Martedì 28 Gennaio 2020 | 04:25

NEWS DALLA SEZIONE

Nel centro storico
Lecce, Ztl: parte la rivolta dei commercianti

Lecce, Ztl: parte la rivolta dei commercianti

 
Il video
San Cataldo, sulla spiaggia di Frigole ecco che spunta una foca monaca

San Cataldo, sulla spiaggia di Frigole ecco che spunta una foca monaca

 
Il focolaio
Boom di casi di morbillo in Salento: l'allarme dei pediatri

Boom di casi di morbillo in Salento: l'allarme dei pediatri

 
La visita
Lecce, il 27 gennaio il vice segretario Crippa (Lega) sarà in Salento

Lecce, il 27 gennaio il vice segretario Crippa (Lega) sarà in Salento

 
all'alba
Peschereccio carico di migranti si incaglia sugli scogli: sbarco a Torre Pali, in Salento

Peschereccio carico di migranti si incaglia sugli scogli: sbarco a Torre Pali, in Salento

 
Nel Salento
Alessano, a casa le spoglie del fratello di Don Tonino Bello

Alessano, a casa le spoglie del fratello di Don Tonino Bello

 
La decisione
La senatrice Liliana Segre sarà cittadina onoraria di Lecce

La senatrice Liliana Segre sarà cittadina onoraria di Lecce

 
Giornata della Memoria
Shoah, l'accoglienza di Nardò: in dono al Comune le foto dei rifugiati ebrei

Shoah, l'accoglienza di Nardò: in dono al Comune le foto dei rifugiati ebrei

 
l'indagine
Si fingeva grande chef e molestava studentesse: 23enne salentino arrestato a Roma

Si fingeva grande chef e molestava studentesse: 23enne salentino arrestato a Roma

 
nel Leccese
Nardò, 91enne trovata a casa nel sangue, muore in ospedale: è giallo

Nardò, 91enne trovata a casa nel sangue, muore in ospedale: è giallo

 
L'annuncio
«Christian Dior» sfilerà a maggio a Lecce

«Christian Dior» sfilerà a maggio a Lecce

 

Il Biancorosso

23ma Giornata serie C
Bari in casa Reggina per riaprire la corsa al primato

Perrotta salva il Bari al Granillo: 1-1 in casa della Reggina. La diretta

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatL'accusa
«Mio fratello pestato in cella»: la denuncia della sorella dell'andriese Filippo Griner

«Mio fratello pestato in cella»: la denuncia della sorella dell'andriese Filippo Griner

 
Potenzaregione basilicata
Potenza, manca il numero legale, sciolta riunione del consiglio regionale

Potenza, manca il numero legale, sciolta riunione del consiglio regionale

 
FoggiaL'intervento
San Severo, riprende la raccolta rifuti dopo l'incendio dei mezzi della Buttol

San Severo, riprende la raccolta rifuti dopo l'incendio dei mezzi della Buttol

 
HomeIl giallo
Bari, recuperato in mare il cadavere di una donna: forse un suicidio

Bari, recuperato in mare il cadavere di una donna: forse un suicidio (FOTO)

 
TarantoIl caso
Omicidio in sala giochi: 3 condanne a 30 anni a Taranto

Omicidio in sala giochi: 3 condanne a 30 anni a Taranto

 
BrindisiIl salvataggio
Brindisi, cucciolo di foca spiaggiato a Torre San Gennaro: ha bisogno di cure

Brindisi, cucciolo di foca spiaggiato a Torre San Gennaro: ha bisogno di cure

 
MateraIl caso
Matera, hanno tentato di truffare una nonnina: in due agli arresti domiciliari

Matera, hanno tentato di truffare una nonnina: in due agli arresti domiciliari

 
LecceNel centro storico
Lecce, Ztl: parte la rivolta dei commercianti

Lecce, Ztl: parte la rivolta dei commercianti

 

i più letti

Il caso

Otranto, sigilli ai pontili: indagati sindaco e giunta

Le accuse: «Occupazione arbitraria del demanio marittimo e omesso smontaggio»

Otranto

OTRANTO - Ormeggi sequestrati e sei indagati. Irrompe la Procura nel caso dei pontili galleggianti. Lo fa con un sequestro preventivo che congela la struttura e che formalizza le accuse nei confronti del sindaco Pierpaolo Cariddi, di quattro assessori e di un dirigente comunale. Rispondono di occupazione abusiva del demanio marittimo per non aver smontato i pontili prospicienti il “bastione dei Pelasgi”. I militari della Guardia costiera hanno eseguito il provvedimento ieri pomeriggio.

La vicenda, prima di giungere all’attenzione della Procura (il procedimento penale è stato aperto nel 2018), ha attraversato le aule della giustizia amministrativa fra Tar e Consiglio di Stato. Tutto ruota attorno al mancato smontaggio e alla rimozione dei pontili, opera fortemente voluta dall’amministrazione comunale. I pontili galleggianti erano stati autorizzati ma con una prescrizione: al termine della stagione estiva si sarebbero dovuti smontare, per « mitigare l’impatto paesaggistico e restituire l’integrità panoramica, nonché consentire interventi di manutenzione». Il parere della Direzione regionale per i beni culturali e paesaggistici della Puglia è del 29 novembre 2010. Ed è qui che comincia il braccio di ferro. Il Comune non ci sta a smontare adducendo «serie difficoltà di ordine tecnico e finanziario che avrebbero reso inopportuna l’operazione». L’istanza del Comune viene respinta dalla Soprintendenza che ribadisce la «stagionalità» dei pontili galleggianti. Il Tar dà ragione all’amministratore, ma il Consiglio di Stato rovescia l’esito sottolineando che «l’opera stabile che intende mantenere il Comune non ha più i requisiti di reversibilità e stagionalità, sicché il suo mantenimento comporta l’alterazione permanente dell’integrità visiva e della cornice ambientale dei beni tutelati».

Il Comune, però, continua la battaglia. E (siamo nel 2018) indice una conferenza dei servizi per il mantenimento dei pontili. Ma anche dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri arriva un «no» al mantenimento dei pontili, confermando la posizione della Soprintendenza. Alla fine il Consiglio di Stato conferma la legittimità e la correttezza dell’ordine di rimozione dei pontili emesso da Soprintendenza. Arrivano le diffide dell’Ufficio circondariale marittimo di Otranto e dell’Avvocatura. Il Comune ci riprova con un’ulteriore conferenza dei servizi. Elabora un progetto per abbassare l’altezza dei pontili, ma la Soprintendenza è irremovibile e chiarisce: «Il ripristino della liceità dello stato dei luoghi attraverso lo smontaggio dei pontili galleggianti imposto nei legittimi titoli autorizzativi rappresenta condizione ineludibile per la procedibilità della valutazione di qualunque progetto».
Sullo sfondo del braccio di ferro, la Procura individua un’occupazione arbitraria dell’area demaniale e rileva il fatto che il Comune non ha mai ottemperato, nonostante le diffide ricevute, alla rimozione delle strutture che «continuano ad insistere sullo specchio acqueo anche in periodo invernale in aperto spregio alle prescrizioni poste in seno in seno all’Autorizzazione Paesaggistica». 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie