Mercoledì 23 Gennaio 2019 | 05:59

NEWS DALLA SEZIONE

A Giuggianello
Rave party illegale in Salento: 5 denunciati per festa in capannone

Rave party illegale in Salento: cinque denunciati per festa in capannone

 
Nella notte
Tap, acqua contaminata: blitz delle Tute blu davanti ad azienda di Martano

Tap, acqua contaminata: blitz delle «Tute blu» davanti ad azienda di Martano

 
A Miggiano
Lecce, cade dal tetto di un capannone industriale: morto 72enne

Lecce, cade dal tetto di un capannone: morto 72enne

 
Lotta alla droga
Lecce, trovato con 7 chili di marijuana: arrestato 19enne

Lecce, nascondeva 7 kg di marijuana in garage: arrestato 19enne

 
Il gasdotto
Tap, al via l'esame dei periti della Procura: presente anche Emiliano

Tap, al via esame periti della Procura: in aula anche Governatore Emiliano

 
L'appello
L'arcivescovo di Lecce Seccia con la Gazzetta: «Chi può intervenga»

L'arcivescovo di Lecce Seccia con la Gazzetta: «Chi può intervenga»

 
la vertenza salento
Lecce, gasdotto e risarcimenti, Minerva: «Presto un tavolo»

Lecce, gasdotto e risarcimenti, Minerva: «Presto un tavolo»

 
Truffa nel Leccese
Alezio, estorce soldi ad anziano fingendosi il figlio di un vecchio amico malato

Alezio, estorce soldi ad anziano fingendosi il figlio di un vecchio amico malato

 
Ambiente
Colombi e igiene, la Procura di Lecce apre un fascicolo

Colombi e igiene, la Procura di Lecce apre un fascicolo

 
In Salento
Taurisano, dopo incidente chiede aiuto: il «soccorritore» tenta di stuprarla

Taurisano, dopo incidente chiede aiuto: il «soccorritore» tenta di stuprarla

 
A Castrignano del Capo
Beve in un bar detersivo al posto dell'acqua: asportato stomaco a 28enne nel Leccese

Chiede acqua in un bar e gli servono brillantante: asportato stomaco a 28enne nel Leccese

 

Dopo chemioterapia

Muore a 49 anni dopo cure, 20 medici indagati

La donna era in cura per una sospetta leucemia

Muore a 49 anni dopo cure, 20 medici indagati

Una paziente muore a 49 anni per una sospetta infezione dopo un primo ciclo di chemio per curare una sospetta leucemia. E ora la Procura di Lecce ha aperto un’indagine. Come atto dovuto il magistrato inquirente, Giovanna Cannarile, ha iscritto il nome di 20 medici nel registro degli indagati con l’accusa di responsabilità colposa per morte in ambito sanitario. Nel pomeriggio di ieri, alla presenza dei consulenti di parte, è stata eseguita l’autopsia dal medico legale Francesco Introna. L’odissea della donna sarebbe iniziata ad agosto quando la 49enne, una casalinga, si presenta all’ospedale di Scorrano per alcuni calcoli renali. I medici le prescrivono una cura antibiotica. I problemi, però, non finiscono. Anzi: la 49enne avrebbe accusato un forte stato di debolezza che il medico curante avrebbe addebitato alla lunga cura antibiotica.

Dopo le analisi del sangue sarebbe stato rilevato un abbassamento dei globuli bianchi rispetto ai valori standard. La donna è stata così ricoverata due giorni (il 15 e il 24 ottobre scorsi) presso l’oncologico di Lecce per sottoporsi al prelievo di alcuni vetrini e comprendere la causa di quell’abbassamento di globuli bianchi nel sangue. Due giorni dopo è stato effettuato il prelievo del midollo osseo poi inviato all’ospedale Umberto I di Roma per la biosia. La donna sarebbe stata comunque sottoposta al primo ciclo di chemio associata ad una cura sperimentale già il 2 novembre senza che i medici avessero l’effettiva contezza sugli esiti degli esami spediti a Roma. In più, alla donna sarebbe stato impiantato un catetere centrale venoso (per la somministrazione dei farmaci) che, dieci giorni dopo, si sarebbe infettato come comunicato da un dottore. L’infettivologo sarebbe stato interpellato solo tre giorni prima del decesso. A dire dei parenti, troppo tardi. La donna, infatti, il 4 dicembre, è stata trasferita nel reparto di rianimazione in condizioni ormai disperate.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400