquisendo il 40 % degli introiti, nonché il tentativo, da parte del reggente Totti Pepe, di condizionare, in suo favore addirittura i risultati di giochi gestiti dal monopolio di stato cercando attraverso pressioni di ottenere agevolazioni nelle vincite per gli appartenenti al clan ed i loro familiari.

Le investigazioni hanno consentito inoltre di far luce sull’attentato incendiario avvenuto in data 30 agosto 2017 in danno del Maresciallo dei Carabinieri, comandante della stazione Carabinieri di Surbo, avvenuto ad opera di soggetti della criminalità organizzata operanti nella zona di Surbo .

Sono emersi ulteriormente elementi relativi al tentativo da parte del clan di influenzare l’operato di amministratori locali al fine di assicurarsi le relative autorizzazioni ad organizzare eventi e spettacoli in un’area oggetto di concessione comunale.

 Nel corso delle investigazioni sono state documentate cessioni di svariati chilogrammi di eroina e cocaina e sequestrate alcune centinaia di KG di marijuana.

Nel corso dell’attività è inoltre stata sequestrata una pistola con relativo munizionamento perfettamente funzionante.

All’operazione di stamattina hanno preso parte circa 400 uomini della Polizia di Stato. 

 

LE PAROLE DEL MINISTRO LAMORGESE - Il ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, ha espresso «grandissima soddisfazione» per le vaste operazioni antimafia condotte dalla Polizia di Stato a Reggio Calabria e Lecce e coordinate dalle competenti direzioni distrettuali antimafia. Queste due operazioni - con l’impiego di centinaia di donne e uomini della Polizia di Stato - hanno portato all’esecuzione di decine di ordinanze di custodia cautelare e perquisizioni nei confronti di capi storici, elementi di vertice ed affiliati di pericolose cosche locali, anche con il sequestro di armi ad elevato potenziale offensivo.
«L'incessante lavoro investigativo di magistratura e Polizia di Stato - ha dichiarato il ministro - ha consentito di smantellare sodalizi criminali che avevano assunto la gestione a livello locale delle principali attività illecite. Lo sforzo degli inquirenti e degli investigatori è massimo: lo testimoniano - ha aggiunto - gli straordinari risultati conseguiti contro gruppi criminali in grado di infiltrare e radicarsi nei settori socio-economici ed imprenditoriali e di penetrare gli apparati amministrativi e istituzionali».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie