Domenica 07 Agosto 2022 | 17:33

In Puglia e Basilicata

Le tangenti

Puglia, appalti della Protezione civile: uno degli imprenditori ha parlato

Bari,  «l’ospedale in  Fiera funziona,  non deve essere smantellato»

Mario Lerario

Nuovo interrogatorio di Mottola, rinviato a giudizio per corruzione. Ma il gup: ha fatto ammissioni irrilevanti, deve restare ai domiciliari. Lerario ha ottenuto 30mila euro di mazzette. L’accusa: non erano regali erano il compenso per i contratti illegittimi

06 Agosto 2022

Massimiliano Scagliarini

BARI - La liquidazione dei lavori ottenuti dalla Protezione civile per importi superiori a quelli stabiliti in sede di appalto si spiegherebbe con le «richieste verbali» che l’ex dirigente regionale Mario Lerario, il funzionario Antonio Mercurio e il direttore generale dell’agenzia Asset, Elio Sannicandro (totalmente estraneo a questa indagine), avrebbero fatto a Donato Mottola, l’imprenditore di Noci arrestato a dicembre per le tangenti a Lerario e rinviato a giudizio ieri dal gup Giuseppe Battista. Ma questa giustificazione, fornita da Mottola nel corso di un interrogatorio tenuto il 18 luglio davanti alla Finanza, non è sufficiente a mutare il quadro indiziario: né tantomeno le «confessioni» dell’imprenditore, che potrebbero astrattamente far aprire nuovi filoni di inchiesta, non scalfiscono gli indizi che giustificano gli arresti domiciliari.

Mottola è accusato di concorso in corruzione propria per una tangente da 20mila euro pagata - secondo la Procura di Bari...

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO SULLA NOSTRA DIGITAL EDITION E SUL CARTACEO

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

EDITORIALI

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725